laRegione
ricettazione-e-riciclaggio-di-oro-quarto-arresto-in-ticino
Gioielli di provenienza illecita e riciclaggio (Ti-Press)
03.03.22 - 17:59
Aggiornamento: 21:00

Ricettazione e riciclaggio di oro: quarto arresto in Ticino

Sviluppi nell’inchiesta coordinata dalla pp Lanzillo. Il giudice dei provvedimenti coercitivi ha confermato la nuova misura restrittiva

C’è un nuovo arresto nell’inchiesta su ricettazione e riciclaggio in Ticino di oro e gioielli provenienti, sospettano gli inquirenti, da furti commessi in Italia. Raggiunto dal provvedimento restrittivo è un 62enne cittadino italiano da anni residente nel Mendrisiotto. Il fermo è scattato qualche giorno fa e ha fatto seguito ai tre avvenuti venerdì scorso. Ordinato dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, titolare dell’indagine, l’arresto è stato confermato dal giudice dei provvedimenti coercitivi. In detenzione preventiva, al momento, ci sono quindi quattro persone: oltre al 62enne, si trovano nel carcere giudiziario della Farera un 61enne e un 31enne, anche loro cittadini italiani, dimoranti rispettivamente nel Mendrisiotto e nel Locarnese e un 38enne svizzero residente nel Luganese. Riciclaggio aggravato, falsità in documenti e ricettazione per mestiere sono i reati ipotizzati dalla pp Lanzillo nell’ambito del procedimento che ha portato dietro le sbarre i quattro.

Il 62enne sarebbe il titolare della società proprietaria, nel Mendrisiotto, della piccola fonderia alla quale hanno accennato Ministero pubblico e Polizia cantonale nel comunicato stampa diramato lunedì e riguardante l’operazione di venerdì della scorsa settimana che in Ticino ha condotto ai primi tre arresti e in Italia a sei fermi e al sequestro di pistole, munizioni e denaro. Secondo gli inquirenti, nella fonderia ticinese gioielli e alcune monete venivano trasformati in lingotti. Gioielli e monete di provenienza però illecita. Sarebbero stati infatti rubati nel nord Italia: Lombardia, Piemonte e Liguria le regioni più colpite dalle razzie. La refurtiva veniva raccolta in campi nomadi. Dai quali una parte prendeva la strada per la Svizzera. Del trasporto della merce al di qua del confine si occupava un nomade, che raggiungeva il nostro cantone in auto.

In Ticino l’inchiesta è partita lo scorso autunno. Intercettazioni telefoniche, ambientali e pedinamenti. Di recente gli arresti. Ma l’indagine sul fronte elvetico potrebbe registrare ulteriori importanti sviluppi. In Italia è la Procura di Asti a guidare l’inchiesta. Inquirenti ticinesi e piemontesi stanno collaborando in maniera stretta per ricostruire l’importante traffico di oro e per individuare coloro che a vario titolo vi hanno preso parte.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lanzillo oro ricettazione riciclaggio ticino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
10 min
Peste suina alle porte, previste limitazioni per alcune attività
Presentato dal Consiglio di Stato il ‘Manuale operativo’ per gestire il virus. ‘Segnalare le carcasse e smaltire correttamente i rifiuti’
Ticino
33 min
‘Serve un maggiore accumulo idrico nei grandi laghi’
È quanto emerge dall’incontro tra un gruppo del Gran Consiglio e i Consigli regionali di Lombardia e Piemonte
Ticino
1 ora
Il Cantone apre ai bitcoin: ‘Pagamenti limitati, per ora’
Sarà possibile pagare alcune tasse amministrative online. ‘Si tratta di un progetto pilota, per ora gli importi sono limitati e non toccano le imposte’
Luganese
1 ora
Campione d’Italia, il sindaco si autosospende. Padula ad interim
Motivi di salute all’origine della decisione del primo cittadino dell’enclave. Dovrebbe rientrare in carica per fine settembre
Bellinzonese
2 ore
È giunta l’ora delle ruspe per la vecchia Valascia
Lunedì 11 luglio l’avvio della demolizione. Appuntamento sul posto per chi vorrà salutarla un’ultima volta
Bellinzonese
2 ore
Abuso sessuale alla Fabrique, imputato di nuovo in aula
Processo bis nei confronti dell’uomo condannato in prima istanza per aver approfittato di una ragazza ubriaca. La difesa chiede l’assoluzione
Grigioni
3 ore
È deceduto il bagnante rinvenuto sabato nel Lago di Poschiavo
Il 54enne italiano si era immerso ma non era più tornato in superficie. Ritrovato ad alcuni metri di profondità, era stato elitrasportato in ospedale.
Locarnese
4 ore
Tampona con lo scooter una macchina, gravi ferite per un 55enne
Lo scontro è avvenuto verso le 13.30 poco prima della rotonda dell’aeroporto di Locarno.
Locarnese
10 ore
Aumenta la popolazione scolastica in Bassa Vallemaggia
Ai Ronchini una sezione in più delle Elementari; arriva una nuova docente e viene istituita la figura del vicedirettore
Mendrisiotto
13 ore
Pannelli fotovoltaici per tutti a Mendrisio
In una mozione interpartitica un gruppo di consiglieri comunali propone di lanciare una raccolta fondi per estendere gli aiuti anche agli inquilini
© Regiopress, All rights reserved