laRegione
29.11.21 - 19:47
Aggiornamento: 26.03.22 - 15:49

Quarantene di classe, Bertoli: ‘Dati da prendere con le pinze’

Il Dss proporrà invece in Consiglio di Stato un inasprimento dell’obbligo della mascherina al chiuso per manifestazioni e luoghi accessibili al pubblico

quarantene-di-classe-bertoli-dati-da-prendere-con-le-pinze
Ti-Press

Il numero dei contagi da Covid-19 in Ticino cresce, come pure quello di classi di scuola in quarantena. Oggi le nuove sezioni che hanno dovuto introdurre per qualche giorno la didattica a distanza sono 22. Le quarantene annunciate termineranno infatti fra il 2 e il 6 dicembre. Abbiamo chiesto al direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport (Decs) Manuele Bertoli la sua opinione riguardo alla situazione. Secondo il consigliere di Stato è necessaria cautela nella lettura dei dati.

Come dipartimento siete preoccupati per il numero di quarantene di classe attuale?

È un dato che va preso con le pinze. Determinante è però il fatto che la maggior parte di questi contagi avviene nelle scuole elementari dove i bambini non indossano la mascherina. Infatti alle Medie e in altri istituti il numero è basso. Inoltre, a parte un caso che mi è stato comunicato oggi, non vi sono quarantene ripetute nella stessa classe. L’assenza da scuola dura alcuni giorni e non è problematica. Se si verifica più di una volta può rappresentare una difficoltà per lo svolgimento regolare delle lezioni, che potrebbe ripercuotersi sul processo di apprendimento di bambini e ragazzi.

Un caso però c’è stato.

Sì, è un fattore nuovo. Bisogna capire se è un fenomeno che si verificherà più spesso o se rimane qualcosa di sporadico.

Rispetto a un anno fa com’è la situazione?

Le quarantene di classe dipendono da alcuni criteri. Essi sono cambiati rispetto all’anno scorso, sono più restrittivi. Ciò era stato deciso già a inizio anno scolastico con il medico cantonale, a seguito della variante Delta che è più contagiosa di quella cinese precedente. Alla scuola dell’infanzia e alle Elementari è sufficiente un caso di coronavirus in una classe per mandare quest’ultima a casa. Dalle Medie in avanti, dove è obbligatorio l’uso della mascherina, sono necessari almeno tre contagiati.

Si parla di sezioni dove sono stati notificati casi di Covid, ma in esse quanti sono i bambini o i ragazzi contagiati?

Dipende molto. Non metterei l’enfasi su quanti casi vi sono per classe. È un altro il dato che secondo me è centrale, cioè quello dei ricoveri. Già tempo fa abbiamo detto che gli aspetti che contano sono gli ospedalizzati, il numero di persone in cure intense e i decessi. Il numero di persone contagiate dice che stanno crescendo le trasmissioni, ma rispetto ai criteri precedenti non è una cifra rilevante se presa da sola, soprattutto se riguarda i bambini. Secondo le ultime informazioni in mio possesso da inizio pandemia, parliamo di quasi due anni fa, sono stati ospedalizzati in Ticino 13 ragazzi fino ai 19 anni, nessuno in cure intense. Questo con migliaia di pazienti Covid nel cantone. Ciò per ricordare che, come si è sempre detto, i bambini non sono il problema per quanto concerne le complicazioni che può dare la malattia e l’occupazione di posti in ospedale.

Possono però essere dei vettori.

Qui non è chiaro quanto siano loro a trasmetterla ad altri o piuttosto quanto vengano contagiati. Sono dei soggetti anch’essi toccati dalla trasmissione del virus, ma per i quali la malattia non è pericolosa. La maggior parte dei 13 giovani citati prima aveva problemi di salute pregressi.

Avete intenzione d’inasprire le misure per contenere i contagi?

La discussione è aperta, ne parleremo mercoledì in governo in termini generali. Non voglio dunque né anticipare né comunicare qualcosa che non è stato ancora deciso.

Il Dss intende introdurre le mascherine nei luoghi chiusi accessibili al pubblico.

Sulle misure per contrastare l’aumento dei contagi, per ora, la Confederazione passa la palla ai Cantoni. Ai microfoni della Rsi il direttore del Dipartimento sanità e socialità (Dss) Raffaele De Rosa ha affermato che mercoledì sottoporrà in Consiglio di Stato un’estensione dell’obbligo di mascherina. Sarebbero toccati i luoghi chiusi accessibili al pubblico e le manifestazioni al chiuso, nonostante per queste ultime sia già necessario presentare il certificato Covid valido. La proposta sarà presentata durante la seduta, poi sarà di competenza del governo decidere se entrare in materia. In caso affermativo verrà poi decisa l’eventuale tempistica dell’attuazione delle misure.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
7 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
7 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
8 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
9 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
10 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
10 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
10 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
11 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
11 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
© Regiopress, All rights reserved