laRegione
modifica-del-calendario-ssic-ti-respinto-il-ricorso-di-unia
Ti-Press
22.02.22 - 15:12

Modifica del calendario Ssic Ti, respinto il ricorso di Unia

Il Tribunale federale ha giudicato infondato il ricorso del sindacato contro la decisione del Collegio arbitrale della Cpc

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso del sindacato Unia contro la Società svizzera impresari costruttori Sezione Ticino (Ssic Ti), con all’oggetto l’interpretazione data al Contratto collettivo cantonale di lavoro (Ccl-Ti) del settore da parte del Collegio arbitrale dell’edilizia e del genio civile. I giudici federali hanno ritenuto infondato il ricorso "nella ridotta misura" in cui risultava ammissibile.

"Sindacato Unia sconfessato anche dal Tribunale federale. E così perdono tutti, lavoratori e imprese". Così si esprime la Società svizzera impresari costruttori Sezione Ticino (Ssic Ti) in un comunicato odierno circa la decisione dei giudici di Losanna che dà torto a Unia circa l’interpretazione data al Contratto collettivo cantonale di lavoro (Ccl-Ti) del settore da parte del Collegio arbitrale dell’edilizia e del genio civile. Il ricorso, "nella ridotta misura" in cui risultava ammissibile, è stato infatti ritenuto infondato.

La questione in breve

La questione prende le mosse dalle 4 settimane di blocco totale dei cantieri decretate durante il primo lockdown a partire dal 23 marzo 2020, a cui erano seguite altre 2 settimane con un numero limitato di lavoratori presenti per singolo cantiere. Decisione "drastica" che la Ssic Ti dichiara di aver "responsabilmente condivisa e sostenuta" con consapevolezza della necessità di evitare il collasso del nostro sistema sanitario.

Contemporaneamente, la Ssic Ti, nell’ottica di sostenere le imprese al momento della riapertura dei cantieri, aveva subito chiesto ai sindacati di intavolare una trattativa per cercare di introdurre alcuni accorgimenti. Proposte che, lamenta l’Associazione, sono state tutte respinte dai sindacati.

La Ssic Ti, come ultima opzione, aveva proposto di ricorrere alla norma nel Contratto nazionale mantello (Cnm) che concede alle imprese di rivedere il proprio calendario di lavoro annuale. Calendario che, spiega l’Associazione dei costruttori, una volta inoltrato entro la fine di gennaio alla Commissione paritetica cantonale (Cpc), diventa poi vincolante per il resto dell’anno.

Con tale proposta la Ssic Ti si proponeva di recuperare parte del tempo perso nei cantieri durante il lockdown e di dare la possibilità anche ai lavoratori di riavere il 20% di salario non coperto dalla disoccupazione parziale. Tempo perso quantificato in una quarantina di ore supplementari da distribuire su tutto il resto dell’anno 2020 – dopo che i dipendenti erano rimasti a casa fino a sei settimane – e che, a dire della Ssic Ti, avrebbero permesso ai lavoratori di recuperare i circa 1’500 franchi che invece sono mancati loro a fine anno.

Anche questa richiesta è stata però respinta dai sindacati, "a causa di una divergenza interpretativa del contratto cantonale che, diversamente da quello nazionale di cui è un’estensione, non cita espressamente la possibilità di modificare il calendario durante l’anno". A quel punto, "per favorire una decisione in tempi utili", la Ssic Ti aveva sottoposto la questione al Collegio arbitrale della Cpc (nominato e riconosciuto da tutti i partner sociali, incluso Unia, proprio per dirimere questo genere di divergenze) il quale, in data 15 maggio 2020, aveva dato ragione alla Ssic Ti.

Unia "cattivo perdente"

A quel punto, "dimostrandosi un cattivo perdente, e sicuramente per protrarre la decisione nel tempo così da renderla inefficace", il sindacato Unia ha deciso di inoltrare ricorso al Tribunale federale contro il lodo arbitrale. "Davvero una deludente caduta di stile da parte di Unia, a maggior ragione leggendo la tranciante sentenza del Tribunale federale che respinge in toto il ricorso", commenta la Ssic Ti nel comunicato stampa.

"Morale: con questa fallita azione di forza di Unia il partenariato sociale esce dalla pandemia sicuramente indebolito (e ciò non è di buon auspicio per il rinnovo del contratto in scadenza a fine 2022), le imprese non hanno potuto recuperare il tempo perso, ma soprattutto ai lavoratori mancano 1’500 franchi", conclude l’Associazione dei costruttori.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cpc ssic tribunale federale unia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
13 min
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
28 min
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
2 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
2 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
Ticino
6 ore
Contagi in Ticino sotto le mille unità: 739 in una settimana
Coronavirus, in una settimana le nuove positività sono scese di quasi un terzo; in calo pure le persone ospedalizzate: ora sono 60. Tre i decessi
Luganese
10 ore
Svizzeri all’estero, verso il voto elettronico
Durante il 98° Congresso, che si terrà dal 19 al 21, si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione delle persone con l’Unione europea
Mendrisiotto
10 ore
Un gruppo autonomo unito da una passione comune: il Tai Chi
Nessun maestro, non c’è problema. A Riva San Vitale, una decina di persone si riunisce ogni giovedì per dedicarsi alla pratica orientale
Locarnese
12 ore
Turismo, una stagione dorata per lago, valli e monti
Il 2022 non farà registrare record ovunque, ma riporta il settore ai livelli pre-Covid. Volano le prenotazioni nelle strutture alberghiere e nei campeggi
Ticino
12 ore
‘I piccoli commerci resistono ai colossi delle multinazionali’
Sommaruga (Federcommercio) a tutto campo su settore della moda, differenze tra città in Ticino e ruolo - importante - delle botteghe e dei negozi
Ticino
22 ore
Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione
Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
© Regiopress, All rights reserved