laRegione
laR
 
14.01.22 - 05:30
Aggiornamento: 19:23

Statali, tra le regole anche la segnalazione delle anomalie

Nel Codice di comportamento per i dipendenti dell’Amministrazione cantonale, varato di recente dal governo, si accenna pure al ‘whistleblowing’

statali-tra-le-regole-anche-la-segnalazione-delle-anomalie
Un documento, otto capitoli (Ti-Press)

Le situazioni anomale? Segnalatele. Accenna anche al cosiddetto whistleblowing il ‘Codice di comportamento per i dipendenti dell’Amministrazione cantonale’ elaborato e varato a inizio anno dal Consiglio di Stato. Lo fa al punto 6, quello sui “Comportamenti irregolari e/o perseguibili penalmente”. Il codice si rivolge ai dipendenti pubblici come segue: “Non sono tollerati comportamenti irregolari e/o perseguibili penalmente, per cui in caso di sospetti concreti, comunichiamo al Gruppo segnalazioni le irregolarità all’interno dell’Amministrazione cantonale, quali le violazioni del diritto pubblico, di direttive interne o di altri doveri, che compromettono il buon servizio al cittadino e/o ledono l’immagine dello Stato. Inoltre, informiamo immediatamente il nostro superiore o il Gruppo segnalazioni se sospettiamo che qualcuno offra impropriamente vantaggi e/o promesse. Le segnalazioni sono trattate in maniera confidenziale, a tutela dei nostri diritti”.

Bertoli: un completamento delle norme legali decise dal parlamento

Il testo richiama quanto statuito dal Gran Consiglio lo scorso dicembre, ovvero il sì ad alcune modifiche di legge, in primis della Lord, la Legge sull’ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti, per introdurre il diritto del dipendente di segnalare irregolarità all’interno della pubblica amministrazione, senza il timore, se ha agito in buona fede, di subire ritorsioni a livello professionale. Un passo, quello compiuto dal parlamento, che ha concretizzato la proposta avanzata dal liberale radicale Giorgio Galusero con una mozione del 2017: ‘Introdurre il diritto di segnalazione e la protezione del denunciante per i dipendenti dello Stato’. La protezione cioè del whistleblower. «Il punto 6 del codice di comportamento fa effettivamente riferimento a questa novità approvata di recente dal Gran Consiglio ma non ancora entrata in vigore essendovi i termini referendari da rispettare», annota, interpellato dalla ‘Regione’, il presidente del governo Manuele Bertoli. «Si tratta – aggiunge il consigliere di Stato – di un completamento delle norme legali decise dal parlamento che presto prenderanno forza giuridica». La Lord già ora invece prevede l’obbligo di denuncia se si viene al corrente di illeciti perseguibili d’ufficio e il punto 6 del codice lo rammenta: “Se siamo a conoscenza di un reato di azione pubblica ne facciamo immediato rapporto all’autorità di nomina o al Ministero pubblico”.

Dovere di servizio, social, regali...

Approvato prima di Natale dal Consiglio di Stato e, indica Bertoli, «comunicato via Intranet ai dipendenti», il ‘Codice di comportamento’ è entrato in vigore il 1º gennaio di quest’anno. Otto i punti in cui si articola: “Dovere di servizio, integrità e fedeltà”, “Tutela degli interessi dello Stato e indipendenza”, “Gestione delle informazioni e segreto d’ufficio”, “Regali o inviti”, “Pari opportunità e protezione della personalità”, “Comportamenti irregolari e/o perseguibili penalmente”, “Applicazione”, “Violazione dei principi di comportamento”. Al primo punto si legge tra l’altro che “relazioni intime tra dipendenti e utenti, allievi, stagiaires, apprendisti consenzienti sono inappropriate e comunque non sono consentite se coinvolgono minorenni”. E ancora: “Evitiamo di compromettere la buona reputazione, l’immagine e la credibilità dell’Amministrazione cantonale, comportandoci in modo corretto e dignitoso, dimostrando buon senso, prudenza e discrezione nell’esercizio della nostra libertà d’espressione, anche nell’utilizzo dei social media, soprattutto in merito a temi inerenti alla nostra attività o allo Stato”. Al capitolo “Pari opportunità e protezione della personalità”, si afferma che “le molestie psicologiche, sessuali, così come ogni forma di discriminazione, sono vietate e non sono tollerate. Pertanto, nell’ambito della tutela della nostra integrità fisica e psichica, se ci riteniamo vittime di discriminazioni oppure molestie possiamo rivolgerci alla Delegata per le pari opportunità, al Gruppo stop molestie, al nostro superiore oppure ai Servizi centrali del personale”. Capitolo “Regali o inviti”: ebbene, “l’accettazione di omaggi e di inviti non deve compromettere l’indipendenza, l’obiettività e la libertà d’azione nello svolgimento della nostra attività professionale né destare sospetti di corruttibilità o prevenzione”. Per questa ragione “ci impegniamo a rispettare quanto previsto dal regolamento dei dipendenti dello Stato. In ogni caso, rifiutiamo regali in contanti. Su autorizzazione del nostro superiore, possiamo accettare inviti a eventi che sono in relazione con la nostra attività professionale o nell’ambito dei quali svolgiamo un ruolo di rappresentanza dello Stato”.

Il documento è stato allestito dal governo, con il coinvolgimento dei sindacati. «C’è stata una fase preparatoria, durante la primavera e l’estate dello scorso anno, poi la presentazione del progetto alle organizzazioni del personale poco dopo il rientro dalle vacanze estive – spiega Bertoli –. Abbiamo lasciato loro qualche settimana per prendere posizione, ma poi è stata chiesta e organizzata una riunione finale per definire gli ultimi dettagli, riunione che si è tenuta in dicembre». Le proposte sindacali «vertevano sulla miglior comprensione e specificazione del testo e in gran parte hanno potuto essere accolte».

Violazioni e procedure disciplinari

Il punto 8, l’ultimo, avverte che “le violazioni ai principi del codice di comportamento possono portare a delle sanzioni ai sensi degli articoli 32 e seguenti della Lord”. Il 32 punisce le trasgressioni ai doveri di servizio con sanzioni disciplinari: si va dall’ammonimento alla multa “sino a 3mila franchi”, alla riduzione dello stipendio “fino a un massimo del 10%, durante un anno al massimo”, alla sospensione dall’impiego “con privazione totale o parziale dello stipendio fino a otto mesi”. «In caso di comportamenti lontani da quelli descritti nel codice di comportamento – sottolinea il presidente del Consiglio di Stato – sarà effettivamente possibile anche l’apertura di un procedimento disciplinare». Con il codice «abbiamo a disposizione alcuni elementi scritti e definiti precisamente a cui far riferimento per gestire situazioni non conformi o che appaiono non conformi a quanto ci si attende da un dipendente del Cantone nel quadro dello svolgimento della propria professione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
6 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
8 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Grigioni
9 ore
A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann
In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Locarnese
10 ore
Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’
Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore
Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca
Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Ticino
11 ore
Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’
Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Locarnese
11 ore
Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze
La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Bellinzonese
12 ore
Municipio di Bodio favorevole alla fusione con Giornico
Una decisione unanime che permette di avviare l’iter per un’aggregazione ridotta rispetto al progetto che comprendeva anche Pollegio e Personico
Ticino
16 ore
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
© Regiopress, All rights reserved