laRegione
13.10.21 - 18:13
Aggiornamento: 19:59

Commesse pubbliche, conterà anche la responsabilità sociale

Una fase pilota coinvolgerà per prime la Divisione delle costruzioni del Dt e la Sezione della logistica del Dfe

commesse-pubbliche-contera-anche-la-responsabilita-sociale
Ti-Press
Il manuale sarà aggiornato con i criteri della responsabilità sociale delle imprese

Anche la responsabilità sociale delle imprese entrerà tra i criteri utilizzati per stilare la classifica dei migliori offerenti nell’ambito della Legge sulle commesse pubbliche. Il Consiglio di Stato, infatti, ha approvato le modalità di applicazione della premialità relativa al criterio della responsabilità sociale delle imprese (Csr) nella Legge sulle commesse pubbliche (LCPubb). “Si tratta di un esempio concreto di applicazione dello sviluppo sostenibile in ambito pubblico”, si legge in una breve nota.

Il Consiglio di Stato – considerata l’importanza dello sviluppo sostenibile negli ambiti economico, sociale e ambientale – ha inserito il tema nel Programma di legislatura 2019-2023 e in tale contesto il Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe) promuove la responsabilità sociale delle imprese (Csr) quale contributo delle imprese allo sviluppo sostenibile. “Quest’ultimo si sta infatti sempre più configurando anche come un fattore di competitività delle aziende e di attrattività del territorio e l’Amministrazione cantonale intende supportare le imprese in questo percorso”. “Anche le associazioni economiche che fanno parte del Gruppo Csr Ticino condividono questo obiettivo e s’impegnano nella sensibilizzazione dei loro associati attraverso l’offerta di diversi strumenti operativi e la promozione di incontri formativi sul tema”, si precisa.

Per dare un ulteriore esempio di applicazione concreta dello sviluppo sostenibile in ambito pubblico, il Consiglio di Stato ha approvato oggi le modalità di applicazione della premialità relativa al criterio della Csr nella Legge sulle commesse pubbliche (LCPubb).

Si procederà ora con una fase di test pilota interna all’Amministrazione cantonale, che coinvolgerà la Divisione delle costruzioni del Dipartimento del territorio e la Sezione della logistica del Dfe e le relative commesse, a partire da quelle concernenti le opere da impresario costruttore. “Successivamente il Centro di competenza in materia di commesse pubbliche potrà concordare con gli enti banditori interessati l’introduzione e l’estensione graduale a tutte le tipologie di commesse e allestirà un progetto di direttive adeguate per rendere il criterio obbligatorio per le commesse non sottoposte ai trattati internazionali”. Quindi per valori soglia che non fanno scattare le gare internazionali. “Contestualmente verranno proposti dei percorsi formativi sia per gli enti committenti che per le imprese offerenti”, si spiega.

L’inserimento della Csr nella legislazione sulle commesse pubbliche “è un esempio concreto di applicazione dello sviluppo sostenibile in ambito pubblico, che si pone come obiettivo la sensibilizzazione delle imprese nei confronti della responsabilità economica, sociale e ambientale del loro operato”.

La scheda informativa che fissa i criteri della Csr, tenendo conto dell’impegno delle imprese nell’ambito della sostenibilità economica, ambientale e sociale, è stata allestita grazie a un lavoro congiunto tra la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi), il Centro di competenza in materia di commesse pubbliche, l’Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche del Dipartimento del territorio e la Divisione dell’economia del Dfe.

La Crs peserà per il 4% del totale

«Sono trenta i criteri contenuti nella scheda e tutti chiedono di dimostrare alle aziende partecipanti di andare oltre quanto previsto dalle norme legali», spiega Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia. Si va dalle certificazioni sull’efficienza energetica, al pagamento di salari superiori al minimo legale o a congedi parentali più lunghi di quelli di legge. «Anche la parità di genere e la rappresentanza femminile in seno alla direzione o nei Cda sono ad esempio criteri presi in considerazione», continua Rizzi che precisa che «il criterio di aggiudicazione della Csr pesa per un 4% rispetto alla ponderazione degli altri fattori presi in esame per l’aggiudicazione. Per ora si è in una fase di test, con l’obiettivo di testare gli indicatori e contemporaneamente formare committenti e imprese».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery e video
Bellinzonese
38 min
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
38 min
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
9 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
10 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
10 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
10 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
12 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
12 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
12 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
13 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
© Regiopress, All rights reserved