laRegione
eruzione-tonga-il-suono-dell-esplosione-anche-in-ticino
Meteo Svizzera
Immagine della violenta eruzione ripresa dal satellite Giapponese Himawari-8, elaborazione CIRA RAMMB
laR
 
17.01.22 - 20:10
Aggiornamento: 09.02.22 - 09:56

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Il battito d’ali di una farfalla può provocare un uragano dall’altra parte del mondo”. Sicuramente a molti, leggendo questa frase, saranno tornati in mente i momenti passati sui banchi di scuola quando, a fisica, il docente cercava di spiegare la teoria del caos.

Il principio per cui piccole variazioni nelle condizioni iniziali possono portare a grandi variazioni nel comportamento a lungo termine di un sistema.

E quindi, un leggero spostamento d’aria può essere il punto d’inizio di un potente ciclone. Ma può essere vero anche il contrario: da un feroce tifone si può arrivare, man mano che ci si sposta, a un soffio di vento quasi impercettibile.

Un po’ come quanto successo sabato con l’eruzione del vulcano sottomarino di Tonga, la cui violenta esplosione ha generato un’onda d’urto così potente da espandersi in lungo e in largo per il globo, arrivando anche in Svizzera. Diversi barometri “rossocoraciati” (ma non solo) hanno infatti registrato un’oscillazione della pressione atmosferica abbastanza importante.

C’è onda e onda

Ma non solo i barometri hanno segnato un’alterazione dei flussi e pesi d’aria. Anche i sensori infrasonici, utilizzati in ambito astronomico, hanno captato delle vibrazioni, ma stavolta di tipo sonoro. A spiegarci meglio quanto accaduto un paio di giorni fa, il già professore di fisica, nonché astronomo amatoriale Stefano Sposetti.

«Come membro della Specola Solare Ticinese e della rete Fma, dispongo di un’attrezzatura a sensori infrasuono, che serve principalmente per osservare il passaggio delle meteore. In Svizzera ne abbiamo quattro. Due di questi si trovano in Ticino: uno a Locarno, appunto alla Specola e il secondo è qui, a casa mia - afferma il docente, che continua - Come funzionano? Il meccanismo è semplice: sono dei microfoni molto sensibili che riescono a captare suoni impercettibili. Si parla di microonde che viaggiano sotto i 20 hertz. Queste onde sonore vengono prodotte dai meteoriti di passaggio e attraversano la nostra atmosfera».

Ma come è possibile che un evento terrestre sia stato registrato da apparecchi che studiano fenomeni celesti?

«Perché le onde rimbalzano sulla Terra, esattamente come le loro “simili” di pressione, quelle che vengono percepite dai barometri. Mettendo a confronto i grafici (di barometri e sensori infrasuono) è impressionante constatare come due modi diversi di rilevare un fenomeno abbiano riportato valori molto simili».

Così lontani, così vicini

Un risultato questo che mostra l’unicità, quanto la potenza e violenza, di quanto successo nel Pacifico. Le onde d’urto e suono prodotte dall’esplosione hanno circumnavigato il globo, arrivando a toccare anche la nostra piccola Svizzera, distante ben 17300 km. Attorno alle otto di sera di sabato, le prime oscillazioni, che si sono protratte fino alle sette del mattino del giorno dopo.

«È molto interessante, poiché nel caso del suono, si vedono due “ondate”. La prima, in cui le vibrazioni sono rimbalzate dal Pacifico, al Polo Nord, per arrivare poi da noi. La seconda è arrivata facendo un viaggio opposto, dall’estremo Sud al continente europeo, con qualche ora di ritardo - cinque per la precisione - poiché il percorso è stato più lungo -, conferma entusiasta il docente, che conclude - Questo evento è stato straordinario. Non avevo mai visto una cosa del genere in cinque anni con queste apparecchiature. Certo, capita di percepire grandi esplosioni, come ad esempio quella di Beirut, nell’agosto del 2020. Ma così, mai».

La natura, per l’ennesima volta, ci mostra la sua potenza ricordandoci che, questo immenso pianeta tinto di blu, immenso, alla fine, non lo è mica tanto, se messo a confronto a grandi eventi. E che pure i confini, alla fine, non sono altro che un costrutto del nostro genere, segni tracciati dalla mano dell’uomo. Questo insegnamento sarebbe da applicare anche nella gestione dei cambiamenti climatici, senza confini di sorta.

Poiché, alla fine, anche il battito d’ali di una farfalla può provocare un uragano. Dall’altra parte del mondo.

Leggi anche:

Erutta un vulcano sottomarino, allarme tsunami da Tonga a Fiji

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
barometri eruzione onde specola stefano sposetti suono ticino tonga
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Grigioni
12 min
Grave incidente in galleria a Pian San Giacomo
Tre le auto coinvolte nel botto all’interno del tunnel Cianca Presella. Quattro i feriti, di cui uno in modo grave
Mendrisiotto
1 ora
Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum
Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Ticino
13 ore
‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’
La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Ticino
14 ore
Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’
L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
14 ore
Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura
Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Locarnese
15 ore
‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’
Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Ticino
15 ore
‘Alla guida nessuna distrazione!’
Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Luganese
16 ore
Zelensky a Lugano non ci sarà. Ma arriverà il premier Shmyhal
L’ambasciatore ucraino a Berna fa chiarezza sui delegati che arriveranno in riva al Ceresio in occasione della conferenza Urc 2022
Ticino
20 ore
Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni
Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
20 ore
‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina
Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
© Regiopress, All rights reserved