laRegione
08.11.21 - 14:39
Aggiornamento: 20:26

Riaprono i checkpoint Covid a Massagno e Bellinzona

Lo ha deciso il Consiglio di Stato. L’accesso ai checkpoint per i test PCR per le persone con sintomi sarà su appuntamento

riaprono-i-checkpoint-covid-a-massagno-e-bellinzona
Ti-Press

Riaprono da oggi, 8 novembre, i checkpoint Covid di Massagno e Bellinzona, gestiti dall’Ordine dei medici del Cantone Ticino. Lo ha comunicato il Consiglio di Stato, in considerazione dell’evoluzione epidemiologica delle ultime settimane, e in vista dell’arrivo della stagione più fredda, che impongono la necessità di rafforzare l’accesso semplice e rapido ai test PCR per le persone che manifestano sintomi del Covid.

I due presidi sanitari di Massagno (in via San Gottardo 50, ex sede del Giornale del Popolo) e Bellinzona (in via Brunari 2a, Officina veicoli dell’Esercito, di fronte al centro sportivo) saranno aperti dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12, mentre si alterneranno durante i weekend (stessi orari). Le modalità di accesso ai checkpoint restano invariate: sarà possibile farsi testare in questi centri esclusivamente su appuntamento.

Le persone che presentano sintomi sono quindi invitate a contattare l’hotline cantonale (al numero 0800 144 144 o tramite e-mail a testcovid(at)fctsa.ch) oppure il proprio medico di famiglia per fissare data e orario del test.

Per le persone sintomatiche il costo dei test continua ad essere assunto dalla Confederazione, ma questi test non danno diritto all’ottenimento del certificato COVID. Per le persone vaccinate con sintomi, ricorda il Dss, è necessario svolgere un test PCR (il test antigenico rapido non è raccomandato).

A indirizzare le persone ai checkpoint potranno essere pure i Pronto soccorso degli ospedali e la centrale d’allarme 144. Non è invece permesso rivolgersi direttamente ai checkpoint su iniziativa individuale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 ore
Lavori forestali, nelle selve degli appalti
Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
2 ore
Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’
Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
8 ore
Lugano, Lalia non slega il legislativo
I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
8 ore
Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione
Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
10 ore
Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera
Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
10 ore
In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta
Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
11 ore
Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi
Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
11 ore
AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna
Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas
Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Bellinzonese
12 ore
Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso
Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
© Regiopress, All rights reserved