laRegione
15.12.21 - 07:21
Aggiornamento: 17:15

In Ticino una gestione ‘esemplare’ della capacità ospedaliera

Il nostro Cantone riceve note di merito in uno studio di Avenir Suisse sulla gestione del coronavirus da parte dei Cantoni

Ats, a cura de laRegione
in-ticino-una-gestione-esemplare-della-capacita-ospedaliera
Ti-Press

Secondo uno studio di Avenir Suisse, il federalismo e la gestione a livello cantonale hanno superato la prova della pandemia. Voti particolarmente alti vanno a Ticino, Grigioni e Zugo.

Il rapporto pubblicato oggi sulla gestione del coronavirus, di circa 140 pagine, ha analizzato l’azione dei Cantoni in ambiti diversi, dalla situazione degli ospedali, alle vaccinazioni e fino ai casi di rigore.

In generale la pianificazione a livello sanitario e della protezione della popolazione si è rivelata troppo poco dettagliata. In particolare, secondo Avenir Suisse, mancavano le conoscenze per intraprendere i primi passi necessari per il contenimento di una pandemia. Basti pensare alla relativa lentezza dell’applicazione del tracciamento dei contatti o la difficoltà iniziale per quel che riguarda i test.

Serve tracciamento nazionale

Per arginare una pandemia, secondo lo studio, l’unica soluzione è un misto fra test in quantità e tracciamento dei contatti. Esempi positivi in questo senso sono stati Basilea Città e Campagna, Grigioni e Zugo. Serve comunque assolutamente, a detta della ricerca, un sistema di tracciamento a livello nazionale.

Un vero e proprio collasso del sistema sanitario è stato evitato, anche se di poco. Oltre alle misure di arginamento già evocate, l’unica vera soluzione a lungo termine contro la pandemia è comunque la campagna vaccinale.

Ticino e Grigioni allievi modello

I comportamenti più virtuosi, prendendo un po’ tutti gli aspetti analizzati, si sono registrati in Ticino, nei Grigioni e a Zugo. Le autorità retiche hanno ad esempio fatto presto ricorso a test di massa per scovare i positivi. Purtroppo l’esempio dei test nelle aziende non è stato seguito da molti, si rammaricano gli autori dello studio.

I Grigioni hanno poi brillato anche nella velocità di vaccinazione di anziani e persone vulnerabili. Positiva pure la gestione dei casi di rigore, organizzata secondo le effettive perdite economiche.

Il Ticino, primo cantone ad essere colpito dalla pandemia, ha poi fatto corsa in testa a livello svizzero. In particolare la gestione della capacità ospedaliera viene descritta come esemplare. Le autorità ticinesi hanno anche potuto sfruttare il fatto che già prima della pandemia potevano contare su una capacità ospedaliera generosa se rapportata alla popolazione.

Il cantone italofono è stato in assoluto il più rapido a vaccinare i gruppi a rischio. Forse la vicinanza con il Nord dell’Italia, dove la situazione pandemica era particolarmente drammatica, ha facilitato che autorità e popolazione agissero in tal senso, grazie a una maggiore consapevolezza della situazione, suggerisce lo studio.

Zugo, dal canto suo, ha brillato per la quantità di test in proporzione ai casi positivi. In generale, incluso il tracciamento dei contatti, il sistema si è rivelato convincente. Assieme ai Grigioni, si è trattato dell’unico Cantone ad aver effettuato due test a settimana nelle scuole.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
37 min
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
1 ora
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
2 ore
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
2 ore
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
Grigioni
2 ore
Frana in Val Calanca, iniziato lo sgombero della strada
Due escavatrici sono entrate in azione dopo l’esclusione del pericolo imminente di altri crolli. Obiettivo riaprire la carreggiata prima del weekend
Ticino
4 ore
In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia
Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
5 ore
Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento
Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Grigioni
6 ore
Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano
Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
6 ore
Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili
Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
6 ore
Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena
La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
© Regiopress, All rights reserved