laRegione
firme-referendum-e-iniziative-il-parlamento-per-lo-status-quo
Ti-Press
Immutato il numero di sottoscrizioni necessarie
15.03.22 - 19:29
Aggiornamento: 16.03.22 - 00:10

Firme referendum e iniziative: il parlamento per lo status quo

‘Già oggi il tasso di riuscita è elevato, non vi è motivo per cambiare’. Il Gran Consiglio boccia le iniziative parlamentari dell’Mps

Il plenum decide per lo status quo. Rimane immutato il numero di firme necessario a livello cantonale per la riuscita delle iniziative legislative e dei referendum, così come il numero di sottoscrizioni per la domanda di revoca del Consiglio di Stato e dei Municipi. Dopo la commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’, anche il Gran Consiglio sostiene il rapporto della leghista Sabrina Aldi e boccia così le proposte avanzate da Simona Arigoni Zürcher per l’Mps-Pop-Indipendenti. Quattro iniziative parlamentari che Arigoni Zürcher aveva depositato nell’autunno 2020 per chiedere, passando dalla modifica della Costituzione ticinese, di abbassare da 7mila a 4mila le firme per le iniziative popolari legislative e per i referendum, di ridurre da 15mila a 7mila quelle necessarie per poter presentare l’istanza di revoca del governo cantonale e di diminuire anche quelle per la domanda di revoca degli esecutivi locali (la domanda "deve raccogliere l’adesione di almeno il 5% dei cittadini aventi diritto di voto", oggi il 30%). Quattro iniziative del Movimento per il socialismo respinte questo pomeriggio dal plenum del Gran Consiglio con il sì al rapporto di Aldi, accolto con 42 voti (12 i contrari e 6 gli astenuti).

«Dati statistici alla mano, in Ticino gli strumenti del referendum e dell’iniziativa funzionano: il tasso di riuscita è elevato, per cui non si vede la ragione di cambiare», ha rilevato Aldi. I dati la relatrice li aveva menzionati nel proprio rapporto: tra il 2004 e il 2021 "sono riusciti ben 30 referendum su 34 e 51 iniziative popolari (costituzionali e legislative) su 62, per un tasso di riuscita dell’88,2% (referendum) e dell’82,3% (iniziative popolari)". Non vede motivi per un cambiamento neppure Omar Terraneo. Il deputato liberale radicale non vede quindi motivi per intervenire sulla Costituzione cantonale, interessata appena tre anni fa da una modifica sullo stesso tema: venne non diminuito il numero di firme, ma esteso il tempo di raccolta delle stesse e cioè da 45 a 60 giorni per i referendum e da 60 a 100 per le iniziative popolari legislative e costituzionali. Anche per la domanda di revoca degli esecutivi cantonale e comunali è lo status quo: varranno dunque le disposizioni vigenti pure per l’istanza di destituzione. «Si tratta di uno strumento previsto in casi eccezionali, vale a dire in caso di grave crisi istituzionale: agevolandone l’uso si rischia di bloccare l’attività degli esecutivi per scopi unicamente elettorali», ha sottolineato Terraneo.

A favore del rapporto di Aldi anche Sabrina Gendotti (Ppd): «Considerato l’alto tasso di riuscita di referendum e iniziative popolari, l’attuale numero di firme richiesto non costituisce un ostacolo». Libertà di voto nel gruppo socialista, ha fatto sapere Carlo Lepori, che ha comunque ricordato le difficoltà odierne «nella raccolta delle firme, a causa del voto per corrispondenza: oggi infatti per votazioni ed elezioni non va quasi più nessuno al seggio». Le firme per un referendum o un’iniziativa «si va in piazza a raccoglierle» e in piazza «ci sono sì più persone, ma tante anche senza diritto di voto, non avendo la cittadinanza svizzera». Per Arigoni Zürcher «anche se si è votato solo tre anni fa per l’allungamento dei tempi per la raccolta delle firme, non significa che la società nel frattempo non sia cambiata. Ancor più cittadini e movimenti potrebbero far sentire la loro voce riducendo il numero di firme necessarie per la riuscita di iniziative e referendum».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
iniziative referendum iniziative popolari
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
42 min
Mendrisio, ‘come si sta gestendo la penuria d’acqua?’
A chiederlo, con un’interrogazione urgente al Municipio, sono tre consiglieri comunali dell’AlternativA
Ticino
1 ora
Peste suina alle porte, previste limitazioni per alcune attività
Presentato dal Consiglio di Stato il ‘Manuale operativo’ per gestire il virus. ‘Segnalare le carcasse e smaltire correttamente i rifiuti’
Ticino
1 ora
‘Serve un maggiore accumulo idrico nei grandi laghi’
È quanto emerge dall’incontro tra un gruppo del Gran Consiglio e i Consigli regionali di Lombardia e Piemonte
Ticino
1 ora
Il Cantone apre ai bitcoin: ‘Pagamenti limitati, per ora’
Sarà possibile pagare alcune tasse amministrative online. ‘Si tratta di un progetto pilota, per ora gli importi sono limitati e non toccano le imposte’
Luganese
2 ore
Campione d’Italia, il sindaco si autosospende. Padula ad interim
Motivi di salute all’origine della decisione del primo cittadino dell’enclave. Dovrebbe rientrare in carica per fine settembre
Bellinzonese
3 ore
È giunta l’ora delle ruspe per la vecchia Valascia
Lunedì 11 luglio l’avvio della demolizione. Appuntamento sul posto per chi vorrà salutarla un’ultima volta
Bellinzonese
3 ore
Abuso sessuale alla Fabrique, imputato di nuovo in aula
Processo bis nei confronti dell’uomo condannato in prima istanza per aver approfittato di una ragazza ubriaca. La difesa chiede l’assoluzione
Grigioni
4 ore
È deceduto il bagnante rinvenuto sabato nel Lago di Poschiavo
Il 54enne italiano si era immerso ma non era più tornato in superficie. Ritrovato ad alcuni metri di profondità, era stato elitrasportato in ospedale.
Locarnese
5 ore
Tampona con lo scooter una macchina, gravi ferite per un 55enne
Lo scontro è avvenuto verso le 13.30 poco prima della rotonda dell’aeroporto di Locarno.
Locarnese
10 ore
Aumenta la popolazione scolastica in Bassa Vallemaggia
Ai Ronchini una sezione in più delle Elementari; arriva una nuova docente e viene istituita la figura del vicedirettore
© Regiopress, All rights reserved