laRegione
25.01.22 - 12:18
Aggiornamento: 15:10

Frontalieri col reddito di cittadinanza: ‘Via il permesso G’

Il granconsigliere della Lega dei Ticinesi Massimiliano Robbiani interroga il Consiglio di Stato sul caso dei lavoratori d’oltreconfine accusati di truffa

frontalieri-col-reddito-di-cittadinanza-via-il-permesso-g
Ti-Press

La vicenda, rimbalzata sui media della zona di confine, dei frontalieri impiegati in Ticino che percepivano, indebitamente, il reddito di cittadinanza italiana non rivelando le entrate provenienti dall’impiego nel nostro Cantone approda sui banchi del Gran Consiglio ticinese.

Il granconsigliere della Lega dei Ticinesi Massimiliano Robbiani ha presentato un’interrogazione in merito al Consiglio di Stato. Robbiani ricorda che i quattro, tre uomini e una donna, dovranno rispondere di truffa ai danni dello Stato italiano per cifre che, stando alle contestazioni degli inquirenti, vanno dai 1’200 ai 27’000 euro. Fatti “poco gratificanti, fatti da chi guadagna la ‘pagnotta’ in Ticino, lasciano di certo l’amaro in bocca”, osserva il granconsigliere momò. Per Robbiani “non è accettabile che questi frontalieri truffaldini possano ancora lavorare nel nostro Paese”.

Il granconsigliere della Lega, premesso ciò, ritenendo che agli indagati, accertate le responsabilità, vada revocato il permesso di lavoro G, chiede al Consiglio di Stato se ha intenzione di prendere dei provvedimenti in tal senso, e se è a conoscenza di altri casi simili, ed eventualmente di quanti e per quanto tempo si sono protratti gli abusi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
29 min
Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere
Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
47 min
Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’
Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
1 ora
Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
1 ora
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
1 ora
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
2 ore
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
7 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
8 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
8 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
8 ore
I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni
Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
© Regiopress, All rights reserved