laRegione
20.12.21 - 17:05
Aggiornamento: 17:40

Incidenti stradali, il Ticino sopra la media svizzera

Nel 2020 il numero di sinistri dovuti all’alcol è aumentato sul piano nazionale. Nonostante pandemia e calo del traffico. Il Tcs: difficile da spiegare

Ats, a cura de laRegione
incidenti-stradali-il-ticino-sopra-la-media-svizzera
Ti-Press

In Svizzera il numero di incidenti stradali gravi dovuti all’alcol è aumentato nel 2020 rispetto all’anno precedente: secondo i dati, provenienti dal portale federale map.geo.admin.ch, questi sono infatti passati da 0,44 ogni 10’000 abitanti nel 2019 a 0,47 nel 2020. Lo indica il Touring club svizzero, sottolineando che il cantone in testa a livello nazionale è Ginevra. Il Ticino segna un calo, ma resta tuttavia al di sopra della media svizzera, mentre il migliore è Neuchâtel.

Con 1,01 incidenti ogni 10’000 abitanti nel 2020, Ginevra continua a essere il cantone in cui si verifica il maggior numero di incidenti stradali gravi legati all’alcol. Il cantone è in testa alla classifica dal 2017: in quell’anno se ne erano registrati 0,76 ogni 10’000 abitanti, diventati poi 0,81 e 1,00 nei due anni successivi, sottolinea il Touring. Quest’ultimo per incidente grave intende un incidente in cui vengono gravemente ferite una o due persone.

Nella graduatoria del 2020 Ginevra è seguito da Turgovia (0,86), Zugo (0,71), Nidvaldo (0,70) e Vallese. A chiudere la classifica è Neuchâtel che con 0,17 incidenti gravi ogni 10’000 abitanti segna un netto miglioramento rispetto all’anno precedente (0,40).

Al di sopra della media nazionale si posizionano il Ticino (0,65 rispetto allo 0,68 nel 2019), Lucerna (0,65), Appenzello Interno (0,62), Uri (0,54) e Friburgo (0,50). Il Tcs si aspettava un calo della media nazionale di questo tipo di sinistri a causa delle numerose restrizioni sanitarie dovute alla pandemia e del calo del traffico che hanno caratterizzato il 2020. Invece la media è superiore a quella del 2019, sottolinea. “Questo aumento è difficile da spiegare”, ha detto Laurent Pignot, portavoce del TCS.

Complessivamente, l’alcol ha provocato la morte di 23 persone sulle strade svizzere nel 2020, contro le 20 nel 2019. A essere in cima alla classifica sono i cantoni di Vaud e Friburgo con rispettivamente 6 e 3 morti registrati l’anno scorso. Seguono Berna, Ticino e Soletta con ciascuno due incidenti mortali e poi Ginevra, Lucerna, Obvaldo, San Gallo, Turgovia, Uri, Vallese e Zurigo, tutti con un morto nel 2020. Con l’avvicinarsi delle feste di fine anno, il Touring club svizzero ricorda che occorre scegliere tra bere e guidare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
33 min
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
55 min
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
1 ora
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
1 ora
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
2 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
5 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
6 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
© Regiopress, All rights reserved