laRegione
scuole-di-musica-e-obbligo-2g-non-ci-sono-margini-di-manovra
Ti-Press
laR
 
18.01.22 - 19:06

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Il Consiglio di Stato comprende bene che la situazione che si è venuta a creare dopo le decisioni del Consiglio federale di dicembre generi un problema per lo svolgimento delle attività di formazione musicale da parte delle persone non vaccinate e non guarite di età superiore ai 16 anni, ma non sussiste oggi margine di manovra per evitare l’applicazione della norma federale sul 2G in questo ambito”. Dopo le forti prese di posizione del Conservatorio della Svizzera italiana, della Federazione delle scuole di musica ticinesi e della Federazione bandistica ticinese sull’obbligo di 2G per l’istruzione in presenza – equiparandoli così, sostengono, alle questioni culturali e non alla formazione – arriva la replica del Consiglio di Stato. Che ricorda come “sulla base dell’ordinanza Covid-19 situazione particolare (attualmente l’articolo 20) le attività del corso pre-professionale di musica e delle scuole di musica sono sempre state trattate nel nostro Cantone come attività culturali. Questo non ha mai posto problemi pratici, perché le regole inerenti alle restrizioni in questo ambito erano piuttosto blande”. Il 20 dicembre scorso, ricorda il governo, “per decisione del Consiglio federale a queste attività è stato imposto l’obbligo del certificato 2G alle persone over 16, decisione che ha fatto reagire le scuole di musica”. Esse, scrive l’Esecutivo, “ora pretendono di essere trattate come le scuole dell’obbligo o del secondario II, che in base all’ordinanza federale potrebbero godere di regole di gestione della pandemia decise dal Cantone”. Tuttavia, il Consiglio di Stato annota che “secondo la legge cantonale sulla scuola, in Ticino le scuole di musica e il corso pre-professionale non sono scuole dell’obbligo o del secondario II. Tenuto conto di questo, non è possibile per il Consiglio di Stato adottare norme cantonali senza violare in modo manifesto le legislazioni cantonale e federale. Può arsi che altri Cantoni abbiano un sistema scolastico costruito su un modello amministrativo diverso, ma questo non cambia le cose”.

Leggi anche:

Il Conservatorio al Decs: ‘Siamo una scuola, non tempo libero’

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
conservatorio consiglio di stato obbligo 2g scuole di musica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano
Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
1 ora
Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio
Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
1 ora
‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’
Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
8 ore
Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’
Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
8 ore
Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più
Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
11 ore
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
12 ore
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
12 ore
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
13 ore
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
13 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
© Regiopress, All rights reserved