laRegione
cultura-e-tempo-libero-cosa-fanno-i-ticinesi
laR
 
29.11.21 - 05:30
Aggiornamento : 15:26

Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi

Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

A teatro o nei musei ci va la gente anzianotta e alta di naso, dolcevita e giacca di velluto, scarpe comode e portafogli ben pasciuto. Ai concerti e ai festival ci vanno solo i giovinastri, purché non ci suonino musica classica. I ticinesi son zoticoni ai quali la cultura interessa meno che agli svizzero tedeschi e naturalmente – parbleu! – romandi. Quanto c’è di vero in questi stereotipi? Qualcosina, forse, ma di certo non troppo, stando all’analisi elaborata dall’Ufficio di statistica (Ustat) sui risultati dell’ultima ‘Indagine sulla lingua, la religione e la cultura’ svolta a livello federale, che offre anche un confronto tra 2014 e 2019.

Boom(er) dei festival

Intanto, sì, “emerge abbastanza chiaramente che i titolari di un diploma di grado terziario e le persone che vivono in un ambiente finanziariamente agiato” – così scrive l’autore dell’analisi Daniele Menenti – tendono a godere più spesso dell’offerta culturale sul territorio. Se è vero pure che sono ancora i giovani ad affollare i festival, il loro incremento – l’unica vera esplosione di un fenomeno culturale registrata in Svizzera negli ultimi anni, con un aumento di chi li frequenta dal 38% al 47% della popolazione – è dovuto soprattutto ai più anziani: tra gli over 60 il boom è addirittura doppio rispetto agli under 30. “Le cause di questo aumento”, ipotizza Menenti sulle pagine della rivista Ustat ‘Dati’ – “sono da ricercare probabilmente sia nell’aumento di un’offerta adeguata a un pubblico più anziano, sia a una maggiore facilità a raggiungere i festival”.

Dal punto di vista del confronto geografico, resta vero che “la Svizzera italiana rimane la regione con una minore adesione, con l’eccezione, confermata, degli spettacoli di danza e balletto”. Va detto però che oltre un ticinese su due visita ogni anno almeno un monumento, un museo e un concerto, e almeno una sera spegne la tivù per andare al cinema. Meno brillante il numero dei ‘consumatori abituali’ di questa offerta, che oscillano tra il 10% e il 20% della popolazione a seconda del tipo di spettacolo, evento o destinazione. In ogni caso i numeri non si discostano molto da quelli registrati oltre Gottardo, dove va anche tenuto in conto il ruolo trainante che esercitano grandi città come Zurigo e Ginevra.

Quelli che ‘non me la sento’

C’è un dato che un po’ preoccupa, in Ticino come nel resto del Paese: i frequentatori dei musei sono in leggera diminuzione. Bene invece i teatri, la cui frequentazione cresce da noi del 4% rispetto al 2014. Tra gli ostacoli indicati al godimento della vita culturale i ticinesi menzionano anzitutto la mancanza di tempo (51,5%) e di denaro (37,7%), oltre agli spostamenti troppo lunghi dalle regioni periferiche (34%). C’è anche – e forse meriterebbe uno studio a sé – un 21,5% che nei musei e nei teatri non va perché “non si sente a proprio agio”.

La seconda parte dell’approfondimento – nato da un tandem tra l’Ustat e l’Ufficio dell’analisi e del patrimonio culturale digitale – si concentra invece su cosa facciamo nel nostro tempo libero quando non andiamo per musei, teatri e simili. Un dato è netto e indiscutibile: ci piace praticare sport e stare all’aria aperta; lo fa oltre un residente su due. Ma visto che il movimento mette appetito, ci piace anche ‘cucinare piatti speciali’ e andare all’occasionale sagra della costina o della luganiga (‘frequentare feste di paese’, per dirla meglio): almeno una tantum lo gradisce oltre il 70% della popolazione nella Svizzera italiana, dove circa uno su due non disdegna neppure il pokerino con gli amici (‘giochi di carte o di società’) o una partita alla Playstation (‘giochi video o elettronici’). Insomma, “le attività di tempo libero innegabilmente rimangono il fulcro delle pratiche culturali in Ticino e in Svizzera”.

Chi canta, chi scrive

Interessante, infine, lo sguardo offertoci dai numeri sulla nostra relazione con le attività amatoriali. Tra le più popolari troviamo il canto, la fotografia e il disegno, con adesioni superiori al 15%, anche se “l’attività amatoriale è appannaggio prevalentemente femminile, gli uomini si dedicano infatti prevalentemente agli hobby più tecnici”. Un po’ meno del 15% si diletta anche a scrivere poesie o romanzi, per somma gioia di quegli amici e conoscenti che dovranno leggerli. Il livello d’istruzione incide poco sulla partecipazione a queste attività, con una significativa eccezione: “La pratica musicale è prerogativa delle economie domestiche agiate”.

Quello che emerge, in conclusione, è un quadro variegato, che invita a non considerare liquidato il “discrimine sociodemografico, in particolare legato alle condizioni salariali, alla formazione, all’origine e al genere”. Ma è anche la Polaroid di un “panorama culturale vivo e vivace”, che “agisce come fonte di aggregazione sociale favorendo nel contempo, quantomeno in determinate situazioni, lo sviluppo della coesione sociale”. Non siamo poi così bifolchi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cultura tempo libero
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
9 ore
Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio
Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Ticino
10 ore
Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto
Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Bellinzonese
10 ore
Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli
Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Ticino
11 ore
Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio
Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Luganese
12 ore
Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare
Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
16 ore
Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord
Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
18 ore
Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’
L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
22 ore
Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’
Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
22 ore
Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’
I divieti all’uso dell’acqua – già rientrati – non toccavano due importanti ditte
Ticino
1 gior
Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’
Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
© Regiopress, All rights reserved