laRegione
08.11.21 - 14:39
Aggiornamento: 20:26

Riaprono i checkpoint Covid a Massagno e Bellinzona

Lo ha deciso il Consiglio di Stato. L’accesso ai checkpoint per i test PCR per le persone con sintomi sarà su appuntamento

riaprono-i-checkpoint-covid-a-massagno-e-bellinzona
Ti-Press

Riaprono da oggi, 8 novembre, i checkpoint Covid di Massagno e Bellinzona, gestiti dall’Ordine dei medici del Cantone Ticino. Lo ha comunicato il Consiglio di Stato, in considerazione dell’evoluzione epidemiologica delle ultime settimane, e in vista dell’arrivo della stagione più fredda, che impongono la necessità di rafforzare l’accesso semplice e rapido ai test PCR per le persone che manifestano sintomi del Covid.

I due presidi sanitari di Massagno (in via San Gottardo 50, ex sede del Giornale del Popolo) e Bellinzona (in via Brunari 2a, Officina veicoli dell’Esercito, di fronte al centro sportivo) saranno aperti dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12, mentre si alterneranno durante i weekend (stessi orari). Le modalità di accesso ai checkpoint restano invariate: sarà possibile farsi testare in questi centri esclusivamente su appuntamento.

Le persone che presentano sintomi sono quindi invitate a contattare l’hotline cantonale (al numero 0800 144 144 o tramite e-mail a testcovid(at)fctsa.ch) oppure il proprio medico di famiglia per fissare data e orario del test.

Per le persone sintomatiche il costo dei test continua ad essere assunto dalla Confederazione, ma questi test non danno diritto all’ottenimento del certificato COVID. Per le persone vaccinate con sintomi, ricorda il Dss, è necessario svolgere un test PCR (il test antigenico rapido non è raccomandato).

A indirizzare le persone ai checkpoint potranno essere pure i Pronto soccorso degli ospedali e la centrale d’allarme 144. Non è invece permesso rivolgersi direttamente ai checkpoint su iniziativa individuale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Nuovo svincolo autostradale di Sigirino, via ai lavori nel 2025
Presentati i dettagli del progetto. L’investimento complessivo è di 32,8 milioni, di cui l’80% a carico del Cantone
Ticino
4 ore
Tre arresti per spaccio di anfetamine
I fermi di tre giovani sono scattati nel corso delle ultime settimane nel Locarnese e Luganese
Ticino
4 ore
Terremoto in Turchia e Siria, il Governo dona 50mila franchi
Il Consiglio di Stato ticinese ha devoluto la somma alla Catena della Solidarietà
Bellinzonese
6 ore
Aeroporto di Ambrì, ‘gestione equilibrata da non sconvolgere’
Pur evidenziando margini di sviluppo, l’ente comunale non ritiene necessario spingere per favorire grossi insediamenti oltre alla Gottardo Arena
Mendrisiotto
6 ore
Palazzine al posto dell’ex grotto Valera, ci si riprova
I promotori immobiliari presentano una variante al progetto, in prima battuta contestato dalle associazioni e bocciato dai servizi cantonali
Luganese
9 ore
‘In ansia per i miei figli’: Mezhde rischia ancora l’espulsione
Verso il preavviso negativo da parte del Cantone. L’avvocata della famiglia curda: ‘Non tengono in considerazione che lei ha vissuto più qui che in Iraq’
Bellinzonese
9 ore
L’Eoc: caso chiuso. ‘Ma noi vogliamo vederci chiaro, aiutateci’
San Giovanni di Bellinzona, senza esito le verifiche avviate sulla segnalazione di ex infermiere malate che preparavano antitumorali a mani nude
Ticino
9 ore
Albertoni: ‘La frammentazione politica ci preoccupa non poco’
Il direttore della Camera di commercio: ‘Gli imprenditori hanno bisogno di certezze. Meno ideologia e più discussioni fondate su fatti concreti’
Ticino
9 ore
‘La nostra forza? La biodiversità investigativa’
Polizia giudiziaria. Ferrari e Gnosca: ‘Profili diversi, indagini performanti’. Sta per chiudersi il concorso per aspiranti ispettori e ispettrici
Centovalli
17 ore
Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare
La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
© Regiopress, All rights reserved