laRegione
04.03.22 - 19:28
Aggiornamento: 19:56

Gastro Ticino: mantenere gli spazi esterni per bar e ristoranti

I ristoratori ticinesi chiedono che Cantone e Comuni mantengano gli spazi a disposizione almeno per tutto il 2022

a cura di Marco Narzisi
gastro-ticino-mantenere-gli-spazi-esterni-per-bar-e-ristoranti
Ti-Press

Durante la pandemia, sono stati numerosi gli spazi esterni aggiuntivi per bar e ristoranti messi a disposizione dalle autorità cantonali e comunali, per fronteggiare e attutire gli effetti economici "devastanti" delle chiusure a causa della pandemia. Ora, Gastro Ticino, "preoccupata" da quanto sta avvenendo in alcune città svizzere, chiede che tali spazi vengano mantenuti almeno per tutto il 2022, e invita il Cantone, e soprattutto i Comuni a non privare di essi le attività di ristorazione.

L’associazione dei ristoratori, infatti, nota "con dispiacere" che oltralpe si stanno togliendo "con inusuale celerità" le possibilità di sfruttare tali spazi. "Concretezza e lungimiranza avrebbero consigliato di attendere l’autunno-inverno per vedere quali evoluzioni avrebbe avuto la pandemia", sottolinea Gastro Ticino nel comunicato odierno, definendo tali decisioni "assolutamente incomprensibili anche se tutte le limitazioni sono cadute". Questo perché il settore, anche in Ticino, è ancora in difficoltà e i maggiori spazi, rispettivamente posti a sedere, sono fondamentali, dato che è necessario impegnarsi per ripagare i debiti e i crediti Covid ricevuti.

Gli spazi esterni, sottolinea Gastro Ticino, che sono stati e sono molto apprezzati da clienti e turisti e, in molti casi, hanno migliorato l’arredo urbano (come ad Ascona), "detto di transenna", hanno comportato anche un importante investimento da parte degli esercenti, "effettuato con entusiasmo per poter dare il proprio contributo alla ripresa economica e sociale".

"Siamo certi", concludono gli esercenti della ristorazione, "che Cantone e Comuni vorranno proseguire nel sostegno a un settore determinante per una ripresa che si annuncia in ogni caso lunga e difficile".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
9 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
9 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
21 ore
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
21 ore
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
21 ore
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Bellinzonese
1 gior
Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così
Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
Bellinzonese
1 gior
Nuove scuole a Lodrino entro il 2028
Il progetto Meta si è aggiudicato il concorso per la progettazione del comparto scolastico. Investimento complessivo di 38 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved