laRegione
10.01.22 - 18:38
Aggiornamento: 19:27

Mascherine alle Elementari: poche defezioni

L‘obbligo non ha causato molte assenze tra i figli dei no mask, nonostante le proteste dei giorni scorsi

mascherine-alle-elementari-poche-defezioni
Ti-Press

Nessuna defezione di massa, al massimo qualche assenza qua e là. L’introduzione dell’obbligo di indossare la mascherina a partire dalla prima elementare non ha scoraggiato il rientro in aula, nonostante le proteste della vigilia da parte dei genitori ‘no mask’, né si sono verificati particolari battibecchi coi docenti. «Non abbiamo ancora i dati consolidati, ma possiamo già dire con sicurezza che non c’è stato alcun assenteismo massiccio», spiega il direttore della Divisione della scuola Emanuele Berger: «Certo, in generale in questo periodo si registra qualche assenza in più, ma è una tendenza normale in periodo influenzale», considerando anche un’incidenza del Covid e delle quarantene «sostanzialmente in linea con quanto vediamo nel resto della popolazione».

Poche, insomma, le famiglie che hanno tenuto a casa i figli per via della mascherina. E sì che non erano mancate le critiche e le esortazioni alla ‘disubbidienza’, con cinquecento manifestanti scesi in piazza sabato a Bellinzona e quasi cinquemila firme in calce a una petizione indirizzata al Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs). «Non ci sono stati segnalati neppure episodi di conflitto tra alunni e insegnanti. Anzi,» prosegue Berger, «anche i più piccoli mostrano di aver compreso appieno l’importanza delle misure di protezione e si sentono responsabilizzati. In questo senso, è importante che non debbano vivere dissonanze tra quanto prescritto a scuola e le indicazioni della famiglia, anche perché, come ha ricordato spesso il medico cantonale Giorgio Merlani, le mascherine costituiscono un presidio efficace e non vi è alcuna prova del fatto che possano essere nocive».

Con chi non rispetta l’obbligo scolastico il Decs – dopo avere già ribadito l’inapplicabilità legale di eccezioni quali l’insegnamento in famiglia – punta sul dialogo prima che sulle sanzioni: «Abbiamo già visto in casi analoghi alle scuole medie che nella stragrande maggioranza dei casi basta parlarsi», ricorda Berger, «così da far comprendere alla famiglia l’importanza delle regole di protezione, ma anche quanto il disagio sia secondario se confrontato alla possibilità di continuare la scuola in presenza, in un contesto di socializzazione fondamentale soprattutto per i bambini».

Se il Decs preferisce toni ecumenici, va però ricordato che la Legge della scuola parla chiaro: “Tutte le persone residenti nel Cantone dai quattro ai quindici anni di età sono tenute all’obbligo scolastico, ovvero alla frequenza obbligatoria della scuola”, si legge all’articolo 6, mentre “i genitori devono garantire la regolare frequenza della scuola” (articolo 53). Spetta ai Municipi intervenire per sanzionare gli inadempimenti con richiami, ammonimenti e sanzioni: “Essi possono infliggere multe fino a franchi 1’000”, recita l’articolo 54, e “nel caso di persistenza del rifiuto, la situazione è segnalata alle autorità di protezione”.

Intanto, però, anche in Ticino i contrari all’obbligo di mascherina pensano a un ricorso al tribunale amministrativo, sulla falsariga di quanto già avvenuto a Zurigo e Argovia: a tal proposito, sui social e nelle chat no vax si sta sondando la disponibilità a un’eventuale colletta. Intanto i docenti hanno ben altri grattacapi, visto che devono far fronte alle assenze dei colleghi positivi o in quarantena; ma al momento tutte le lezioni sono garantite, grazie al coordinamento degli istituti e al ricorso ai supplenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
2 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
5 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
6 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
6 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
7 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
8 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
11 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
13 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
© Regiopress, All rights reserved