laRegione
03.03.22 - 17:59
Aggiornamento: 21:00

Ricettazione e riciclaggio di oro: quarto arresto in Ticino

Sviluppi nell’inchiesta coordinata dalla pp Lanzillo. Il giudice dei provvedimenti coercitivi ha confermato la nuova misura restrittiva

ricettazione-e-riciclaggio-di-oro-quarto-arresto-in-ticino
Gioielli di provenienza illecita e riciclaggio (Ti-Press)

C’è un nuovo arresto nell’inchiesta su ricettazione e riciclaggio in Ticino di oro e gioielli provenienti, sospettano gli inquirenti, da furti commessi in Italia. Raggiunto dal provvedimento restrittivo è un 62enne cittadino italiano da anni residente nel Mendrisiotto. Il fermo è scattato qualche giorno fa e ha fatto seguito ai tre avvenuti venerdì scorso. Ordinato dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, titolare dell’indagine, l’arresto è stato confermato dal giudice dei provvedimenti coercitivi. In detenzione preventiva, al momento, ci sono quindi quattro persone: oltre al 62enne, si trovano nel carcere giudiziario della Farera un 61enne e un 31enne, anche loro cittadini italiani, dimoranti rispettivamente nel Mendrisiotto e nel Locarnese e un 38enne svizzero residente nel Luganese. Riciclaggio aggravato, falsità in documenti e ricettazione per mestiere sono i reati ipotizzati dalla pp Lanzillo nell’ambito del procedimento che ha portato dietro le sbarre i quattro.

Il 62enne sarebbe il titolare della società proprietaria, nel Mendrisiotto, della piccola fonderia alla quale hanno accennato Ministero pubblico e Polizia cantonale nel comunicato stampa diramato lunedì e riguardante l’operazione di venerdì della scorsa settimana che in Ticino ha condotto ai primi tre arresti e in Italia a sei fermi e al sequestro di pistole, munizioni e denaro. Secondo gli inquirenti, nella fonderia ticinese gioielli e alcune monete venivano trasformati in lingotti. Gioielli e monete di provenienza però illecita. Sarebbero stati infatti rubati nel nord Italia: Lombardia, Piemonte e Liguria le regioni più colpite dalle razzie. La refurtiva veniva raccolta in campi nomadi. Dai quali una parte prendeva la strada per la Svizzera. Del trasporto della merce al di qua del confine si occupava un nomade, che raggiungeva il nostro cantone in auto.

In Ticino l’inchiesta è partita lo scorso autunno. Intercettazioni telefoniche, ambientali e pedinamenti. Di recente gli arresti. Ma l’indagine sul fronte elvetico potrebbe registrare ulteriori importanti sviluppi. In Italia è la Procura di Asti a guidare l’inchiesta. Inquirenti ticinesi e piemontesi stanno collaborando in maniera stretta per ricostruire l’importante traffico di oro e per individuare coloro che a vario titolo vi hanno preso parte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
6 min
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
1 ora
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
4 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
4 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
7 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
7 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
7 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
13 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
14 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
17 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
© Regiopress, All rights reserved