laRegione
24.01.22 - 11:32
Aggiornamento: 16:28

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime

telefonate-dai-falsi-poliziotti-una-vittima-nel-mendrisiotto
Ti-Press

Continuano ad arrivare alla Polizia cantonale le segnalazioni di tentate truffe telefoniche, condotte in particolare con il modus operandi, già noto, del “falso poliziotto”: la vittima viene contattata telefonicamente da una persona che cerca di carpire abilmente informazioni riguardanti la sua sfera privata così da convincerla a cedere e a consegnare ingenti somme. Rispetto al passato, sottolinea la Polizia cantonale, le modalità appaiono tuttavia maggiormente articolate. Al riguardo, nei giorni scorsi in Germania, nell’ambito di una serie di accertamenti che ha portato a sventare un raggiro, sono stati intercettati con la fattiva collaborazione delle autorità tedesche due uomini e una donna che stavano viaggiando con circa 40mila franchi consegnati nelle ore precedenti da un’anziana del Mendrisiotto.

I truffatori agiscono con due modalità: nei casi più recenti, spacciandosi per agenti di polizia, chiedono insistentemente alla vittima una grossa somma di denaro per coprire le spese per la cauzione di un congiunto, responsabile di un grave incidente della circolazione e che, a loro dire, rischia la carcerazione entro poche ore se non verrà versata una somma di diverse migliaia di franchi, che la vittima dovrebbe prelevare, indotta dallo scarso tempo a disposizione millantato dai truffatori, e consegnare a una terza persona che passerà a ritirarla. La Polizia precisa che le telefonate giungono principalmente su telefoni fissi, da un numero che appare spesso come “sconosciuto” sul display del telefono. Per rendere difficile la loro identificazione, gli autori dei raggiri, che agiscono dall’estero, tendono ad affidare a persone residenti o attive in Ticino (spesso autisti o conducenti di taxi), con un pretesto e in cambio di un compenso, l’incarico di ritirare al domicilio della vittima il pacchetto contenente il denaro da trasportare oltre i confini nazionali. Chi si presta a questo genere di attività, avvertono le forze dell’ordine, si rende così perseguibile penalmente, come dimostra il caso sopra citato.

Vi è poi un secondo genere di raggiro, più elaborato nei tempi di esecuzione. I truffatori si presentano sempre come membri delle forze di Polizia, instillando paura nella vittima millantando una serie di problematiche di sicurezza nel suo sistema bancario e carpendone la fiducia tramite numerose telefonate. A quel punto, la persona presa di mira viene convinta a recarsi in banca per prelevare tutti i risparmi, e a nasconderli e metterli al sicuro momentaneamente all’esterno dell’abitazione: risparmi che spariranno nottetempo per mano dei truffatori. In quest’ultimo caso, la chiamata non proviene da un numero sconosciuto ma da un’utenza che sembra essere ricollegabile alle forze dell’ordine, poiché i truffatori utilizzano un sistema che permette di camuffare il proprio numero, simulandone uno ricollegabile in qualche modo alla Polizia (ad esempio +41 91 117 117).

La Polizia cantonale ribadisce i consigli per non incappare in questo genere di truffe:

  • Essere sempre diffidenti quando si ricevono chiamate con richieste di denaro.
  • Non citare mai il nome dei propri parenti al telefono. Specificare che in casi d’emergenza bisogna dapprima consultarsi con qualcun altro e interrompere subito la conversazione telefonica. Poi contattare un parente che si conosce bene e di cui ci si fida e con lui/lei verificare le informazioni.
  • Non consegnare mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti.
  • Non dare a nessuno informazioni sui propri averi, né su quelli tenuti in casa né su quelli depositati in banca.
  • Se una chiamata sembra sospetta, informare subito la polizia, telefonando al 117 (numero d’emergenza).
  • Informare i parenti e conoscenti e sensibilizzarli dell’esistenza di questo tipo di truffa.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
18 min
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
22 min
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
2 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
2 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
11 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
12 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
12 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
12 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
13 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
13 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
© Regiopress, All rights reserved