laRegione
quote-rosa-ai-vertici-dell-amministrazione-commissione-divisa
Ti-Press
laR
 
18.01.22 - 18:18
Aggiornamento : 18:56

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È divisa a dir poco la commissione parlamentare Costituzione e leggi per quanto concerne il destino della mozione con cui Raoul Ghisletta (Ps) si è fatto promotore della richiesta di portare almeno al 30 per cento la presenza femminile ai vertici delle aziende e degli enti cantonali, dell’Amministrazione cantonale e delle commissioni. È divisa perché nella riunione commissionale odierna sono stati firmati due rapporti che, a causa di questioni relative alla validazione della firma di alcuni commissari assenti, non possono ancora vantare un sostegno definitivo.

Filippini: monitoraggio decennale, servono dati precisi

A ogni modo i rapporti sono due, si diceva. Uno è firmato da Lara Filippini (Udc), e nell’affrontare la richiesta di Ghisletta “invita a respingere la mozione così come proposta ed esorta il Consiglio di Stato ad allestire, tramite la Delegata per le pari opportunità, un rapporto decennale da sottoporre all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio o inserendolo nel Rendiconto del Consiglio di Stato”. Insomma, il tema va affrontato partendo da dati certi. Difatti, si continua a leggere nel testo, “il citato rapporto dovrà focalizzarsi sull’evoluzione della presenza femminile e maschile nelle posizioni dirigenziali (...) fornendo i relativi dati in maniera dettagliata ed esaustiva”. Perché la base di partenza citata nelle argomentazioni di Filippini è che “nel regolamento varato dal governo e di sua esclusiva competenza è già espressamente citato che ‘la rappresentanza di uno o dell’altro sesso deve essere, nella misura del possibile, di almeno il 30%’”. Dal monitoraggio in atto “emerge sì un miglioramento della situazione, ma emerge altresì una mancanza di dati in merito all’evoluzione della rappresentanza femminile in seno all’Amministrazione cantonale, ai gruppi di lavoro, alle commissioni e nella rappresentanza in enti di nomina cantonale”. Quindi? Quindi “solo con dati puntuali, chiari e precisi si può essere più oggettivi e incisivi nell’attuazione o nella scelta di correttivi riguardanti le politiche di parità di genere”. Per questo, “si ritiene necessario disporre di un monitoraggio costante della questione – per capire se effettivamente c’è un problema nella scelta derivante dal genere – sulla base di un rapporto annuale elaborato dalla Delegata per le pari opportunità”.

Lepori: il governo cambi il suo regolamento, rappresentanza di uno o dell’altro sesso non inferiore al 30%

Di diverso parere è il secondo rapporto sul tavolo, quello stilato da Daria Lepori (Ps). Anch’esso parte dall’articolo 4 capoverso 3 del Regolamento citato anche da Filippini, chiedendo di accogliere parzialmente la mozione “ritenendo opportuno” che il Consiglio di Stato riformuli tale articolo come segue: “La rappresentanza dell’uno e dell’altro sesso non può essere inferiore al 30 per cento. Occorre perseguire a lungo termine una rappresentanza paritetica dei due sessi. Se la proporzione di uomini o di donne è inferiore al 30 per cento, il Consiglio di Stato esige una motivazione scritta”. Non solo. Il rapporto di Lepori chiede che il governo “rilevi e metta a disposizione in maniera facilmente usufruibile i dati sull’evoluzione della rappresentanza femminile” e che “metta in atto misure di sensibilizzazione volte al miglioramento della presenza femminile, in particolare in vista del rinnovo nel 2023 delle commissioni e dei gruppi di lavoro extra parlamentari, dal momento che la loro istituzione avviene su sua decisione e che nel 2023 dovrà procedere al loro rinnovo sostituendo i membri uscenti e coloro che hanno accumulato 12 anni di attività”. Infine, la deputata socialista chiede che il nuovo articolo riformulato come da richiesta venga introdotto nelle leggi che regolano le partecipate del Cantone, quindi Azienda cantonale dei rifiuti, Azienda elettrica ticinese, BancaStato, Ente ospedaliero cantonale, Ente turistico ticinese, Usi e Supsi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amministrazione cantonale quote rosa rappresentanza femminile
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
35 min
Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano
Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
35 min
Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio
Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
35 min
‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’
Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
6 ore
Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’
Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
7 ore
Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più
Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
10 ore
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
11 ore
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
11 ore
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
12 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
© Regiopress, All rights reserved