laRegione
17.01.22 - 11:35
Aggiornamento: 14:30

L’imposta di circolazione 2022 sarà invariata rispetto al 2021

In arrivo nei prossimi giorni le fatture, che andranno saldate entro il 1° marzo. Previsto un gettito di 104, 8 milioni di franchi

l-imposta-di-circolazione-2022-sara-invariata-rispetto-al-2021
Ti-Press

La fattura per l’imposta di circolazione del 2022, in arrivo nelle case ticinesi in questi giorni, sarà analoga a quella del 2021, dato che non è stata apportata nessuna modifica rispetto a quella del 2019, 2020 e del 2021, così come sono rimasti invariati i coefficienti bonus-malus, legati alle emissioni di CO2 dei veicoli immatricolati per la prima volta dopo l’1.1.2009.

Per il 2022 il Cantone per le imposte di circolazione fatturerà in totale 134,4 milioni di franchi – importo di poco superiore al 2021 – al quale si aggiungono circa 3,6 milioni per le imposte di navigazione. Il gettito dell’imposta di circolazione 2022, riferito unicamente alle 225’042 automobili immatricolate alla fine del 2021 (nel 2020 erano 224’887) sarà di 104,8 milioni di franchi, leggermente inferiore a quello del 2021 (104,9 milioni). Al 31 dicembre 2021 l’intero parco veicoli ticinese si attesta a ben 324’017 unità.

La nuova formula di calcolo, contenuta nel messaggio 7’670 approvato dal Governo il 12 maggio 2019, è tuttora al vaglio del Parlamento e si prefigge di allineare le imposte di circolazione richieste in Ticino alla media nazionale, seguendo i principi di sostenibilità ambientale e di copertura dei costi dell’infrastruttura stradale.

L’imposta andrà saldata entro il 1° marzo 2022: è possibile usufruire della procedura elettronica (e-fattura), alla quale, a partire da quest’anno, sarà allegato in formato Pdf l’abituale volantino informativo, intitolato “Info mobilità 2022”, che fino al 2021 era incluso unicamente nella busta inviata per posta. Il Dipartimento Istituzioni osserva che la Sezione della circolazione, che annualmente emette circa 580’000 fatture, è stata il primo Ufficio dell’Amministrazione cantonale a dotarsi, nel corso del mese di novembre 2021, delle nuove fatture con codice QR, che permetteranno in particolare agli utenti di effettuare i pagamenti anche digitalmente, in modo rapido e semplice tramite scansione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
2 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
9 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
10 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
11 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
12 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
12 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
13 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
13 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
16 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
© Regiopress, All rights reserved