laRegione
15.03.22 - 19:29
Aggiornamento: 16.03.22 - 00:10

Firme referendum e iniziative: il parlamento per lo status quo

‘Già oggi il tasso di riuscita è elevato, non vi è motivo per cambiare’. Il Gran Consiglio boccia le iniziative parlamentari dell’Mps

firme-referendum-e-iniziative-il-parlamento-per-lo-status-quo
Ti-Press
Immutato il numero di sottoscrizioni necessarie

Il plenum decide per lo status quo. Rimane immutato il numero di firme necessario a livello cantonale per la riuscita delle iniziative legislative e dei referendum, così come il numero di sottoscrizioni per la domanda di revoca del Consiglio di Stato e dei Municipi. Dopo la commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’, anche il Gran Consiglio sostiene il rapporto della leghista Sabrina Aldi e boccia così le proposte avanzate da Simona Arigoni Zürcher per l’Mps-Pop-Indipendenti. Quattro iniziative parlamentari che Arigoni Zürcher aveva depositato nell’autunno 2020 per chiedere, passando dalla modifica della Costituzione ticinese, di abbassare da 7mila a 4mila le firme per le iniziative popolari legislative e per i referendum, di ridurre da 15mila a 7mila quelle necessarie per poter presentare l’istanza di revoca del governo cantonale e di diminuire anche quelle per la domanda di revoca degli esecutivi locali (la domanda "deve raccogliere l’adesione di almeno il 5% dei cittadini aventi diritto di voto", oggi il 30%). Quattro iniziative del Movimento per il socialismo respinte questo pomeriggio dal plenum del Gran Consiglio con il sì al rapporto di Aldi, accolto con 42 voti (12 i contrari e 6 gli astenuti).

«Dati statistici alla mano, in Ticino gli strumenti del referendum e dell’iniziativa funzionano: il tasso di riuscita è elevato, per cui non si vede la ragione di cambiare», ha rilevato Aldi. I dati la relatrice li aveva menzionati nel proprio rapporto: tra il 2004 e il 2021 "sono riusciti ben 30 referendum su 34 e 51 iniziative popolari (costituzionali e legislative) su 62, per un tasso di riuscita dell’88,2% (referendum) e dell’82,3% (iniziative popolari)". Non vede motivi per un cambiamento neppure Omar Terraneo. Il deputato liberale radicale non vede quindi motivi per intervenire sulla Costituzione cantonale, interessata appena tre anni fa da una modifica sullo stesso tema: venne non diminuito il numero di firme, ma esteso il tempo di raccolta delle stesse e cioè da 45 a 60 giorni per i referendum e da 60 a 100 per le iniziative popolari legislative e costituzionali. Anche per la domanda di revoca degli esecutivi cantonale e comunali è lo status quo: varranno dunque le disposizioni vigenti pure per l’istanza di destituzione. «Si tratta di uno strumento previsto in casi eccezionali, vale a dire in caso di grave crisi istituzionale: agevolandone l’uso si rischia di bloccare l’attività degli esecutivi per scopi unicamente elettorali», ha sottolineato Terraneo.

A favore del rapporto di Aldi anche Sabrina Gendotti (Ppd): «Considerato l’alto tasso di riuscita di referendum e iniziative popolari, l’attuale numero di firme richiesto non costituisce un ostacolo». Libertà di voto nel gruppo socialista, ha fatto sapere Carlo Lepori, che ha comunque ricordato le difficoltà odierne «nella raccolta delle firme, a causa del voto per corrispondenza: oggi infatti per votazioni ed elezioni non va quasi più nessuno al seggio». Le firme per un referendum o un’iniziativa «si va in piazza a raccoglierle» e in piazza «ci sono sì più persone, ma tante anche senza diritto di voto, non avendo la cittadinanza svizzera». Per Arigoni Zürcher «anche se si è votato solo tre anni fa per l’allungamento dei tempi per la raccolta delle firme, non significa che la società nel frattempo non sia cambiata. Ancor più cittadini e movimenti potrebbero far sentire la loro voce riducendo il numero di firme necessarie per la riuscita di iniziative e referendum».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
2 ore
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
5 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
5 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
8 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
8 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
8 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
13 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
15 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
18 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
© Regiopress, All rights reserved