laRegione
apertura-negozi-la-legge-restera-in-vigore
Ti-Press
26.01.22 - 12:08
Aggiornamento : 14:13

Apertura negozi, la legge resterà in vigore

Il Tribunale federale ha accolto parzialmente due ricorsi. Bocciata la creazione della commissione consultiva

Ats, a cura de laRegione

La legge ticinese sull’apertura dei negozi rimarrà in vigore, ma non ci sarà una commissione consultiva, composta da rappresentanti dei datori di lavoro e dei sindacati e incaricata di monitorare l’applicazione. Il Tribunale federale (TF) ha infatti accolto parzialmente due ricorsi sul testo entrato in vigore all’inizio del 2020.

La nuova legge cantonale, promulgata dal Gran Consiglio nel 2015 e accolta in votazione popolare l’anno dopo, prevedeva di subordinare l’entrata in vigore alla sottoscrizione di un contratto collettivo di lavoro (CCL) di obbligatorietà generale nel settore della vendita (articolo 23 capoverso 1). Quest’ultimo è stato concluso nel 2019 e la legge è entrata in vigore l’anno dopo

Il sindacato Unia, diversi privati e un’azienda hanno inoltrato ricorsi chiedendo l’annullamento della legge o lo stralcio di alcune singole disposizioni.

Supremazia del diritto federale

Nella sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale accoglie parzialmente le argomentazioni dei ricorrenti. Secondo l’Alta Corte l’articolo che condiziona l’entrata in vigore della legge alla sottoscrizione di un CCL di obbligatorietà generale è incostituzionale. Il suo scopo infatti è la tutela dei lavoratori che è però regolamentata dalla Legge federale sul lavoro. La norma ticinese quindi costituisce una violazione della supremazia del diritto federale, secondo i giudici di Mon Repos. Il TF ha comunque ritenuto inopportuno l’annullamento dell’intera legge poiché solo l’entrata in vigore era vincolata al CCL.

Per le stesse ragioni è stata annullata anche la disposizione che prevede la creazione di una commissione consultiva (articolo 4 capoversi 2 e 3). La legge quindi rimane in vigore, ma senza la commissione.

Gli altri ricorsi (articoli 8, 9, 10, 14 e 16) sono stati giudicati infondati dal TF. Unia chiedeva l’annullamento integrale della legge. In particolare il sindacato criticava il fatto che le “zone turistiche” dove è consentita l’apertura dei negozi 7 giorni su 7 dalle 6.00 alle 22.30 sono state estese al punto da inglobare anche aree che nulla hanno di turistico e coprire gran parte del territorio cantonale.

Per il segretario regionale Giangiorgio Gargantini l’incostituzionalità della norma che lega l’entrata in vigore della legge al CCL non è una sorpresa poiché Unia aveva già sottolineato a più riprese questa criticità. Per il TF l’annullamento di questa disposizione non giustifica l’annullamento dell’intera legge da un punto di vista giuridico, ma in realtà senza l’“obbligo” di CCL la legge non avrebbe raccolto la maggioranza in Gran Consiglio e probabilmente neppure in votazione popolare, fa notare Gargantini, raggiunto da Keystone-ATS.

Rimane inoltre da chiarire se l’annullamento della disposizione avrà conseguenze sull’obbligatorietà generale conferita del CCL. Il rischio è di ritrovarsi ora con una legge che peggiora le condizioni dei lavoratori e non serve all’economia perché alla maggioranza dei negozi non conviene tenere aperto la domenica, conclude il segretario di Unia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
apertura negozi ccl commissione consultiva tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 min
Carona, si rovescia con lo scavatore e finisce in una scarpata
Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie
Bellinzonese
1 ora
Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa
Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
3 ore
Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino
Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
9 ore
Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi
La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
9 ore
‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’
L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Bellinzonese
16 ore
Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita
È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Locarnese
19 ore
Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’
Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Bellinzonese
20 ore
Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona
La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
20 ore
‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’
Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
Luganese
20 ore
Polizia del Vedeggio: il clima si fa più teso
Cresce il malumore all’interno del Corpo dopo l’inchiesta amministrativa. E il vicecomandante, sospeso, ricorre al Consiglio di Stato
© Regiopress, All rights reserved