laRegione
l-accusa-erano-mossi-da-intenti-egoistici-e-avidita-di-denaro
Ti-Press
La presidente della Corte, la giudice Fiorenza Bergomi
18.01.22 - 21:56
Aggiornamento : 22:12

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia

In totale sono stati chiesti più di otto anni di reclusione per i tre imputati nel processo al Tribunale penale federale per reati finanziari. Sul banco degli accusati gli ex gestori patrimoniali Rocco Zullino, Alfonso Mattei ed Eduardo Tartaglia (contumace). In particolare l’accusa, rappresentata dai procuratori federali Stefano Herold e Alessandro Bernasconi, ha chiesto una pena detentiva di quattro anni per Zullino perché colpevole dei reati di ripetuta amministrazione infedele qualificata; ripetuta truffa e ripetuta falsità in documenti. Per Alfonso Mattei la richiesta di pena è di 2 anni e nove mesi con eventuale sospensione condizionale della pena, mentre per Tartaglia sono stati chiesti un anno e otto mesi di reclusione perché colpevole del reato di ripetuta falsità in documenti. Anche in questo caso non ci si oppone alla sospensione condizionale della pena. Secondo Herold la colpa dei tre imputati è estremamente grave, perché mossi da avidità di denaro e intenti egoistici. In particolare Zullino, ha ricordato Herold al termine di una lunga requisitoria durata più di otto ore durante la quale si è alternato con il collega Alessandro Bernasconi, aveva uno stipendio di tutto rispetto visto che era arrivato a guadagnare alla fine del 2012 uno stipendio netto annuale pari a 394 mila franchi. In pratica 35 mila franchi al mese. «Il lauto stipendio non gli bastava e si è appropriato anche del denaro dei suoi clienti», ha affermato il procuratore Herold. La vicenda è quella della Hottinger et Associés Lugano Sa diventata nel frattempo RZ et Associés Sa società posseduta, amministrata e diretta dal solo Zullino. Entità che ruotavano in qualche modo attorno alla ex Banca Hottinger & Cie, nel frattempo fallita. Tra i clienti truffati anche il Fondo edifici di culto (Fec) del Ministero italiano dell’interno. Quest’ultima vicenda ha già visto celebrare due processi in Italia: uno a Roma e l’altro a Napoli che si sono conclusi entrambi con la condanna di Zullino e Tartaglia per il reato di truffa. Proprio queste due sentenze risalenti al 21 giugno 2017 (Roma) e al 18 dicembre 2019 (Napoli) sono state usate dal Ministero pubblico della Confederazione come mezzi di prova per dimostrare il reato di truffa in Svizzera. Tartaglia e Zullino per queste vicende hanno patito carcerazione preventiva in Italia che però non può essere scontata da un’eventuale pena detentiva svizzera.

Avidità e motivi egoistici – per l’accusa – sono alla base anche dell’agire criminale di Alfonso Mattei. «Una condotta criminale grave e reiterata nel tempo senza nessun riguardo per i suoi clienti di cui gestiva i patrimoni», ha ricordato Herold. Per Mattei, come per Zullino, l’unica attenuante è il lungo tempo trascorso dai fatti. Ricordiamo che si parla di vicende risalenti a oltre un decennio fa.

Anche per Eduardo Tartaglia - ritenuto contumace, fin dall’inizio del dibattimento, dalla Corte presieduta dalla giudice Fiorenza Bergomi - l’accusa ha usato parole dure. «Mosso dalla brama di denaro, Tartaglia non si è fatto scrupoli di depredare conti di persone anziane ridotte in miseria e anche il Fec, un ente dello Stato italiano», ha sottolineato il procuratore Herold nella sua requisitoria. Ancora ieri, per giustificare la sua assenza, Eduardo Tartaglia ha fatto sapere - tramite il suo legale - di aver contratto il Covid. Un mal di schiena improvviso (rachide lombare acuta secondo il suo medico, ndr) lo aveva bloccato a letto a Napoli impedendogli di partire per Bellinzona. L’accusa lo ritiene colpevole di ripetuta falsità in documenti. Venivano da lui, infatti, gli ordini di bonifico firmati in bianco e inviati via Dhl a Lugano al suo socio di fatto Zullino. Su questi documenti c’era la firma contraffatta di due alti dirigenti del Ministero dell’interno rappresentanti legali del Fec: un prefetto e una viceprefetto poi risultati estranei ai fatti.

Domani parleranno le difese rappresentate dagli avvocati Carlo Borradori (Zullino); Matteo Galante (Mattei) e Nadir Guglielmoni (Tartaglia). La sentenza è attesa per il 4 febbraio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alfonso mattei tartaglia zullino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
42 min
Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano
Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
42 min
Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio
Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
42 min
‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’
Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
7 ore
Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’
Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
7 ore
Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più
Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
10 ore
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
11 ore
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
12 ore
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
12 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
© Regiopress, All rights reserved