laRegione
14.03.22 - 17:33
Aggiornamento: 18:28

Il Cantone investirà 95 milioni per la banda ultralarga

Il messaggio prevede un credito pubblico su 15 anni per incentivare la connessione veloce alla rete della quasi totalità del territorio ticinese

di Generoso Chiaradonna
il-cantone-investira-95-milioni-per-la-banda-ultralarga
Ti-Press

Investire 95 milioni di franchi nei prossimi 15 anni per incentivare l’allacciamento di almeno il 95% degli edifici ticinesi alla rete a banda ultralarga: è questo l’obiettivo del messaggio presentato questa mattina dal Consiglio di Stato in conferenza stampa, concretizzando così il compito ricevuto dal Gran Consiglio nel 2016, con l’approvazione praticamente unanime della mozione volta a implementare un’infrastruttura a banda ultralarga estesa su tutto il territorio cantonale. Un progetto, quindi, che parte da lontano e che con la pandemia di coronavirus e la spinta che ha dato al telelavoro è diventata ancora di più d’attualità. Una buona connessione di rete azzera, di fatto, le distanze tra centri urbani e periferie ridando slancio a queste ultime sia in termini progettuali, sia in termini economici.

Per raggiungere questo obiettivo, il governo propone lo stanziamento di un credito quadro massimo di 95 milioni di franchi per un periodo di 15 anni, che si basa sugli approfondimenti e gli scenari sviluppati nell’ambito del ‘Piano strategico per la banda ultralarga’. In particolare, il modello d’incentivi – non si tratta di finanziamenti a pioggia – proposto favorirà lo sviluppo della rete nelle regioni periferiche, privilegiando soluzioni di accesso in ambito fisso e la rapidità di realizzazione dell’infrastruttura. «La legislatura 2019-2023 è stata caratterizzata da una modalità di emergenza continua: prima l’emergenza Covid, ora gli effetti della guerra in Ucraina. Il progetto vuole andare oltre le contingenze e guardare al futuro con una logica di progettualità», ha spiegato durante la conferenza stampa di presentazione Christian Vitta, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe).

Favorire lo sviluppo economico armonioso tra regioni

«Lo sviluppo su scala cantonale di una rete a banda ultralarga è un progetto infrastrutturale, strategico e generazionale», ha continuato Vitta. Un’adeguata capacità di banda è, infatti, un fattore di attrattiva e competitività fondamentale per permettere la fruibilità e lo sviluppo di nuove tecnologie digitali, di cui possono beneficiare cittadini, aziende e istituzioni. Stiamo parlando di velocità simmetrica (in download e upload) di un Gigabit per secondo, di gran lunga superiore al servizio di base, con applicazioni nel campo di domotica, gestione energetica, amministrazione, salute e insegnamento. «Tutto questo con lo sguardo già proiettato al medio e lungo termine, ovvero all’opportunità di anticipare e beneficiare delle evoluzioni tecnologiche che, in maniera rapida, si svilupperanno durante i prossimi decenni. Questo avrà interessanti ripercussioni per un Cantone che punta su innovazione e tecnologia quali elementi cardine della propria strategia di sviluppo economico, con l’ambizione di attrarre nuove iniziative imprenditoriali e creare posti di lavoro interessanti», ha spiegato Vitta precisando che anche il Cantone dei Grigioni sta attuando un progetto simile che non è in contrapposizione con gli investimenti previsti dalle società di telecomunicazione. Per intenderci, il credito quadro del Cantone non sostituisce la mano privata ma incentiva gli enti pubblici (Comuni, Enti regionali di sviluppo e aziende di distribuzione elettrica locale) a farsi promotori della rete internet a banda ultralarga per le utenze che lo vorranno con un sistema di finanziamento pubblico che va a decrescere man mano che investe il privato. «L’importo massimo per allacciamento è pari a 1’800 franchi ed è fissato in base a determinati fattori: a seconda della zona, della tecnologia scelta (la rete fissa è privilegiata, ndr) e temporale», ha spiegato da parte sua Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia del Dfe.

Abbattere le distanze tra centri e periferia

In questo contesto, sarà possibile soprattutto abbattere le barriere digitali tra zone urbane e zone più periferiche. Questo aspetto è centrale per uno sviluppo armonioso del territorio e dell’economia cantonali, mettendo peraltro ulteriormente a frutto gli sforzi promossi dal Cantone nell’ambito del riposizionamento delle regioni periferiche. Ed è proprio in queste ultime zone che la strategia di incentivo prevista intende favorire gli investimenti infrastrutturali nella banda ultralarga, che risultano generalmente meno attrattivi in una pura logica di mercato.

Anche gli aspetti ambientali e paesaggistici sono tenuti in considerazione. «La soluzione proposta prevede un mix di collegamenti via fibra ottica e via wi-fi. Si privilegerà la rete fissa, ma quando non sarà possibile si utilizzeranno antenne per ovviare ai problemi tecnici. Questo non vorrà dire che si darà il via a una selva di antenne che creano sempre molta discussione», ha affermato invece il consigliere di Stato e direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali.

In particolare, il messaggio prevede di incentivare l’utilizzo di un mix infrastrutturale su base fissa e senza filo (Fixed Wireless Access – FWA), che possa rispondere al meglio alle esigenze individuate in ogni singola regione. Il modello di incentivi cantonali privilegia, attraverso specifiche ponderazioni, gli investimenti in zone periferiche, le soluzioni tecniche basate su infrastruttura fissa e la rapidità di realizzazione. «Solo questo approccio potrà essere incentivato. Non si tratta di finanziare l’infrastruttura per la rete mobile di ogni operatore», ha precisato Sergio Kraschitz, collaboratore scientifico dell’Ufficio della prevenzione dei rumori del Dipartimento del territorio. Le antenne, infine, saranno di piccole dimensioni con emissioni elettromagnetiche contenute: inferiori ai 6 Watt su ogni edificio coinvolto.

Per pianificare e realizzare in maniera ottimale la rete a banda ultralarga, sarà necessaria una collaborazione ben definita tra tutti gli attori coinvolti – Cantone, Comuni o regioni (p. es. attraverso gli Enti regionali per lo sviluppo – Ers), aziende elettriche e fornitori di servizi. Il messaggio traccia anche i contorni delle procedure previste per la concessione e la gestione degli incentivi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
30 min
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
5 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
5 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
12 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
13 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
14 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
14 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
15 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
16 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
16 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
© Regiopress, All rights reserved