laRegione
salario-minimo-il-ps-dai-giudici-di-losanna-base-di-ripartenza
Ti-Press
16.11.21 - 19:07
Aggiornamento : 19:31

Salario minimo, il Ps: dai giudici di Losanna base di ripartenza

I socialisti prendono slancio per l’iniziativa su 21,50 franchi l’ora e deroga per i Ccl. Ma il Plr: il problema è il monitoraggio all’acqua di rose

Il Tribunale federale respinge i due ricorsi delle undici ditte, attive soprattutto nel Mendrisiotto, e dice sì alla legge ticinese sul salario minimo. Ma se con la bocciatura delle opposizioni promosse nell’aprile dell’anno scorso viene messa una base legale certa da Losanna, meno chiaro è ciò che attende il dossier. Perché stamattina è stato intimato solo il dispositivo, le motivazioni non sono ancora state rese pubbliche. E saranno le motivazioni a far capire, nel dettaglio, quali potranno essere le basi per futuri sviluppi: leggasi, l’iniziativa lanciata dalla sinistra per alzare la soglia del salario minimo a 21,50 franchi l’ora e per togliere la deroga all’attuazione dove è firmato un Contratto collettivo di lavoro. Solo dopo aver letto le motivazioni, infatti, si saprà se i giudici di Mon Repos hanno qualcosa da annotare in merito alle questioni tra salario sociale ed economico, o su altri punti. Si vedrà. Intanto le reazioni non mancano. A partire dal governo.

Vitta: confermato che l’impianto legislativo è buono, ora applicazione lineare

«L’impianto legislativo ha retto bene di fronte ai ricorsi, quindi vuol dire che il tutto è stato costruito in maniera corretta», commenta tirando un sospiro di sollievo il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta: «Per noi si tratta, adesso, di avere un punto fermo che toglie tante incertezze – spiega –. C’erano aspetti delicati perché da un lato avevamo l’articolo costituzionale votato dal popolo che lasciava spazi di criticità, dall’altro il diritto federale che doveva essere rispettato». A ogni modo, il direttore del Dfe ricorda che «non potendo ovviamente aspettare la sentenza ci siamo da tempo organizzati in funzione dell’entrata in vigore del salario minimo, in modo da avere un apparato già pronto per monitorarne gli effetti e per procedere con i relativi controlli». Il Tf ha messo un punto fermo, dice Vitta. Ma in campo c’è già l’iniziativa lanciata da Ps, Verdi, Pc e Pop. Insomma, dopo il sospiro di sollievo si rischia di sparigliare tutto di nuovo. C’è timore per questo in governo? «Come detto – risponde Vitta –, si tratta di applicare l’articolo costituzionale votato dal popolo e la legge varata dal parlamento, confermata nella sua validità dal Tribunale federale. Bisogna essere lineari e seguire il quadro di riferimento, sennò il rischio è di creare ulteriori incertezze dove, appunto, il Tf ha invece fatto chiarezza».

Sergi (Mps): il Tribunale federale dice che la deroga per i Ccl va bene, di cosa si esulta?

E non per tutti è una buona notizia. «È un guaio!», esclama il coordinatore del Movimento per il socialismo Giuseppe Sergi. «Questa sentenza vuole dire anche che l’articolo sulla deroga per i Ccl è stato confermato, che è conforme al diritto superiore, e mi sembra tutto tranne che positivo», commenta. E con l’iniziativa popolare lanciata dalla sinistra la cui raccolta firme è ancora in corso? «Ci vediamo tra cinque anni...», risponde caustico Sergi. Salvo poi aggiungere che «a livello parlamentare e a livello costituzionale ci sono già in campo delle nostre proposte. Se il parlamento davvero vorrà agire, sarà solo una questione di volontà».

Il Partito socialista dal canto suo tira dritto e con rinnovata spinta. Per il capogruppo Ps in Gran Consiglio Ivo Durisch, infatti, «sicuramente c’è soddisfazione per questa sentenza, che in qualche modo conferma l’entrata in vigore della legge. Oggi abbiamo una base legale solida, che per noi sul punto della deroga per i Ccl non è chiara, e da questo momento si può iniziare a lavorare su questa legge che abbiamo detto sin dall’inizio non era perfetta». Avanti tutta, quindi, «con la nostra iniziativa popolare, perché questa sentenza è una base di ri-partenza per migliorare sia la questione dei Ccl sia del montante del salario orario».

Uno slancio, quello socialista, che trova la «ferma opposizione» del Plr. La capogruppo Alessandra Gianella, infatti, parte da «una doverosa premessa». Vale a dire che «i nostri emendamenti alla legge sul salario minimo chiedevano un monitoraggio a ogni passaggio di forchetta, per verificare gli effetti della misura sui salari in particolare dei residenti. Il parlamento questa cosa non l’ha voluta, ora va in automatico che le forchette si susseguiranno e ci sarà questa strategia di controllo che si basa su segnalazioni e controlli a campione: chiaramente, rispetto a un messaggio annuale del Consiglio di Stato, è acqua di rose». A questo punto, «oltre che ricordare che si parla di circa 16mila lavoratori su quasi 190mila di cui due terzi sono frontalieri», per Gianella è importante sottolineare che «se l’obiettivo era favorire i ticinesi, bisognerà invece capire se e quanto i salari dei residenti non saranno livellati verso il basso e se non si perderanno posti di lavoro». Ciò detto, «è inutile fare delle proposte ora perché ci si è accorti che quanto si è votato fa acqua, non è andando a proporre una gara a rialzo delle cifre che si risolve il problema. Perché il problema di fondo è monitorare l’effetto di questo salario minimo sui residenti, cambiando la cifra non si risolve niente».

Ricciardi (Ocst): continuare con contrattazione collettiva

Netta è l’analisi che, sul fronte cristiano sociale, offre il sindacato Ocst. In una nota firmata dal segretario cantonale Renato Ricciardi, si registra soddisfazione e si ribadisce che “la legge stabilisce un salario minimo vitale, non economico. Continueremo nel nostro impegno per la stipula di contratti collettivi, con minimi al di sopra di quanto previsto dalla legge». E tenendo sempre fermo, come rilevato anche da Gianella, che “il salario è una componente fondamentale, ma è anche importante agire sulle altre condizioni e questo può avvenire solo nell’ambito della contrattazione collettiva”.

Rimanendo all’oggi, il via libera all’applicazione è sancito una volta per tutte. Il salario minimo in vigore da fine anno sarà compreso tra i 19 e i 19,50 franchi all’ora. La forchetta passerà a 19,50-20 franchi a fine 2023 e a 19,75-20,25 il 31 dicembre 2024.

Leggi anche:

Salario minimo, il Tribunale federale respinge i ricorsi

Salario minimo ticinese, due ricorsi al Tribunale federale

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ricorsi salario minimo tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
14 min
Corsia per i Tir, ‘non si accettano compromessi’
Il Consiglio comunale di Novazzano mette nero su bianco la sua ‘ferma opposizione’ al progetto firmato dall’Ustra
Ticino
1 ora
Refezione scuola infanzia, facoltativa per alcuni allievi
La maggioranza commissionale con il rapporto di Ghisletta
Ticino
2 ore
Ermotti-Lepori: ‘Calcoli fuorvianti’. Filippini: ‘No, legittimi’
È polemica per il rapporto sull’iniziativa che chiede al Cantone un abbonamento Arcobaleno per i deputati che rinunciano al rimborso spese per trasferte
Ticino
2 ore
Preture di protezione, sì al voto preliminare dei cittadini
Riorganizzazione tutorie: la commissione parlamentare firma il rapporto stilato da Luca Pagani e Sabrina Aldi. Sei i correlatori
Ticino
3 ore
‘La lotta al riciclaggio è pane quotidiano per i fiduciari’
Cristina Maderni, presidente della Ftaf, ricorda che la legge è vincolante per chi opera nella gestione dei patrimoni. ‘Ma il tema è di tutta l’economia’
Bellinzonese
4 ore
Bellinzona, Castles & Go pronta a scattare
Domenica 29 maggio si terrà la prima edizione della corsa podistico-culturale in stile medievale
Mendrisiotto
5 ore
Marito violento condannato anche in Appello
La Corte riduce, però, la pena di tre anni e infligge tre anni e sei mesi. Caduta l’accusa di tentato omicidio
Ticino
5 ore
Allerta temporale, da Russo a Malvaglia (e a Nord del Gottardo)
Il fronte del maltempo dovrebbe portare con sé grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Allarme di intensità rossa
Luganese
5 ore
‘Il-rispetto-non-ha-età’: la polizia di Lugano gioca d’anticipo
Presentata la campagna di sensibilizzazione ‘mirata a promuovere una serena convivenza tra chi ha il diritto di divertirsi e chi di riposare’
Mendrisiotto
6 ore
Cade il carcere per il cacciatore che uccise per sbaglio l’amico
I giudici della Corte di appello hanno ridotto e sospeso a 2 anni la condanna per omicidio colposo all’autore, un 53enne del Mendrisiotto
© Regiopress, All rights reserved