laRegione
06.01.22 - 23:36

Una petizione contro la mascherina alle elementari

La raccolta di firme online ha già raccolto oltre 1’500 adesioni in meno di dieci ore e chiede un passo indietro per le classi prime, seconde e terze

una-petizione-contro-la-mascherina-alle-elementari
Ti-Press
Una novità che crea discussione

No alla mascherina alle scuole elementari. S’intitola così la petizione online lanciata sul sito www.change.org e che in meno di dieci ore ha già raccolto oltre 1’500 adesioni. La raccolta di firme è accompagnata da un lungo testo, indirizzato al direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport Manuele Bertoli e sostanzialmente chiede di fare un passo indietro per quanto riguarda l’obbligo per gli allievi di prima, seconda e terza elementare di indossare la protezione a partire dal rientro a scuola, lunedì prossimo. Non solo: si chiede anche che l’obbligo già vigente per i ragazzi di quarta e quindi sia altrettanto tolto. Vediamo perché.

Scuola simbolo di normalità

“In primo luogo – si legge –, facciamo presente che tutti noi abbiamo passato gli ultimi due anni tentando faticosamente di mantenere una certa normalità almeno per i nostri figli più piccoli. La Scuola è stata finora una nostra alleata in questo difficile percorso; infatti, sebbene vi fossero innegabilmente alcune differenze rispetto a «prima», i nostri figli potevano trovarvi un luogo di aggregazione privo, almeno per loro, di forti e definitivi simboli riguardanti la pandemia. Con questa ultima decisione, tale alleanza è venuta a cadere. In questo periodo, infatti, si è più volte fatto appello alla solidarietà della comunità al fine di proteggere le fasce più fragili, ma evidentemente la Scuola si è ora dimenticata che, oltre ad anziani e persone a rischio, anche i nostri bambini sono parte integrante della fascia debole della nostra società e in quanto tali meritano protezione”.

Frattura fra Scuola e famiglie

“La sensazione, se non la certezza – continuano gli oppositori –, è che con la recente variante Omicron e la conseguente esplosione dei contagi e di problematiche nonché numerose quarantene, i nostri bambini si vedano assurgere a salvagente del mondo economico, in quanto saranno obbligati a portare la mascherina tutto il giorno con il solo fine di evitare isolamenti di classe che metterebbero in difficoltà le attività professionali in cui operano i genitori, fermo restando che la nuova variante non appare per nulla problematica per la salute dei nostri piccoli. A nostro avviso questa decisione viola gravemente il loro diritto alla tutela che la società tutta deve loro, riducendoli a mero strumento per scopi altri. Da un lato lo Stato, con questa decisione, impone un obbligo che trascina i bambini in un ruolo che non spetta loro, dall’altro, le famiglie rimangono le uniche a tentare di tutelare una normalità per i loro figli. Non neghiamo la nostra profonda delusione nel constatare l’inevitabile frattura che, con questa decisione, si è venuta a creare fra Scuola e famiglie”.

‘Ostacolerà la socializzazione’

E non finisce qui. “Secondariamente, ricordiamo che tutti noi adulti siamo confrontati quotidianamente con la mascherina e sappiamo quanto comprometta la socializzazione e quanto alieni i rapporti fra le persone. In un contesto come la Scuola elementare, in cui l’aspetto socializzante è centrale, la mascherina diviene un vero e proprio ostacolo a un normale scambio fra pari: mimica, espressioni, emotività verranno significativamente compromesse in un’età in cui spesso si sostituiscono ancora al linguaggio verbale. Oltre a ciò, i nostri figli dovranno svolgere anche le attività di educazione fisica indossando la mascherina. Correre, ridere, giocare diverranno attività probabilmente fastidiose, oltre che malsane, il che è una contraddizione in termini. Anche in merito a questi due aspetti, ci chiediamo dove sia la tutela di cui sopra”.

‘Si vogliono modificare le disposizioni per le quarantene’

“Non da ultimo, e basta uscire di casa per accorgersene, sappiamo quanto sia problematico anche per alcuni adulti indossare la mascherina correttamente e non è difficile immaginare che per molti bambini sarà ancor più complesso. A questo punto, ci pare evidente che tale obbligo servirà esclusivamente a poter modificare le disposizioni riguardanti le eventuali quarantene, indipendentemente dal fatto che i bambini possano godere di una reale e maggiore protezione. Concludiamo con un ultimo spunto di riflessione. Lei stesso ha affermato, a mezzo stampa, che i bambini sanno essere recettivi e che accetteranno di buon grado questa «novità». Nessuno di noi mette in dubbio l’innata capacità di adattamento dei nostri figli, ma siamo tutti coscienti che il limite fra manipolazione e vera condivisione è, a volte, estremamente sottile e fragile. Non dimentichiamo che i bambini possono accettare qualunque cosa se imposta da un adulto che sa utilizzare le giuste parole, anche atti terribili. Per questo, è per noi ancor più fondamentale che vi sia una loro tutela a prescindere”.

Leggi anche:

In Ticino mascherina dalla prima elementare ed eventi con il 2G

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
4 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
4 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
4 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
14 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
14 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
18 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
20 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
2 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
2 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
© Regiopress, All rights reserved