laRegione
15.10.21 - 18:49

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina

personale-sanitario-licenziate-perche-non-si-vogliono-testare
Ti-Press

Si sono rifiutate di effettuare i test salivari anti Covid, obbligatori per il personale sanitario non vaccinato, e per questo sono state licenziate. È il caso, riportato dalla Rsi, di due lavoratrici della Clinica luganese Moncucco. In tutto il cantone gli episodi di questo genere sarebbero meno di una decina.

«In generale i collaboratori che non si vaccinano si sottopongono di buon grado ai test salivari ripetuti o a quelli rapidi», dice Paolo Bianchi, direttore della Divisione della salute pubblica. «C’è qualche resistenza, ma molto inferiore a quella che può esserci sul vaccino. Chi non accetta questo tipo di misura, soprattutto il test salivare che non è invasivo sull’integrità fisica della persona, con le regole attuali risulta non idoneo al lavoro e le strutture possono agire secondo le regole del contratto di lavoro». I casi sono però pochi e isolati e secondo Bianchi «non ci sono avvisaglie che si crei un problema su larga scala tale da mettere in pericolo l’assistenza sanitaria».

Per Raoul Ghisletta, segretario cantonale del sindacato Vpod, presto alcune interruzioni di lavoro di questo tipo potrebbero finire in tribunale: «Con la penuria di personale che abbiamo nel settore sociosanitario non sono sicuramente delle buone notizie. Per quanto ne sappiamo sono dei licenziamenti determinati da una volontà di creare degli atti provocatori affinché si vada, da parte di frange molto accese di no-vax, davanti alla giustizia e si faccia una giurisprudenza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
11 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
13 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
16 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
19 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
23 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
23 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 gior
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved