laRegione
08.12.21 - 19:02
Aggiornamento: 22:04

Nomina procuratori, il Plr propone un nuovo sistema

Iniziativa parlamentare: ‘Il Gran Consiglio elegga solo la Direzione del Ministero pubblico e quest’ultima nomini poi gli altri pp’

nomina-procuratori-il-plr-propone-un-nuovo-sistema
Ti-Press

Per la designazione dei magistrati penali inquirenti occorre cambiare sistema, poiché quello attuale – che vede il Gran Consiglio eleggere tutti i procuratori pubblici (oggi ventitré), procuratore generale incluso – “ha mostrato i suoi limiti”. Lo sostiene il gruppo parlamentare del Partito liberale radicale. Che, per il tramite di Marco Bertoli, suggerisce, nero su bianco, una diversa modalità. Ovvero: attribuire al Gran Consiglio la competenza di eleggere (unicamente) la Direzione del Ministero pubblico, composta di cinque magistrati (“Il procuratore generale e quattro procuratori capo”, di cui "uno sostituto del pg”); attribuire alla Direzione la competenza di nominare gli altri procuratori pubblici ("che comunque devono poi essere posti nella condizione di poter agire autonomamente nell’ambito dei procedimenti”). Questa dunque la proposta che i liberali radicali avanzano con un’iniziativa parlamentare allestita nella forma generica. La sua concretizzazione renderebbe necessaria la modifica sia della Legge sull’organizzazione giudiziaria, sia della Costituzione cantonale.

’Manuale Cencelli superato’

“L’elezione di tutti i procuratori da parte del Gran Consiglio, basata principalmente sulla ripartizione delle cariche tra i partiti, risulta difficoltosa e talvolta ha relegato in secondo piano le competenze e le esperienze dei candidati”, scrive Bertoli richiamando il cosiddetto manuale Cencelli. I motivi “sono diversi e discendono ad esempio dal numero di procuratori pubblici che, per fronteggiare l’incremento e la complessità dei casi, è aumentato: non sempre una rigorosa chiave di ripartizione permette di individuare e nominare le migliori figure professionali”, aggiunge il deputato del Plr ed ex pp. Per il quale il ‘manuale Cencelli’ “è ormai superato: oggi non è più infatti sufficiente avere nella magistratura inquirente un’equa rappresentanza partitica (ormai non più specchio della società), bensì è fondamentale avere magistrati che, pur avendo sentimenti sociologici propri, sappiano essere efficaci e svolgere al meglio l’importante funzione” che sono chiamati a esercitare.

‘Servono competenze specifiche’

E il lavoro di procuratore è alquanto delicato: può decidere misure che incidono sulla libertà personale, per esempio l’arresto (misura che va tuttavia confermata dal giudice dei provvedimenti coercitivi). “Per poter proporre misure repressive e per essere efficaci, è importante che chi lo faccia disponga delle necessarie competenze specifiche con riferimento alla tipologia di reati affinché possa limitare il rischio di errore e prendere decisioni con un elevato grado di sicurezza, rispettivamente procedere celermente”, sottolinea il già magistrato.

Insomma, “una mera ripartizione aritmetica non porta più alcun beneficio al buon funzionamento della giustizia; anzi, l’attuale percorso di nomina tende a esacerbare e complicare il rapporto politico tra partiti”. Pertanto “è necessario” adottare “dei correttivi per una più efficiente organizzazione dell’apparato giudiziario, che possa così tradursi in una giustizia giusta, davvero al servizio dei cittadini e di uno Stato di diritto degno di questo nome, evitando strumentalizzazioni e politicizzazioni mediatiche che talvolta minano da subito la serenità di candidati e nominati”, sostiene Bertoli, membro della ‘Giustizia e diritti’, la commissione parlamentare tenuta, in base al sistema vigente, a formulare al plenum del Gran Consiglio, autorità di nomina delle toghe, le proposte di elezione, tenuto conto anche dei preavvisi circa l’idoneità degli aspiranti magistrati o dei procuratori e dei giudici che alla scadenza del mandato chiedono di essere eletti alla medesima carica, preavvisi formulati rispettivamente dalla Commissione di esperti indipendenti e dal Consiglio della magistratura.

‘In Svizzera non sarebbe una novità’

La modalità di nomina prospettata dall’iniziativa, rileva Bertoli, non sarebbe una novità in Svizzera: viene applicata per i magistrati del Ministero pubblico della Confederazione e “anche a livello cantonale simile sistema di elezione è già conosciuto ad esempio nel Cantone di Basilea-Città”. Di più. “La nomina dei procuratori da parte della Direzione del Ministero pubblico permetterebbe di limitare la possibile difficoltà di individuare magistrati solo per la componente politica, permettendo di conseguenza che la funzione sia attribuita incentrando la scelta sulle competenze tecniche e professionali”, annota ancora il parlamentare liberale radicale, osservando che “la componente sociologica e ideologica del Ministero pubblico rimarrebbe salvaguardata dalla nomina della Direzione a opera del Gran Consiglio”. Ergo: per l’elezione del vertice della Procura ci si potrà appellare anche al Cencelli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
8 min
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
3 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
6 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
6 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
15 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
15 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
15 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
17 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
17 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
17 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
© Regiopress, All rights reserved