laRegione
18.11.21 - 16:08

‘Fort Knox’, confermata la confisca da 198 milioni di euro

Il processo penale a carico di un centinaio di persone, di cui una dozzina residente in Ticino, finì in quasi nulla. Ora la sentenza civile è definitiva

di Marco Marelli
fort-knox-confermata-la-confisca-da-198-milioni-di-euro
Archivio Ti-Press
Oltre quattro tonnellate di oro contrabbandato

È diventato definitivo ‘l’ergastolo economico’ per 23 imprenditori del settore orafo aretini e un 75enne albanese, da anni domiciliato a Lugano, con uffici a Chiasso, finiti nei guai nell’ambito dell’operazione ‘Fort Knox’, il più colossale traffico illegale di oro da Arezzo al Canton Ticino. Traffico scoperto nel 2012 (4,334 tonnellate di metallo giallo, valore di mercato all’epoca quantificato in 198 milioni di euro, 118 indagati, fra cui una dozzina di ticinesi, decine di corrieri di preziosi e valuta, per lo più comaschi). La Corte di Cassazione italiana ha depositato le motivazioni della sentenza con la quale rigetta i ricorsi contro la sentenza dell’11 novembre 2017 del Gup di Arezzo Marco Cecchi. Sentenza diventata quindi definitiva.

Se sul piano penale il processo si era risolto in modo più che favorevole per gli imputati (il reato di riciclaggio era stato derubricato in ricettazione e il reato associativo era stato cancellato), sul piano civile aveva confermato la confisca dei beni sequestrati nel corso dell’indagine (immobili e conti correnti per 36 milioni di euro, una decina dei quali a carico dell’albanese considerato il capo dei capi della vasta organizzazione). Nella sentenza del Gup aretino stava scritto che tutti gli imputati condannati avrebbero dovuto rispondere in solido dell’intero valore (198 milioni di euro) dell’oro traghettato in Ticino. E così hanno confermato i giudici della Suprema Corte.

Un meccanismo schiacciasassi quello del risarcimento in solido del totale del danno erariale. Basti dire che l’albanese residente in Ticino rischia di essere chiamato a rispondere in prima persona dei 198 milioni di euro da confiscare se gli altri imputati dovessero risultare nullatenenti. Si ha notizia di un importante imprenditore orafo aretino che per evitare la confisca dei propri beni li ha intestati alla moglie. Una scappatoia scoperta dalla Guardia di finanza. Ora che la sentenza è passata in giudicato è iniziata la caccia al tesoro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
12 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
12 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Bellinzonese
1 gior
Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così
Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
Bellinzonese
1 gior
Nuove scuole a Lodrino entro il 2028
Il progetto Meta si è aggiudicato il concorso per la progettazione del comparto scolastico. Investimento complessivo di 38 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved