laRegione
06.12.21 - 15:24
Aggiornamento: 15:39

Professioni sanitarie e LaMal, decide il Cantone

Dal prossimo 1° gennaio sarà il Dipartimento della sanità e socialità ad autorizzare a esercitare a carico delle casse malati

professioni-sanitarie-e-lamal-decide-il-cantone
Ti-Press
Cambierà la prassi

Dal 1° gennaio 2022 la competenza a rilasciare l’autorizzazione a esercitare a carico dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (Aoms) ai fornitori di prestazioni che esercitano in ambito ambulatoriale passa ai Cantoni. Il Consiglio di Stato, nella sua ultima seduta, ha quindi approvato la modifica dei relativi regolamenti, affidando la competenza valutativa, decisionale e di vigilanza all’Ufficio di sanità del Dipartimento della sanità e della socialità.

Nel giugno 2020 il Parlamento federale ha adottato il progetto di revisione della Legge federale del 18 marzo 1994 sull’assicurazione malattie (LaMal), che prevede un nuovo modello per autorizzare i nuovi fornitori di prestazioni del settore ambulatoriale, tramite una procedura di autorizzazione di competenza dei singoli Cantoni. Con tale modifica, e con la successiva approvazione il 23 giugno 2021 della modifica dell’Ordinanza del 27 giugno 1995 sull’assicurazione malattie (OaMal), sono inoltre stati regolati nuovi requisiti di qualità per l’ottenimento di tale autorizzazione.

Attualmente la competenza del Cantone si limita all’espressione di un semplice nullaosta e unicamente per i medici che vogliono esercitare a carico dell’Aoms. I medici devono poi indirizzarsi a una società costituita dagli assicuratori malattia (Sasi Sa) per la verifica di altri requisiti formali e l’ottenimento del numero di concordato atto a permettere la fatturazione. Alla medesima società devono rivolgersi anche le altre categorie di fornitori di prestazioni che operano a carico della LaMal.

Dal 1° gennaio 2022, tutti i nuovi fornitori di prestazioni nel settore ambulatoriale delle seguenti categorie saranno interessati dal nuovo modello di autorizzazione: i medici, i dentisti, i farmacisti, i chiropratici, le levatrici, i fisioterapisti, gli ergoterapisti, gli infermieri, i logopedisti, i dietisti, i neuropsicologi, gli psicoterapeuti (questi ultimi dal 1° luglio 2022), i podologi, così come le organizzazioni di chiropratica, di levatrici, di fisioterapia, di ergoterapia, di logopedia, di dietetica, di neuropsicologia, di podologia, di psicoterapia (queste ultime dal 1° luglio 2022), di cure e aiuto a domicilio, gli istituti di cure ambulatoriali effettuate da medici, i laboratori, i centri di consegna di mezzi e apparecchi diagnostici o terapeutici, le case per partorienti, nonché le imprese di trasporto e salvataggio e gli stabilimenti di cura balneare. Il Consiglio di Stato ha attribuito la competenza valutativa, decisionale e di vigilanza all’Ufficio di sanità del Dipartimento della sanità e della socialità (Dss), già responsabile attualmente del rilascio dell’autorizzazione di polizia sanitaria ai fornitori di prestazioni (libero esercizio), e dunque in possesso delle specifiche conoscenze settoriali e di parte dei necessari dati da verificare (possesso del libero esercizio e del titolo di perfezionamento).

Il Dss ha provveduto a informare più dettagliatamente gli Ordini e le Associazioni professionali di categoria. A partire dal 15 dicembre 2021 sarà inoltre possibile trovare maggiori informazioni, così come i necessari formulari per inoltrare istanza di autorizzazione, sul sito dell’Ufficio di sanità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
Locarnese
1 ora
Truffe agli anziani nel Locarnese, si cercano testimoni
Scattano le manette per una 36enne e un 40enne. Impietosivano le loro vittime per ricevere denaro e altri beni preziosi
Ticino
2 ore
Imposta di circolazione, dietrofront del Consiglio di Stato
Nella seduta odierna il Governo ha deciso di ritirare i Decreti legislativi urgenti sull’applicazione dell’imposta di circolazione per l’anno 2023
Ticino
3 ore
In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi
I posti letto occupati da pazienti Covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
Video
Ticino
3 ore
Un lupo ripreso in un video mentre attraversa la strada a Bodio
Dopo l’avvistamento in Bassa Leventina scatta l’interrogazione al Consiglio di Stato di Sara Imelli (Centro). ‘I gridi d’allarme sono caduti nel vuoto’.
Luganese
4 ore
Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale
La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
4 ore
‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa
Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Luganese
8 ore
Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità
La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
10 ore
Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità
Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
10 ore
Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione
I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
© Regiopress, All rights reserved