laRegione
parmalat-bis-luca-sala-ribadisce-la-sua-estraneita
Ti-Press
Al centro Luca Sala con i suoi legali
18.10.21 - 20:44

Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità

Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala

Prima giornata, quella di oggi, al processo Parmalat bis o meglio all’ex manager di Bank of America Luca Sala ed ex consulente del gruppo agroalimentare italiano comparso sul banco degli imputati nell’aula del Tribunale penale federale a Bellinzona. Il 30 gennaio 2017 era stato assolto dalle imputazioni di riciclaggio di denaro aggravato per intervenuta prescrizione, ma condannato – un solo caso accertato – per istigazione alla falsità in documenti non riferito però al crac Parmalat, ma per una presunta truffa ai danni della sede milanese di Bank of America, istituto per il quale Sala ha lavorato una decina di anni prima di passare, per soli tre mesi e in qualità di consulente esterno, a Parmalat nel luglio del 2003. Per quest’ultima vicenda gli venne inflitta una pena pecuniaria sospesa. Per quanto riguarda i risvolti svizzeri del dissesto Parmalat venne invece prosciolto. L’istanza di ricorso al Tribunale federale di Losanna inoltrata dall’accusa rappresentata dal procuratore pubblico Stefan Herold fu quindi accolta e gli atti rinviati a Bellinzona per un nuovo giudizio. Gli episodi di riciclaggio contestati a Sala sono scesi intanto da 501 a 212. È l’unico cambiamento sostanziale nell’atto d’accusa, essendo immutate rispetto al primo dibattimento le ipotesi di reato che vanno dal riciclaggio di denaro, istigazione alla falsità in documenti ripetuta. Accuse rigettate in toto dal collegio difensivo di Sala composto dagli avvocati Daniele Timbal, Andrea Soliani e Aurelia Schröder. La pubblica accusa è invece sostenuta dai procuratori federali Stefano Herold e Alessandro Bernasconi.

All’inizio del dibattimento condotto dalla presidente della Corte Fiorenza Bergomi (giudici a latere Roy Garré e Monica Galliker) l’avvocato Timbal ha sollevato una serie di pregiudiziali, tra cui la richiesta di estromissione di Parmalat Spa, la newco subentrata alla originaria e fallita Parmalat, in quanto non avrebbe subito un danno diretto. Secondo la difesa, l’accusatrice privata rappresentata dall’avvocato Ivan Paparelli non avrebbe nessun interesse giuridico avendo nel frattempo ceduto il credito. Richiesta respinta dalla Corte. Sono state invece accolte tra gli atti del processo due sentenze di diritto civile di un tribunale del Liechtenstein che danno ragione a Sala in procedimenti di risarcimento avviati da Parmalat nel Principato. «Con quelle somme (tre milioni di dollari, ndr) ho pagato parte degli obblighi alimentari nei confronti di mia moglie e figlio oltre, ovviamente, alle salatissime parcelle dei miei legali nel Liechtenstein», ha poi affermato Sala che nel frattempo vive in Brasile in una località a 80 chilometri da San Paolo dove ha avviato un’attività imprenditoriale nel settore della gestione elettronica dei pagamenti con carte di credito e di debito. «Guadagno l’equivalente di circa 3 mila franchi al mese», ha poi precisato per sottolineare che è lontano dai fasti di quando era in Bank of America dove era arrivato (siamo all’inizio del 2000) a guadagnare fino a 180 mila euro l’anno oltre ai lauti bonus versati dalla stessa banca in un trust a lui riconducibile sull’isola di Jersey.

La corte ha anche deciso di acquisire agli atti del processo un rapporto del professore Marco Ziliotti, consulente tecnico sentito lo scorso luglio in uno dei procedimenti giudiziari a Parma che ruotano attorno al crac Parmalat. Richiesta avanzata dall’avvocato Andrea Soliani.

Esaurita la parte procedurale, il dibattimento è proseguito con l’interrogatorio dell’accusato per chiarire le operazioni che hanno portato il Ministero pubblico della Confederazione a valutare in 52,4 milioni di franchi l’ammontare della somma che Sala avrebbe – secondo le ipotesi accusatorie – riciclato tra il 2000 e il 2004 in istituti di Lugano, Coira e Vaduz. Cifra contestata dall’avvocato Timbal che l’ha definita «una mistificazione» in quanto il nuovo atto di accusa non tiene conto dei reati già oggetto dell’intervenuta prescrizione.

Stando allo stesso Sala, interrogato dalla presidente Fiorenza Bergomi, quelle somme depositate in banche svizzere e del Liechtenstein e intestate a società offshore erano frutto del suo lavoro. In pratica Bank of America – salassata da un’operazione con titoli di Stato russi (400 milioni di dollari di perdite, ndr) – aveva deciso di chiudere, licenziando l’intero team, un suo servizio che offriva alle società multinazionali con sussidiarie in Paesi con elevato rischio politico (il Sud America, ma non solo, ndr) la copertura di questo rischio per crediti concessi alle stesse sussidiarie: una sorta di assicurazione in capo alla casa madre che riusciva a fare in modo che le sue società figlie all’estero si finanziassero a costi più bassi del mercato. Sparito questo team, Sala aveva avuto l’idea di offrire questi servizi a Parmalat in proprio appoggiandosi non più alla sua banca, ma a compagnie assicurative esterne. Dell’incasso dei premi e del pagamento delle varie provvigioni si occupavano – stando a Sala – una serie di società offshore con conti alla Neue Bank di Vaduz e alla Banca cantonale dei Grigioni a Coira. «Nessuno si è mai chiesto se Parmalat pagasse di più o di meno rispetto al mercato. Posso dimostrare che pagava per questo servizio molto meno», ha ricordato l’ex manager che comunque deve chiarire alla Corte come mai nel formulario A di apertura conto in alcune operazioni aveva indicato come avente diritto economico persone residenti in Brasile e che apparentemente non avevano nulla a che fare con gli affari creditizi e assicurativi di Sala.

Il dibattimento proseguirà domani e dovrebbe terminare il 29 ottobre, mentre la sentenza è attesa per l’8 di novembre.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bank of america luca sala parmalat bis
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
4 ore
Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman
Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
5 ore
Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl
Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Luganese
8 ore
Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce
In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
8 ore
Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura
Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Locarnese
10 ore
Incidente a Maggia: si cercano testimoni
Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Locarnese
15 ore
Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia
Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Luganese
1 gior
Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina
Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Ticino
1 gior
Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre
Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
1 gior
Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati
Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Locarnese
1 gior
Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici
Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
© Regiopress, All rights reserved