laRegione
18.02.22 - 19:00
Aggiornamento: 21:15

Assistenza giudiziaria e recupero spese, la proposta Udc

Iniziativa del gruppo parlamentare per ridurre lo scoperto a carico del Cantone. Giura e Neuchâtel: ecco i correttivi adottati

di Red
assistenza-giudiziaria-e-recupero-spese-la-proposta-udc
Ti-Press
Problema noto da anni

Il problema è noto da anni. È il recupero da parte del Cantone delle spese da lui sostenute nell’ambito dell’assistenza giudiziaria. Quell’assistenza che lo Stato accorda, sostenendone anticipatamente i costi, a chi non dispone di sufficienti risorse finanziarie per assumersi gli oneri della procedura o le spese di patrocinio davanti alle autorità giudiziarie e amministrative. A fine dicembre 2015 "gli scoperti non recuperati a carico del Cantone per spese processuali ammontavano a 1’327’404 franchi e per le difese d’ufficio e gratuito patrocinio a 22’642’590 franchi": considerate le garanzie accresciute dei codici di procedura penale e di procedura civile, entrati in vigore sul piano nazionale nel 2011, "oggi queste cifre saranno certamente
maggiori". È quanto ricorda e rileva il gruppo Udc in Gran Consiglio. Che con un’iniziativa parlamentare - prime firmatarie Roberta Soldati e Lara Filippini - propongono una soluzione che dovrebbe permettere al Cantone "di recuperare più celermente quanto anticipato". Concretamente i democentristi chiedono che "la concessione dell’assistenza giudiziaria e del patrocinio d’ufficio sia condizionata alla cessione diretta allo Stato", da parte del richiedente, "del ricavato (evidentemente nella misura di quanto anticipato) sancito in una decisione cresciuta in giudicato". Oppure "di prevedere una manleva specifica a favore dell’autorità a richiedere informazioni" sulla situazione finanziaria del richiedente l’assistenza giudiziaria, "così come già avviene in altri Cantoni". Propongono quindi di modificare in tal senso la Legge ticinese sull’assistenza giudiziaria e sul patrocinio d’ufficio.

Le soluzioni adottate nei cantoni Giura e Neuchâtel

«Ci siamo ispirati al modello giurassiano e a quello neocastellano - afferma Roberta Soldati, da noi interpellata -. La nostra proposta mira a introdurre anche in Ticino un sorta di automatismo, garantendo comunque il diritto di accesso alla giustizia alle persone indigenti». Alcuni Cantoni, si ricorda infatti nell’iniziativa parlamentare, "hanno adottato dei correttivi nella legge tesi a creare degli automatismi nel recupero delle somme". Per esempio il Canton Neuchâtel "nella sua legge sull’assistenza giudiziaria e in particolare nel formulario di richiesta della concessione, prevede il nullaosta per l’autorità competente di fare capo direttamente alle autorità fiscali, agli istituti bancari, alle compagnie di assicurazione e posta per ottenere informazioni sulla situazione reddituale e sostanza del contribuente (beneficiario), con manleva del loro segreto professionale". Nel Canton Giura il richiedente l’assistenza giudiziaria "deve depositare una dichiarazione di cessione del credito allo Stato, avente per oggetto l’eventuale guadagno conseguito in sede giudiziaria, pena l’irricevibilità". L’irricevibilità della domanda di assistenza.

Conforme al Codice di procedura. La sentenza del Tribunale federale

Il Tribunale federale, si rammenta peraltro nell’atto parlamentare, ha ritenuto "conforme" al Codice di procedura civile "la concessione del gratuito patrocinio alla condizione della cessione di un eventuale attivo conseguito con la vittoria nel processo, a concorrenza delle spese processuali e delle spese ripetibili coperte dall’assistenza giudiziaria".

Nessuno, precisano i democentristi, "mette in dubbio il diritto di ciascuno di poter avere accesso alla giustizia". Tuttavia, aggiungono, "nel rispetto della collettività e delle istituzioni, a fronte di tale diritto vi è anche un dovere posto a carico del beneficiario, ossia la rifusione allo Stato degli importi percepiti, quando il cambiamento della sua situazione economica lo permetta". Al momento però il recupero delle spese da parte del Cantone non è impresa facile. Da qui la proposta dell’Udc.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
2 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
8 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
9 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
11 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
12 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
12 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
13 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
13 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
15 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
© Regiopress, All rights reserved