laRegione
prosegue-lo-studio-sull-immunita-al-coronavirus-in-ticino
Keystone
18.02.22 - 12:40
Aggiornamento: 16:06

Prosegue lo studio sull’immunità al coronavirus in Ticino

Il monitoraggio Corona Immunitas Ticino raccoglierà i dati epidemiologici su oltre 3’000 residenti nel nostro cantone per misurare la sieroprevalenza

All’indomani degli allentamenti delle restrizioni contro il coronavirus, il monitoraggio Corona Immunitas Ticino condotto da USI e SUPSI prosegue con una nuova raccolta di dati epidemiologici sulla diffusione del SARS-CoV-2 e sull’impatto della pandemia nella popolazione.

Lo scopo di questa collaborazione che vede impegnati l’Istituto di salute pubblica (Iph) dell’USI e il Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale (Deass) della SUPSI, con il sostegno dell’Ente Ospedaliero Cantonale (Eoc) e del Centro Medico è misurare la diffusione del virus e lo sviluppo dell’immunità nella popolazione ticinese, tenendo in considerazione le varianti del virus, l’andamento della campagna vaccinale, e i recentissimi allentamenti delle misure di prevenzione. Sotto l’occhio degli studiosi, un nuovo campione di residenti in Ticino dei quali verrà misurato lo sviluppo e la durata della risposta anticorpale.

In un anno la sieroprevalenza in Ticino dal 12% al 73%

Sono oltre 3’000 i ticinesi coinvolti da luglio 2020 a dicembre 2021 nel progetto Corona Immunitas Ticino – guidato dai responsabili scientifici prof. Emiliano Albanese (Direttore Iph dell’USI) e prof. Luca Crivelli (Direttore Deass della SUPSI), che continua a fornire dati preziosi per le valutazioni delle autorità competenti. In particolare, i risultati aggregati hanno permesso di monitorare la sieroprevalenza (cioè la vera diffusione dell’infezione nella popolazione), ma anche i comportamenti legati alla pandemia e l’impatto di quest’ultima sulla salute fisica e mentale della popolazione.

In un anno, la sieroprevalenza in Ticino è aumentata dal 12% (luglio 2020) al 16% (novembre 2020) fino a raggiungere il 73% (giugno 2021). La maggior parte dei ticinesi ha gli anticorpi contro il SARS-CoV-2, il virus del Covid-19, con differenze, però, marcate tra le fasce d’età e in base alla copertura vaccinale.

Oltre 3’000 residenti in Ticino parteciperanno allo studio

L’Ufficio federale di statistica ha estratto un campione rappresentativo della popolazione contenente oltre 3’000 residenti in Ticino a partire dai 16 anni: le persone che fanno parte del campione verranno invitate nei prossimi giorni a prendere parte allo studio. Ai partecipanti verrà chiesto di effettuare due test sierologici nel corso dell’anno e di compilare dei questionari focalizzati sulla salute, su eventuali sintomi, sui comportamenti e sul benessere psicologico.

Il primo round di prelievi si svolgerà nel corso del mese di marzo 2022 presso alcune sedi dell’Ente Ospedaliero Cantonale (Bellinzona e Lugano) e del Centro Medico (Mendrisio, Chiasso, Lugano centro, Bellinzona e Locarno). Grazie alle collaborazioni sul territorio, Corona Immunitas Ticino mira a rendere la partecipazione allo studio sicura e accessibile a quante più persone possibili.

Fast Response Unit

Su richiesta dell’Ufficio federale della sanità pubblica, a partire dal 2022 Corona Immunitas Ticino è stata selezionata tra le "Fast Response Units" del programma nazionale Corona Immunitas, insieme ai cantoni Vaud e Zurigo, per continuare a fornire alle autorità dati aggiornati sull’andamento della pandemia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
corona immunitas ticino coronavirus emiliano albanese luca crivelli supsi ticino usi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
59 min
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
10 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
11 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
12 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
12 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
13 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
13 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
15 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
19 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Luganese
20 ore
Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia
Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
© Regiopress, All rights reserved