laRegione
superamento-livelli-ppd-e-ocst-si-sfilano-dall-iniziativa
A pochi giorni dal no del Gran Consiglio al test (Ti-Press)
31.01.22 - 21:29

Superamento livelli, Ppd e Ocst si sfilano dall’iniziativa

Stasera l’incontro promosso dalla Vpod. Ghisletta: testo distribuito, ci ritroveremo il 24 febbraio per eventuali modifiche e decidere come proseguire

La volontà di superare nella scuola media i livelli A e B in matematica e tedesco c’è e anche se non è unanime, è certamente trasversale a partiti e associazioni vicini al mondo della scuola. La proposta del sindacato Vpod di lanciare un’iniziativa popolare conosce però già due defezioni: i rappresentanti di Ppd e Ocst docenti hanno detto, stasera nel primo incontro via Zoom, che non aderiranno al futuro comitato di iniziativa, semmai vedrà la luce. «La bozza di testo dell’iniziativa popolare è stata distribuita agli interessati e ci siamo dati tempo fino al 24 febbraio, quando ci sarà un’altra riunione – sempre online – per proporre eventuali modifiche e decidere come proseguire», afferma il segretario cantonale della Vpod, e granconsigliere socialista, Raoul Ghisletta, che si dice convinto che l’interesse attorno al tema dei livelli è forte «ed è il momento per cercare di canalizzare questo consenso, anche popolare, verso una proposta di riforma unitaria che parta dal basso».

Gli articoli di legge interessati

Il testo dell’iniziativa proposto dalla Vpod chiede la modifica della Legge sulla scuola media del 21 ottobre 1974. Quattro, dei trentasei di cui si compone la vigente normativa cantonale, gli articoli che si vuole ritoccare per abrogare i livelli.

All’articolo 6 si propone un nuovo capoverso secondo cui l’insegnamento “comprende lezioni ordinarie, lezioni e laboratori a metà classe per gruppi eterogenei, nonché giornate/settimane progetto“.

Per quanto riguarda l’articolo 7 si chiede di modificare il secondo capoverso e di abrogare il terzo. L’attuale articolo 7 afferma al primo capoverso che “Il ciclo d’orientamento si propone di dare agli allievi la possibilità di valutare le loro capacità e di definire i loro interessi scolastici e professionali”. “A tal fine - e siamo al secondo capoverso - l’insegnamento comprende: a) una parte comune a tutti gli allievi, composta di materie obbligatorie; b) una parte differenziata, composta di corsi a due livelli in alcune materie obbligatorie, di opzioni d’approfondimento e di opzioni d’orientamento. La parte differenziata può occupare al massimo metà del tempo scolastico; le opzioni e i livelli ivi compresi sono soggetti a scelte individuali tra loro indipendenti”. Al terzo capoverso si afferma che “Durante il ciclo d’orientamento è possibile modificare le scelte iniziali”. Ebbene, l’iniziativa chiede di cancellare il terzo capoverso e soprattutto di sostituire il secondo con uno del seguente tenore: “A tal fine l’insegnamento comprende lezioni ordinarie, lezioni e laboratori a metà classe per gruppi eterogenei, opzioni di approfondimento e di orientamento, nonché giornate/settimane progetto”.

Si propone poi di modificare l’articolo 15, che oggi recita: “L’allievo promosso dal ciclo d’osservazione è iscritto nel ciclo d’orientamento; le scelte concernenti la parte differenziata dall’insegnamento spettano all’allievo e ai genitori, sentito il parere del Consiglio di classe, salvo i casi previsti dal regolamento di applicazione”. Si suggerisce quindi un nuovo articolo 15: “L’allievo promosso dal ciclo d’osservazione è iscritto nel ciclo d’orientamento; le scelte concernenti le opzioni spettano all’allievo e ai genitori, sentito il parere del Consiglio di classe”.

Un altro articolo interessato dall’iniziativa è il 17. Quello vigente sostiene che: (primo capoverso) “L’allievo promosso alla fine della quarta classe ottiene la licenza dalla scuola media”; (secondo) “La licenza dalla scuola media consente l’iscrizione alle scuole professionali, riservate le prescrizioni relative alle singole scuole”; (terzo) “L’iscrizione alle scuole medie superiori senza esami d’ammissione è vincolata alla frequenza di determinati corsi a livelli e a opzione, nonché al profitto conseguitovi. Gli allievi che non soddisfano tali requisiti possono iscriversi alle scuole medie superiori previo esame d’ammissione”; (quarto capoverso) “La licenza della scuola media può essere ottenuta da allievi privatisti previo esame”. Il testo dell’iniziativa chiede di modificare l’articolo 17 come segue: (primo capoverso) “L’allievo promosso alla fine della IV classe ottiene la licenza di scuola media”; (secondo) “La licenza di scuola media consente l’iscrizione alle scuole postobbligatorie in base ai requisiti relativi alle singole scuole previsti dai regolamenti scolastici”; (terzo) “Gli allievi che non soddisfano i requisiti di iscrizione a una scuola postobbligatoria possono di regola iscriversi previo esame d’ammissione”; (quarto capoverso) ”La licenza di scuola media può essere ottenuta da allievi privatisti previo esame”.

L’iniziativa confezionata dalla Vpod prospetta anche una norma transitoria. Ovvero: “Il Consiglio di Stato stabilisce un piano per l’attuazione graduale della presente riforma della scuola media, che dovrà essere realizzato completamente entro 3 anni dall’accoglimento in votazione popolare della presente riforma”.

Il perché delle modifiche

I motivi delle modifiche proposte? Con il nuovo capoverso all’articolo 6, spiega il sindacato, “si specificano le forme didattiche possibili nel primo biennio di questo ordine scolastico: le lezioni ordinarie, che tutti conoscono, le lezioni e i laboratori a metà classe per gruppi eterogenei, che permettono di meglio differenziare l’insegnamento dal punto di vista pedagogico, e le giornate/settimane progetto, che riuniscono in momenti specifici contenuti scolastici disciplinari, interdisciplinari o di formazione generale”. Sarà poi il regolamento del Consiglio di Stato, scrive ancora la Vpod, “a dover stabilire per quali anni, per quali materie e con quale intensità si potrà ricorrere a queste forme didattiche”. Con questa disposizione “si conferma nella legge la situazione attuale”. La modifica del secondo capoverso e l’abrogazione del terzo dell’articolo 7 “propongono anche per il secondo biennio, d’orientamento, la medesima impostazione, aggiungendo però tra le forme didattiche anche le opzioni di orientamento e approfondimento”. Viene “abbandonato il sistema dei livelli, sostituito da lezioni ordinarie, lezioni e laboratori a metà classe per gruppi eterogenei, opzioni di approfondimento e di orientamento, giornate/settimane progetto”. Anche in questo caso “sarà poi il regolamento del Consiglio di Stato a dover stabilire per quali anni, per quali materie e con quale intensità si potrà ricorrere a queste forme didattiche”. In questo caso, osserva il sindacato, “vi è un sostanziale cambiamento, perché il sistema dei livelli viene a cadere e viene sostituito da una nuova modulazione delle quattro forme didattiche appena ricordate, nessuna delle quali prevede criteri d’entrata”. Anche le opzioni “saranno scelte dagli allievi e dalle loro famiglie, naturalmente consigliate dagli insegnanti e dagli altri professionisti della scuola”. La modifica dell’articolo 15, continua la Vpod, “è necessaria a togliere il riferimento ai livelli e a confermare la scelta di allievi e famiglie quanto alle opzioni”. Mentre quella dell’articolo 17 “serve a togliere il riferimento alla frequenza di corsi a livelli od opzioni per l’accesso alle scuole medie superiori senza esame di ammissione”. In base a questa disposizione, si evidenzia, “i criteri di accesso diretto alle diverse scuole postobbligatorie, siano esse medie superiori o professionali, saranno definite nei regolamenti scolastici relativi a queste scuole”. Viene “mantenuto” il principio secondo il quale gli allievi che non soddisfano i requisiti di iscrizione diretta a una scuola postobbligatoria “possono di regola iscriversi previo esame d’ammissione”. E viene “confermata una procedura per l’ottenimento della licenza di scuola media da privatisti”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
classe livelli orientamento scuola media vpod
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
11 min
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
21 min
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery
Luganese
29 min
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
45 min
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
1 ora
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
2 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
2 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
Ticino
7 ore
Contagi in Ticino sotto le mille unità: 739 in una settimana
Coronavirus, in una settimana le nuove positività sono scese di quasi un terzo; in calo pure le persone ospedalizzate: ora sono 60. Tre i decessi
Luganese
10 ore
Svizzeri all’estero, verso il voto elettronico
Durante il 98° Congresso, che si terrà dal 19 al 21, si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione delle persone con l’Unione europea
Mendrisiotto
10 ore
Un gruppo autonomo unito da una passione comune: il Tai Chi
Nessun maestro, non c’è problema. A Riva San Vitale, una decina di persone si riunisce ogni giovedì per dedicarsi alla pratica orientale
© Regiopress, All rights reserved