laRegione
speziali-abbiamo-il-diritto-di-avere-la-nostra-visione
Archivio Ti-Press
28.10.21 - 21:50
Aggiornamento: 22:25

Speziali: ‘Abbiamo il diritto di avere la nostra visione’

Il presidente del Plr davanti al proprio ‘parlamentino’ sul contenimento della spesa: ‘Reazioni caricaturali, noi sempre pronti alla collaborazione’

«Abbiamo tutto il diritto di dire, dentro e fuori dal parlamento, che alcune voci di spesa tremendamente alte meritano un’analisi onesta e che non è nel nostro dna un aumento delle imposte. Soprattutto in una fase di ripartenza dopo l’uscita dalla fase acuta della pandemia». È un Alessandro Speziali con l’elmetto in testa quello che, davanti al comitato cantonale liberale radicale riunitosi stasera a Sementina, è tornato sull’«argomento clou di queste settimane», vale a dire l’iniziativa parlamentare Udc che impone il pareggio dei conti entro il 2025 agendo ‘prioritariamente’ sulle uscite.

‘Scusate, dove lo vedete ’sto liberismo sfrenato?’

Il presidente del Plr è stato chiarissimo: «Con il gruppo parlamentare abbiamo fatto una scelta netta per sgombrare il campo dall’ambiguità, proponendo un emendamento poi approvato dal Gran Consiglio che chiede di agire appunto ‘prioritariamente’ sulle spese, un emendamento e un avverbio che chiariscono alcuni aspetti perché ci potrebbero essere altri meccanismi che incidono sul bilancio rispetto alle entrate e alle uscite». Ciò detto, Speziali va ad alzo zero: «In questo Cantone delle iperbole ci sono state reazioni drammatizzanti e caricaturali dopo questo voto, si è parlato e si parla di liberismo sfrenato… ma scusate, dov’è questo liberismo sfrenato? Il Ticino a cadenza di mesi conosce nuove leggi, a livello fiscale siamo parecchio in basso nelle classifiche intercantonali, siamo il cantone delle direttive, delle regole e delle regolette, siamo in testa se si parla di numero di strumenti di politica sociale. Ripeto: dove sono queste ombre tetre del liberismo?».

‘Siamo interclassisti, no alla macelleria sociale’

Ed è anche una fiera «difesa dei capisaldi e del passato del nostro partito», quella di Speziali. Perché «non è nella tradizione interclassista avviare una macelleria sociale. Piuttosto - qui la bordata è partita in direzione Ppd - non ci siamo permessi di fare emendamenti ‘ad dipartimentum’, cioè toccare tutto tranne le voci di spesa più alte. Ogni Dipartimento deve poter essere radiografato». Ma ne ha avute anche per i socialisti, il presidente del Plr: «Col nostro emendamento abbiamo chiaramente dimostrato che non vogliamo colpire i più deboli. Il parlamento - ha continuato Speziali - sta diventando una lista dei desideri. Fa parte della dialettica politica costruire narrative a senso unico e parecchio denigratorie per chi vive nel nostro partito».

‘Le cucine sono ben funzionanti’

Partito che «ha le cucine ben funzionanti» e nel menu del futuro prossimo c’è di tutto. A partire dall’annoso tema giustizia. «Queste telenovele sulle scelte dei candidati non fanno bene né alla magistratura, né al loro percorso. Stiamo cercando di capire se ci sono altri sistemi che possano mettere da parte l’etichetta politica per arrivare a una squadra unita e coesa scelta dalla testa della giustizia».

Ma non solo. L’obiettivo liberale radicale è puntato anche sulla scuola, perché «stiamo lavorando sul ripensamento del sistema dei livelli, essendoci accorti sempre più come la formazione professionale sia strettamente legata alla scuola media». Nell’agenda figurano anche sanità, legge sulle commesse pubbliche, lotta alla burocrazia, crisi demografica ed energie alternative.

‘No a statalismo e collettivismo’

Tutto, ha assicurato Speziali, «partendo dal fatto che, come sempre, pur essendo capaci di profilarci chiaramente siamo altrettanto capaci di collaborare, ascoltare, incontrarci. Uno dei nostri punti di forza è confrontarci con la realtà e assumerci le nostre responsabilità e lo facciamo nelle commissioni, in parlamento, dentro e fuori i palazzi della politica». Con una postilla apposta a mo’ di ‘memento’: «Nella miglior tradizione svizzera vogliamo mantenere il cantone il più snello possibile, ma altrettanto tonico e con una chiara visione liberale radicale che sia la migliore risposta alle narrative troppo vicine a statalismo e collettivismo che non ci porteranno da nessuna parte».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro speziali plr
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
6 ore
Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno
Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Ticino
7 ore
Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza
Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Luganese
9 ore
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
12 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
12 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
12 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
12 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
15 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
19 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
19 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
© Regiopress, All rights reserved