laRegione
06.12.21 - 20:30

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale

di Ats
gli-stati-no-al-divieto-di-licenziamento-delle-neo-mamme
(Ti-Press)

Nulla da fare oggi per l’iniziativa del Cantone Ticino che voleva vietare il licenziamento delle neo mamme nei 12 mesi successivi alla nascita. Il Consiglio degli Stati ha respinto il testo per 27 voti a 13 (4 astenuti), sostenendo che l’attuale protezione giuridica contro la disdetta sia sufficiente. Oltre alla protezione contro il licenziamento, l’iniziativa vuole che nell’anno seguente al parto le madri debbano poter fruire di un congedo non retribuito pari al massimo al 30% del proprio grado di occupazione previsto dal contratto.

Il dibattito, l’ultimo di una giornata intensa prima del “rompete le righe” decretato dal presidente della camera Thomas Hefti, ha visto contrapposti in aula i due consiglieri agli Stati ticinesi, la socialista Marina Carobbio e l’Udc Marco Chiesa. Secondo la maggioranza della commissione, la decisione negativa si basa su studi che evidenziano come la maggior parte delle giovani madri possano raggiungere un accordo amichevole con i propri datori di lavoro. Non vi è dunque la necessità di potenziare la protezione a questa voce.

Nonostante il parere negativo della commissione preparatoria, per Carobbio, spalleggiata in aula dal collega di partito Carlo Sommruga (Ge), un intervento legislatore è doveroso: molte neo mamme lascerebbero infatti il proprio posto dopo che questo passo è stato suggerito loro dal datore di lavoro oppure perché non sono riuscite a ridurre il grado di occupazione, e ciò benché vi siano studi che dicano il contrario. Secondo Chiesa, la disposizioni di legge in vigore qualificano già come abusivo un licenziamento per causa di maternità, una decisione che tra l’altro non avrebbe senso dal punto di viste economico, specie se la persona in questione si dimostra una valida collaboratrice. Tuttavia, a detta del presidente dei democentristi, il periodo di protezione proposto dall’iniziativa, decisamente troppo lungo, rischia di rivelarsi una trappola per i datori di lavoro ma, soprattutto, un’arma a doppio taglio per le neo madri: nessuna impresa infatti sottoscriverebbe un contratto “capestro” con una donna in età fertile da cui diventerebbe difficile separarsi in caso di difficoltà economiche.

La parola passa ora al Consiglio nazionale

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 min
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
8 min
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
9 ore
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
9 ore
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
14 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
17 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
18 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
18 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
19 ore
Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia
La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
19 ore
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
© Regiopress, All rights reserved