laRegione
prestazione-ponte-covid-il-governo-propone-la-proroga
Ti-Press
28.01.22 - 10:52
Aggiornamento : 17:19

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo

La prestazione ponte Covid verrà prorogata per almeno altri sei mesi, prorogabili fino alla fine del 2023 e con effetto retroattivo allo scorso 1° gennaio. La proposta del Dipartimento della sanità e della socialità (Dss) è stata fatta propria dal Consiglio di Stato che ha trasmesso il relativo messaggio all’attenzione della commissione competente del Gran Consiglio.

La prestazione ponte Covid, ricorda il Governo, “è una misura supplementare e complementare al sistema federale e cantonale di sicurezza sociale e agli aiuti puntuali erogati dalla Confederazione, dal Cantone, dai Comuni e dagli enti attivi sul territorio. Essa si rivolge in modo mirato alle persone che stanno attraversando un periodo di difficoltà economica a causa della pandemia di Covid-19, con particolare attenzione ai lavoratori indipendenti e ai lavoratori dipendenti che non possono beneficiare di indennità ai sensi della Legge sull’assicurazione contro la disoccupazione (Ladi) che si trovano temporaneamente in difficoltà poiché esclusi da altre forme di aiuti federali e cantonali”, si legge in una nota.

Durante i primi mesi dalla sua entrata in vigore, il 1o Marzo 2021 in seguito all’approvazione da parte del Gran Consiglio, e in considerazione dei costanti mutamenti dettati dalla pandemia nel quadro normativo delle prestazioni di sostegno, “i criteri di accesso e calcolo son stati adeguati tempestivamente dal Consiglio di Stato, in collaborazione con i Comuni, abbassando le soglie di accesso, allargando la cerchia dei beneficiari e accrescendo gli importi concessi, pur mantenendo il carattere mirato e straordinario della prestazione”, si legge ancora. Modifiche che sono state approvate dal Parlamento il 31 maggio 2021 e sono entrate in vigore con effetto retroattivo dal 1° maggio, con scadenza 31 dicembre.

Durante il 2021 i Comuni hanno ricevuto 2’221 domande delle quali 1’457 sono state evase con esito positivo (66%), per un contributo erogato totale di 2’274’461,95 franchi. Grazie alla consulenza individualizzata, alcuni cittadini sono stati indirizzati verso altri servizi o prestazioni di supporto.

L’esperienza condotta durante il 2021, debitamente monitorata grazie al coinvolgimento dei Comuni, ha permesso di osservare una leggera riduzione del numero di persone al beneficio delle prestazioni di aiuto sociale (assistenza) e dunque nel complesso di valutare positivamente l’impatto di questa prestazione.

La proposta di rinnovo del Consiglio di Stato da inoltre seguito alla proposta di rinnovo della prestazione di sei mesi a partire dal 1° gennaio 2022, avanzata dal Parlamento contestualmente alla recente approvazione del Preventivo. Il Messaggio che viene sottoposto al Gran Consiglio prevede l’entrata in vigore della Prestazione con effetto retroattivo al 1° gennaio 2022, per un periodo di almeno sei mesi, prorogabile fino a fine 2023.

Con questa formula il Consiglio di Stato potrà decidere in modo flessibile se continuare a mantenere questo strumento, in funzione dell’evoluzione delle conseguenze economiche della pandemia e delle misure di sostegno messe in atto dalla Confederazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
governo gran consiglio prestazione ponte covid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia
Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
2 ore
Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche
Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
2 ore
Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio
All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
3 ore
Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute
Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Ticino
4 ore
Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’
Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Ticino
4 ore
‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’
Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Luganese
5 ore
Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica
La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Ticino
6 ore
‘Opere e crisi materie prime, per ora programmazione invariata’
Il Consiglio di Stato risponde a Schnellmann (Plr) sui possibili cantieri a rischio per prezzi e penuria di acciaio, metallo, legno e carburante
Luganese
7 ore
Omicidio Cantoreggi in Appello, per l’accusa è stato assassinio
La pp Tuoni ha richiesto 17 anni di carcere per il 35enne austriaco. La difesa: i ricorsi sono da respingere. Attimi di tensione fuori dall’aula
Mendrisiotto
7 ore
A Mendrisio il Ppd rilancia: ‘Dimezziamo i dicasteri’
In una interrogazione il gruppo mette sul tavolo la proposta, alternativa a tagli e aumento del moltiplicatore
© Regiopress, All rights reserved