laRegione
17.02.22 - 14:45
Aggiornamento: 16:52

Ticino, da lunedì in ospedale e casa anziani senza certificato

Queste le ultime direttive del medico cantonale relative ai visitatori delle strutture. La mascherina resta obbligatoria anche in studi medici e farmacie

ticino-da-lunedi-in-ospedale-e-casa-anziani-senza-certificato
Ti-Press

Da lunedì 21 febbraio 2022 ai visitatori di pazienti degenti presso ospedali, cliniche e case per anziani non sarà più richiesto di presentare un certificato valido (2G+, 2G o 3G); le modalità di visita restano regolamentate, ma vengono estese. Queste le nuove Direttive del medico cantonale comunicate oggi dal Dss in considerazione della situazione epidemiologica attuale e degli allentamenti decisi ieri dal Consiglio federale.

Per i residenti delle case per anziani, inoltre, sono nuovamente possibili le uscite con pernottamento.

L’obbligo di mascherina, inoltre, viene mantenuto a livello cantonale non solo negli ospedali e nelle case per anziani, come previsto dalla normativa federale, ma anche nelle strutture sanitarie e sociosanitarie ambulatoriali, studi medici, farmacie e in ogni altro luogo dove viene esercitata una professione sanitaria. Sempre a livello cantonale restano confermate le disposizioni che interessano il personale sanitario e sociosanitario, che deve continuare a presentare un certificato Covid valido.

Il Dipartimento della sanità e della socialità "continua a monitorare la situazione al fine di garantire la dovuta sicurezza a quelle persone che si trovano degenti in una struttura e confida nella buona osservanza delle misure igieniche tuttora raccomandate".

Le direttive aggiornate per l’intero settore sanitario e sociosanitario saranno reperibili da lunedì al sito www.ti.ch/coronavirus.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
36 min
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
46 min
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
54 min
I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni
Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
Luganese
2 ore
Nel mondo delle sale Snoezelen con Sofia Santori
Popolari nelle case per anziani e negli istituti per disabili, oggi si diffondono sempre più anche nell’ambito privato grazie al loro valore terapeutico
Ticino
2 ore
‘Ok al libero esercizio, ma solo in vista dell’esame federale’
È il controprogetto del governo a due iniziative per il riconoscimento di naturopati, terapisti complementari e arteterapeuti con certificato settoriale
Bellinzonese
6 ore
Bellinzona-Locarno, dacci il nostro cantiere quotidiano
La cantonale di sponda destra è diventata negli ultimi due anni una via crucis. La mappa dei lavori che terminano, che tornano e che sono previsti
Mendrisiotto
16 ore
Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’
L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Ticino
17 ore
Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’
Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
17 ore
Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello
Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Locarnese
18 ore
L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo
‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
© Regiopress, All rights reserved