laRegione
laR
 
11.03.22 - 09:00

Comuni, sedute in videoconferenza possibili anche senza pandemia

Cosa dice il messaggio governativo. Marzio Della Santa, capo della Sezione enti locali: ci siamo mossi sulla base pure di un sondaggio

comuni-sedute-in-videoconferenza-possibili-anche-senza-pandemia
Il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi e Marzio Della Santa (Ti-Press)

Per agevolare nei Comuni i processi decisionali durante le recenti ondate pandemiche e scongiurare così la paralisi o quantomeno il forte rallentamento dell’attività politica a causa delle restrizioni d’ordine sanitario volte ad arginare la diffusione del coronavirus, il Consiglio di Stato ha dato ai Municipi (anche) la possibilità di tenere le sedute in videoconferenza o di autorizzare la partecipazione di suoi membri alle riunioni "con questo sistema". Possibilità sancita da un decreto che il governo ha varato il 20 marzo 2020 e che sarà valido sino alla fine del prossimo mese di giugno. In vista di questa scadenza e alla luce dell’esperienza fatta nonché dei risultati di un sondaggio svolto presso gli enti locali, il Consiglio di Stato intende conferire allo strumento della videoconferenza una base legale più solida e duratura. Con un messaggio licenziato mercoledì e di cui ha dato notizia ieri, il governo propone al Gran Consiglio di ancorare a una legge – la Legge organica comunale (Loc) – lo strumento in questione. Se il parlamento approverà ciò che il Consiglio di Stato prospetta, gli esecutivi locali ma pure le commissioni degli organi legislativi comunali avranno la facoltà di ricorrere per le loro sedute alla videoconferenza, anche per motivi non legati "all’evoluzione pandemica da Covid-19".

Gli articoli da ritoccare

Sono due gli articoli della Loc che il governo chiede di ritoccare. Il 94, al capitolo della legge dedicato al Municipio. E il 70, uno degli articoli consacrati al funzionamento del Consiglio comunale. Il messaggio appena pubblicato suggerisce di inserire nel 94 la disposizione secondo cui "Le sedute si tengono in presenza. Per giustificati motivi è data facoltà al Municipio di riunirsi virtualmente in videoconferenza o di autorizzare la partecipazione di suoi membri in questa forma; in tal caso devono essere salvaguardate le modalità decisionali e di verbalizzazione del presente capitolo e inoltre vanno garantite la riservatezza, la sicurezza e l’integrità dei dati". Sostanzialmente del medesimo tenore la disposizione confezionata dal Consiglio di Stato per le riunioni commissionali dei legislativi locali: "Le sedute si tengono in presenza. Per giustificati motivi è data facoltà alle commissioni di riunirsi virtualmente in videoconferenza o di autorizzare la partecipazione di loro membri in questa forma; in tal caso devono essere salvaguardate le modalità decisionali e di verbalizzazione del presente articolo e dell’articolo 71 (quello sull’allestimento dei rapporti, ndr), inoltre vanno garantite la riservatezza, la sicurezza e l’integrità dei dati".

Per ‘giustificati motivi’

La regola, scrive il governo a proposito dei municipi, resta "quella della tenuta delle sedute in presenza ‘fisica’ dei membri, che rimane tutto sommato da preferire". L’esperienza degli ultimi due anni, si afferma sempre nel messaggio, ha infatti "evidenziato il valore aggiunto di discussioni e confronto in presenza. Tuttavia, stando alla presente proposta, il collegio potrà decidere di tenere le sedute in videoconferenza". Ciò per "giustificati" motivi "da ponderare dal collegio medesimo". Del resto, prosegue il Consiglio di Stato, "si ritengono i Municipi perfettamente in grado di valutare l’adempimento di tali giustificati motivi: gli stessi possono essere personali, logistici, di salvaguardia della salute collettiva ecc". Dunque non dovranno essere più necessariamente legati "all’evoluzione pandemica da Covid-19". Il Municipio, continua il messaggio governativo, "potrà pure autorizzare la partecipazione di alcuni suoi membri" alle sedute tramite videoconferenza. E ancora: "Tutte le modalità decisionali e di verbalizzazione previste dalla Loc – e meglio su convocazione, validità seduta, verbalizzazione ecc. – andranno rispettate; parimenti andranno garantite la sicurezza e l’integrità dei dati". Medesime le considerazioni del Consiglio di Stato sulla nuova disposizione concernente le riunioni delle commissioni dei legislativi comunali.

Il sondaggio

«Prima di elaborare il messaggio – dice, contattato dalla ‘Regione’, il capo della Sezione enti locali (Dipartimento istituzioni) Marzio Della Santa – abbiamo eseguito un sondaggio presso i Comuni per sapere in quale misura avessero fatto ricorso alla videoconferenza nei due anni di pandemia e restrizioni e se ritenessero opportuno mantenere questo strumento. È emerso che la gran parte dei Comuni che ne ha fatto uso preferisce comunque le sedute in presenza, ma ha anche espresso l’auspicio di mantenere la facoltà di far capo alla videoconferenza per permettere a uno o più municipali o a uno o più membri di una commissione, che per valide ragioni non può o non possono partecipare fisicamente alla riunione, abbia o abbiano la possibilità di prendervi parte attraverso appunto la videconferenza».

Si pronuncerà il parlamento

Toccherà ora al Gran Consiglio pronunciarsi sulle modifiche della Legge organica comunale indicate dal governo. «Mi auguro che possa farlo in tempo utile – riprende Della Santa –. Se il parlamento riuscisse ad approvare, come spero, le modifiche entro giugno, sarebbe l’ideale: si garantirebbe continuità nell’uso, seppur facoltativo, della videoconferenza anche una volta scaduto il decreto del 2020».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
29 min
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
1 ora
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
4 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
4 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
7 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
7 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
7 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
13 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
14 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
18 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
© Regiopress, All rights reserved