laRegione
laR
 
03.03.22 - 05:30

‘Niente spese processuali? No, il consumatore paga’

La maggioranza commissionale respinge la proposta dei comunisti Ay e Ferrari. Critica anche sul controprogetto. Il dossier presto in Gran Consiglio

niente-spese-processuali-no-il-consumatore-paga
L’iniziativa parlamentare è stata depositata nel 2020 (Ti-Press)

No all’esenzione dalle spese processuali. Aderendo al rapporto stilato dal liberale radicale Giorgio Galusero, la maggioranza della commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ boccia la proposta di rendere gratuite per i consumatori – anche parzialmente gratuite – le vertenze giudiziarie da loro innescate. Dice pertanto niet all’iniziativa, depositata nel febbraio 2020, con la quale i deputati comunisti Massimiliano Ay e Lea Ferrari chiedono di inserire nella Legge cantonale sulla tariffa giudiziaria la disposizione secondo cui "Nelle procedure derivanti da contratti conclusi con consumatori (articolo 32 del Codice di procedura civile) fino a un valore litigioso di 30mila franchi non sono addossate spese processuali". Non solo. Plr, Lega e Udc ritengono che presenti "vari punti critici" anche il controprogetto suggerito dalla minoranza, con il rapporto del socialista Carlo Lepori, affinché i consumatori che considerano lesi i loro diritti siano dispensati dal pagamento delle spese perlomeno nelle procedure di conciliazione. Di seguito il testo confezionato da Ppd, Ps e Verdi: "Nelle procedure di conciliazione derivanti da contratti conclusi con consumatori (art. 32 Cpc) fino a un valore litigioso di 30mila franchi non sono addossate spese processuali". Sul dossier si esprimerà il plenum del Gran Consiglio nella sessione che si aprirà lunedì 14.

La Costituzione federale, scrivono i due parlamentari del Partito comunista nel motivare la modifica legislativa proposta, "garantisce, almeno sul piano formale, il principio dell’accessibilità alla giustizia". Tuttavia, rilevano Ay e Ferrari, "alla facoltà di far valere i propri diritti si frappongono nella pratica diversi ostacoli di ordine materiale, come la complessità, i tempi e i costi delle procedure". Un problema che "investe soprattutto i consumatori, che in quanto parte debole nel rapporto contrattuale possono trovarsi sovente scoraggiati a intentare una causa, addirittura in presenza di un vizio patente del bene acquistato". Per cercare allora "di arginare tale fenomeno di desistenza", il Cantone, annotano gli iniziativisti, "potrebbe sancire un principio di esenzione dalle spese processuali nelle procedure derivanti da contratti conclusi con consumatori". Ovvero quei contratti, indica l’articolo 32 del Codice di procedura civile, "su prestazioni di consumo corrente destinate al fabbisogno personale o familiare del consumatore e offerte dall’altra parte nell’ambito della sua attività professionale o commerciale". L’atto parlamentare di Ay e Ferrari trae spunto anche da quanto vige nei cantoni di Ginevra e Vaud, dove "non vengono accollate spese processuali per le procedure derivanti da contratti conclusi con consumatori, almeno entro una certa soglia". E a proposito di contratti e del campo di applicazione dell’iniziativa, "basti pensare ad apparecchi informatici, elettrodomestici, leasing ecc.", ricordano i due deputati.

Galusero: ne beneficerebbero anche i facoltosi

La maggioranza della ‘Giustizia e diritti’ non condivide però l’iniziativa e sposa le tesi del Consiglio di Stato, contrario alla proposta di Ay e Ferrari. "Anche la persona più facoltosa del cantone che acquistasse ad esempio un veicolo di piccola cilindrata, una lavatrice o un altro apparecchio elettrodomestico di uso comune, potrebbe ritrovarsi, con l’accoglimento dell’iniziativa, automaticamente dispensato dai costi processuali", rileva Galusero nel rapporto in cui si invita il plenum del Gran Consiglio a respingere l’iniziativa parlamentare. La quale, stando sempre al relatore di maggioranza, "potrebbe anche agevolare persone che arrivano in Ticino e per qualsiasi motivo commerciale acquistano veicoli in leasing, si procurano carte di credito e accumulano debiti. La gratuità della procedura e l’assenza dell’obbligo di versare un anticipo non farebbe che favorirle: infatti aprire una causa permette di evitare un incasso forzato rinviandolo alla conclusione della vertenza con la conseguenza che le società creditrici si troverebbero poi a non poter più incassare nulla". Di più. "Già ora – continua il rapporto – l’autorità di conciliazione può rinunciare a prelevare la tassa nel caso di riuscita del tentativo di conciliazione". Senza poi dimenticare che "l’accessibilità alla giustizia dei consumatori meno abbienti è già tutelata con l’istituto del gratuito patrocinio, che oltre al requisito dell’indigenza, prevede quello della ragionevolezza o fondamento apparente della pretesa fatta valere". Sono in sostanza gli stessi motivi per i quali la maggioranza commissionale è critica pure sul controprogetto.

Lepori: un compromesso ragionevole

Il relatore di minoranza Lepori non si dà comunque per vinto, alla luce anche della presa di posizione dell’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana richiamata dal parlamentare socialista nel rapporto. In una lettera indirizzata nel giugno dello scorso anno alla commissione, l’Acsi "considera che l’iniziativa debba essere accettata in quanto porterebbe a un sicuro miglioramento per quanto concerne l’accesso alla giustizia di quei consumatori che vogliono e/o devono agire in giustizia per opporsi alle richieste illegittime provenienti dai propri partner contrattuali. Troppo spesso i consumatori non insistono quando si tratta di adire il tribunale competente, vuoi perché il valore di causa è di molto inferiore ai costi della giustizia, vuoi perché non potendo agire col mezzo dell’azione collettiva, non possono ‘suddividersi’ i costi fra di loro quando la parte convenuta è la medesima". Osserva Lepori da noi interpellato: «Il controprogetto che come minoranza proponiamo è un compromesso ragionevole e spero che il plenum del parlamento lo accolga. La gratuità della procedura di conciliazione entro il valore soglia di 30mila franchi permetterebbe al consumatore che si ritiene parte lesa di compiere un primo passo senza incorrere in spese giudiziarie: un primo passo che gli consentirebbe di capire meglio la situazione e di decidere con cognizione di causa se andare avanti o meno».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
48 min
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
2 ore
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
4 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
4 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
7 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
7 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
7 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
13 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
15 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
18 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
© Regiopress, All rights reserved