laRegione
prestazione-ponte-via-libera-al-rinnovo-fino-a-tutto-il-2022
Ti-Press
Sostegno prolungato
22.02.22 - 16:53
Aggiornamento: 17:23

Prestazione ponte, via libera al rinnovo fino a tutto il 2022

Il Gran Consiglio sottoscrive a larghissima maggioranza il rapporto di Jelmini (Ppd). Contraria la Lega: ‘Aiuto chiesto soprattutto dagli stranieri’

È un semaforo verde senza tante sorprese quello che il Gran Consiglio ha appena dato al rinnovo della prestazione ponte Covid fino a giugno 2022, con la possibilità di estenderla al 31 dicembre: a mancare sono solo i voti della Lega.

A riassumere il concetto è, in entrata, il relatore del rapporto commissionale Lorenzo Jelmini (Ppd): «Questa è una misura destinata a persone che affrontano un periodo complicato, con particolare attenzione agli indipendenti e ai salariati che non possono beneficiare di altri aiuti». E l’augurio «è che questa sia l’ultima volta che dobbiamo decidere il prolungamento della prestazione ponte. Non perché non si voglia aiutare, ci mancherebbe. Ma perché vorremmo tutti che questa pandemia fosse presto sconfitta». Resta l’incertezza della ripresa però, e Jelmini annota che «occorre tenere alta la guardia ed è giustificato rinnovare una prestazione che è complementare alle altre, limitata nel tempo e offre un aiuto straordinario e mirato: finora quasi 400 famiglie in difficoltà hanno avuto un aiuto in più».

Gianella (Plr): ‘Bene fino al 2022, oltre sarebbe stato troppo’

La capogruppo del Plr Alessandra Gianella non ci gira attorno, «inizialmente avevamo delle riserve». Il compromesso trovato in Gestione, cioè prolungarla al massimo alla fine del 2022 e non del 2023 come chiedeva il Consiglio di Stato, «ci ha portato a sciogliere i nostri dubbi e votare il rapporto di Jelmini: andare fino al 2023 sarebbe stato eccessivo per una misura che ora è necessaria, perché la situazione è migliorata ma per gli indipendenti è ancora difficile, ma che per noi non va prolungata oltre».

Fatto salvo che, ricorda Gianella, «in caso di comprovato bisogno il Consiglio di Stato potrà sottoporre al Gran Consiglio dati e cifre, e noi valuteremo il ripristino di questo aiuto».

La Lega, con il capogruppo Boris Bignasca, si oppone perché «la maggioranza dei beneficiari sono cittadini stranieri, e si conferma quindi l’immigrazione nel nostro stato sociale che noi combattiamo». In seguito, il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa ricorderà al gruppo leghista – con cortesia – che se le statistiche a livello federale attestano come l’origine straniera sia uno dei fattori di povertà e disparità, è comprensibile che di riflesso a chiedere una prestazione in maggioranza (il 55%) siano cittadini stranieri.

Forini (Ps): ‘Milionari sempre più ricchi, poveri sempre più poveri’

Tornando ai favorevoli, il Partito socialista con Danilo Forini sottolinea che «la crisi ha colpito a geometria molto variabile: le fortune dei miliardari sono aumentate, mentre le persone in difficoltà, le più colpite dalla crisi pandemica, erano già pesantemente in difficoltà da tempo. Migliaia di indipendenti hanno sofferto personalmente, non riuscendo più a provvedere alle necessità basilari per loro e per la propria famiglia». Concorda la verde Samantha Bourgoin: «A volte si avverte un fastidio di fondo nell’aiutare gli indipendenti che faticano, mentre non c’è mai stato tutto questo disturbo nel sostenere le grandi aziende».

Come già successo ieri con la tassa di collegamento, l’Udc vota in maniera diversa dalla Lega. Perché anche se «le critiche di Bignasca anche noi le solleviamo, in parte» il democentrista Tiziano Galeazzi assicura il sostegno del proprio gruppo.

Respinta la proposta di Durisch (Ps)

Bocciato, infine, l’emendamento con cui il capogruppo socialista Ivo Durisch ha provato a (ri)mettere la durata massima della prestazione al 2023 compreso «come chiesto dal governo, lo dobbiamo a tutte le famiglie in difficoltà che grazie a questa prestazione sono sopravvissute un po’ meglio». Pollice verso (25 sì e 52 no), nonostante fosse stato il governo stesso a proporla fino al 2023.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid gran consiglio prestazione ponte
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
7 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Grigioni
9 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
10 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
10 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
10 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
10 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
10 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
11 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
11 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
13 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
© Regiopress, All rights reserved