laRegione
24.11.21 - 12:25
Aggiornamento: 16:35

‘Inserire la protezione del clima nella Costituzione cantonale’

Il Ppd lancia un’iniziativa parlamentare elaborata per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Dadò: ‘Chiedere al popolo se questa è la strada’

inserire-la-protezione-del-clima-nella-costituzione-cantonale
Ti-Press

Inserire nella costituzione ticinese la protezione del clima, con Cantone e Comuni che “si impegnano attivamente per limitare i rischi e le ripercussioni del cambiamento climatico” e “forniscono il contributo necessario al raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050”, prestando attenzione anche all’equilibrio tra esigenze ambientali, economiche e sociali. Questa, in sintesi, la modifica costituzionale proposta oggi dal Ppd con un’iniziativa parlamentare elaborata. L’idea – se il testo dovesse essere approvato dalla maggioranza del Gran Consiglio e arrivare dunque alle urne – è quella di «chiedere al popolo ticinese se questa è la strada che la politica cantonale dovrà seriamente prendere nel prossimo futuro», parole del presidente Fiorenzo Dadò.

Un ‘bis’ per ‘fissare obiettivi chiari’

Certo, c’è già un articolo costituzionale che impegna il Cantone affinché “l’ambiente naturale sia protetto dagli effetti nocivi e pregiudizievoli e preservato per le generazioni future” (Art. 14, entrato in vigore nel 1998). L’aggiunta di un ‘bis’ servirebbe a fissare un orizzonte più preciso, in modo da sollecitare coordinamento, coerenza e sostegno agli interventi puntuali in materia di cambiamento climatico.

«La mia preoccupazione è che altrimenti non si vada abbastanza in fretta, con una tempistica e obiettivi chiari», ha notato la granconsigliera Maddalena Ermotti-Lepori, prima firmataria dell’iniziativa. È d’accordo il suo capogruppo Maurizio Agustoni, che ha aggiunto: «L’assenza di un quadro di riferimento costituzionale, sia a livello federale che a livello cantonale, fa sì che le iniziative siano disordinate e che ogni volta che si va in votazione popolare ci sia sempre una discussione su come debbano essere costruite le proposte a favore dell’ambiente e della transizione energetica».

Né si possono schivare gli impegni locali, con la scusa che tanto i grandi inquinatori sono altrove: «Il problema è reale», ha ribadito Dadò, e «ognuno deve fare la sua parte: ogni goccia nel vasto mare ha la sua fondamentale importanza. Senza isterismi e senza esagerazioni, ma con esempi e azioni concrete». Passare dal popolo sarebbe anche un riconoscimento di responsabilità collettiva.

Difendere il clima, ma anche l’economia

Evidente è anche l’imprinting sull’iniziativa giunto dall’iniziativa per i ghiacciai, che si propone di azzerare le emissioni di gas serra in Svizzera entro il 2050. In entrambi i casi, ha sottolineato Agustoni, «le misure di protezione devono comunque essere orientate al rafforzamento dell’economia: si mette un po’ da parte il mito secondo il quale per inquinare di meno e avere energia pulita si debba essere tutti più poveri». La volontà di trovare una triangolazione sostenibile tra ambiente, protezione delle fasce più deboli e creazione di opportunità economiche è stato ribadito da Ermotti-Lepori: «Il risanamento energetico degli edifici, ad esempio, potrebbe offrire nuovi posti di lavoro». Una convinzione che tra l’altro guiderebbe anche le molte iniziative e mozioni sottoscritte dal Ppd, in particolare per promuovere le tecnologie di cattura e stoccaggio del CO2, migliorare la remunerazione dell’energia solare prodotta dai privati e installare pannelli presso le autostrade, le dighe e i laghetti artificiali. «L’energia idroelettrica è ormai sfruttata secondo il suo pieno potenziale», ha ricordato la granconsigliera, «mentre il fotovoltaico potrebbe rappresentare ciò che proprio l’idroelettrico ha rappresentato nel secolo scorso».

Nessun greenwashing?

Dadò respinge infine le accuse di ‘greenwashing’, ovvero un’adesione di facciata ai temi ambientali da parte di un partito che si è schierato con forza in difesa degli automobilisti, i quali secondo un suo noto slogan “non sono Bancomat”: «Lottare contro la persecuzione degli automobilisti non è in contraddizione con un impegno ambientale che ha sempre visto il partito in prima linea», ci ha detto dopo aver ricordato il lavoro dei Consiglieri di Stato Fulvio Caccia e Renzo Respini, «grazie ai quali furono promossi il primo Piano direttore cantonale, la Legge per la protezione delle acque e dell’aria nonché la riforma cantonale che permise l’istituzione del Dipartimento del territorio». Per Dadò anche la battaglia per l’abbassamento delle imposte di circolazione è «legata proprio alla questione delle emissioni, andando a favorire quelle auto che inquinano meno. D’altronde certe imposte sacrificano l’aspetto sociale, dimenticando che cento franchi per l’auto hanno un impatto ben diverso per una famiglia di operai che per una persona sola che guadagna bene».

Il testo dell’articolo

L’articolo proposto dal Ppd si ispira a quello inserito nella Costituzione cantonale del Canton Berna, accettato in settembre da una maggioranza del 63,9% degli elettori, nonché all’articolo previsto dall’iniziativa popolare “Per un clima sano” (iniziativa per i ghiacciai), tuttora pendente a livello nazionale.

Proposta di articolo costituzionale:

Art. 14 bis Protezione del clima

1 Il Cantone e i Comuni si impegnano attivamente per limitare i rischi e le ripercussioni del cambiamento climatico.

2 Nell’ambito delle loro competenze, forniscono il contributo necessario al raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050 e rafforzano la capacità di adattamento agli effetti negativi dei cambiamenti climatici.

3 Le misure di protezione del clima devono essere orientate al rafforzamento dell’economia ed essere compatibili con le esigenze sociali e ambientali. In particolare, contengono strumenti per promuovere l’innovazione e la tecnologia.

4 I Cantoni e i Comuni orientano i flussi finanziari pubblici a uno sviluppo climaticamente neutro e resistente ai cambiamenti climatici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
23 min
Da officina a postribolo: a Balerna fa discutere una richiesta
Alla domanda per cambio di destinazione d’uso, sono già state presentate delle opposizioni. Un residente: ‘Non è coerente con lo sviluppo del quartiere’
Ticino
8 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
9 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
10 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
10 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
11 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
11 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
12 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
12 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
13 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
© Regiopress, All rights reserved