laRegione
torna-la-processionaria-come-riconoscerla-e-come-proteggersi
Le larve della processionaria
28.01.22 - 09:37
Aggiornamento : 14:14

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali

Compaiono già i primi nidi di processionaria del pino nei giardini e nei boschi di alcune aree del Ticino. Lo comunica il Dipartimento del territorio, in accordo con l’Ufficio del medico cantonale del Dipartimento della sanità e della socialità

Dannose per le piante, pericolose per persone e animali

La Processionaria del pino è una farfalla: a creare i maggiori problemi sono i suoi bruchi, le larve che, sviluppandosi nelle conifere e in particolare nei pini, causano danni alle piante colpite, che possono arrivare a perdere completamente gli aghi: infestazioni ripetute per più anni influiscono negativamente sugli accrescimenti e possono inoltre indebolire le piante al punto da predisporle a successivi attacchi di insetti e patogeni. Questi bruchi costituiscono anche un rischio non trascurabile per la salute di persone e animali in quanto a partire dal terzo stadio larvale le larve portano sul dorso peli urticanti, conformati come dei piccoli arpioni, che possono essere facilmente liberati nell’aria e trasportati dal vento. Questi peli urticanti possono causare dolorose infiammazioni se vi è un contatto con la pelle e anche gravi reazioni se inalati.

Le larve della Processionaria del pino sono presenti sulle piante dall’autunno fino alla primavera. Una volta raggiunta la maturità, scendono lungo i tronchi in lunghe file fino al suolo, dove si interrano per trasformarsi prima in crisalide e poi in adulto. La comparsa di questi ultimi si registra in estate, ma un numero variabile di crisalidi può arrestare lo sviluppo e dare luogo agli adulti dopo qualche anno. Se da un lato a inizio autunno è difficile individuare la presenza dell’insetto, i suoi grossi nidi biancastri di svernamento sono invece ben visibili in inverno, e si trovano sulla parte più soleggiata delle chiome delle piante ospiti. Le larve mature hanno capo nero e corpo grigiastro, su cui spicca il rosso fulvo dei ciuffi di peli urticanti; lateralmente sono presenti lunghi peli biancastri e il colore tende al giallastro.


Un nido di processionaria

Come proteggersi

Queste le precauzioni che il Dt consiglia di adottare:

  • Non avvicinarsi e non sostare sotto piante infestate.
  • Tenere i cani al guinzaglio nelle zone di presenza dei nidi.
  • Raccomandare ai bambini di non toccare i bruchi in fila.
  • Non tentare di distruggere i nidi con mezzi artigianali, poiché ciò favorisce la diffusione nell’ambiente dei peli urticanti.
  • A fine inverno-inizio primavera, quando si possono osservare con particolare frequenza le processioni di larve lungo i tronchi o sul terreno, evitare di raccogliere i bruchi senza protezioni e con mezzi inadeguati (scope, rastrelli ecc.)
  • Lavare abbondantemente frutti e prodotti di orti in prossimità di pini infestati.
  • In caso di contatto di persone o animali domestici con i peli urticanti possono manifestarsi reazioni cutanee con prurito e, in individui predisposti, reazioni allergiche anche importanti.
  • Generalmente è sufficiente lavare la pelle (ev. corpo e capelli) con acqua e sapone. Per asportare peli ancorati alla pelle si può usare del nastro adesivo. In caso di forte prurito la polvere di talco mentolato ha effetto calmante.

Le rare situazioni di reazione allergica generalizzata (sintomi respiratori), oppure di congiuntivite causata dal contatto di peli urticanti con gli occhi, o ancora di ingestione di peli o larve, richiedono l’intervento medico. In caso di contatti accidentali con larve o nidi è consigliato manipolare gli indumenti con guanti e lavarli a temperatura non inferiore a 60°, fare una doccia ed evitare di grattarsi.

Come intervenire

Per quanto riguarda i giardini il Dt consiglia di eliminare i nidi, ancora nelle prossime settimane e in ogni caso prima della discesa dei bruchi lungo il tronco, proteggendosi in modo adeguato con guanti e vestiti lunghi ed eventualmente mascherine, tagliando i rametti sui quali si trovano i nidi, assicurandosi che all’interno vi siano ancora le larve e immergendoli in acqua molto calda contenente abbondante sapone di Marsiglia. In questo modo le larve vengono completamente annientate. Particolare attenzione deve essere prestata alla sicurezza durante questa operazione, in considerazione della posizione dei nidi alle estremità delle chiome degli alberi e alle conseguenti possibili cadute. Si consiglia di affidare queste mansioni a personale qualificato.
La Legge federale sulle foreste vieta l’uso di qualsiasi prodotto antiparassitario in bosco, per cui la Sezione forestale non prevede l’utilizzo di fitofarmaci o pesticidi. In casi particolari e limitatamente al bosco si consiglia di contattare l’Ufficio forestale di circondario più vicino e di verificare la situazione con i forestali che proporranno ai proprietari delle misure adeguate.

Il Dipartimento del Territorio ricorda che i Municipi sono competenti per l’adozione dei provvedimenti che si rendessero necessari a tutela della salute pubblica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
peli urticanti processionaria
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia
Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
3 ore
Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche
Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
3 ore
Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio
All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
4 ore
Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute
Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Ticino
5 ore
Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’
Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Ticino
5 ore
‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’
Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Luganese
6 ore
Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica
La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Ticino
7 ore
‘Opere e crisi materie prime, per ora programmazione invariata’
Il Consiglio di Stato risponde a Schnellmann (Plr) sui possibili cantieri a rischio per prezzi e penuria di acciaio, metallo, legno e carburante
Luganese
8 ore
Omicidio Cantoreggi in Appello, per l’accusa è stato assassinio
La pp Tuoni ha richiesto 17 anni di carcere per il 35enne austriaco. La difesa: i ricorsi sono da respingere. Attimi di tensione fuori dall’aula
Mendrisiotto
8 ore
A Mendrisio il Ppd rilancia: ‘Dimezziamo i dicasteri’
In una interrogazione il gruppo mette sul tavolo la proposta, alternativa a tagli e aumento del moltiplicatore
© Regiopress, All rights reserved