laRegione
laR
 
30.09.21 - 17:30
Aggiornamento: 20:14

Preventivo ’22, ogni partito ha la sua via per il risanamento

Gianella (Plr): ‘Un altro approccio’. Guerra (Lega): ‘Tirare la cinghia’. Agustoni (Ppd): ‘No ad aumento delle imposte’. Durisch (Ps): ‘Cambiare registro’

preventivo-22-ogni-partito-ha-la-sua-via-per-il-risanamento
Ti-Press

«Ogni partito ha la sua visione del Paese, ed è sempre interessante confrontarsi. Ma a un certo punto la lista dei desideri di ognuno deve diventare una lista condivisa perché, sennò, l’impegno di riequilibrare le finanze entro il 2025 non sarà mantenuto». La capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella accoglie il Preventivo 2022 presentato oggi (con 135 milioni di disavanzo) volgendo già lo sguardo al futuro: «Serve un serio cambio di approccio, a partire dalla Commissione della gestione. Sul come analizzare i messaggi correnti, ma soprattutto dovremmo iniziare a dedicare più tempo per discutere, dibattere e trovare un punto d’incontro su elementi condivisi: tutto questo non è mai stato fatto». L’auspicio di Gianella è «che dalle prossime riunioni si cominci a entrare in una visione di Paese vera, non si deve più limitarsi al dire di farlo ma prendersi il tempo, e l’impegno, di farlo». Anche perché se la politica a volte è lenta, «queste cifre mostrano che c’è una resilienza dell’economia ticinese, la crisi la stiamo accogliendo un po’ meglio del previsto. La politica faccia la sua parte».

Guerra: ‘Non tagli draconiani, ma spalmare un margine di risparmio’

Per il leghista Michele Guerra «l’attuale situazione finanziaria è sotto stretto monitoraggio, ormai da due anni, della nostra Sottocommissione finanze. Ed è una situazione gravemente compromessa e fuori controllo, che prevede deficit ricorrenti di 200 milioni l’anno per i prossimi anni e l’aumento del debito pubblico di un miliardo di franchi». Fortunatamente, continua, «dal 2015 al 2019 abbiamo condotto un importante risanamento dei conti che ci ha permesso di presentarci alla pandemia più robusti: ma la situazione rimane gravemente compromessa e richiede un intervento». Per uscirne «come sempre, le possibilità sono due. Una da noi non condivisa, l’aumento di tasse e imposte, cioè scaricare sul cittadino già tartassato il peso economico della pandemia. Una da noi condivisa, cioè ridurre le uscite». Questo, sottolinea Guerra, «non significa però fare tagli draconiani e smantellamenti, ma fare ciò che farebbe qualsiasi famiglia in difficoltà: tirare la cinghia». In sostanza, «spalmare su tutto il bilancio pubblico e i Dipartimenti un margine di risparmio che noi riteniamo esista». Ma, conclude il deputato leghista, «Attenzione! Non dovessimo farlo oggi, tra due o tre anni il governo a furia di accumulare perdite si troverebbe obbligato ad aumentare a tutti tasse e imposte. E questo noi vogliamo evitarlo come la peste».

Agustoni: ‘Parliamo comunque del 3% del bilancio...’

Quello presentato oggi dal Consiglio di Stato per il capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni è «un Preventivo di transizione, ma non si capisce verso cosa si stia transitando perché dal governo non c’è un’indicazione politica su come pensano di riequilibrare i conti. Questo è l’ultimo anno in cui si possono lasciare così le cose, già se nel 2023 avessimo un Preventivo simile saremmo costretti ad aumentare le imposte e noi abbiamo già ribadito la nostra contrarietà a far pagare alla popolazione l’incapacità di riequilibrare i conti». Ad ogni modo, Agustoni osserva che «se le cifre sono queste, rientrare non sarà un esercizio particolarmente drastico: il bilancio del Cantone è di 4mila milioni di franchi, 135 sono qualcosa attorno al 3%. Con un impegno forte da parte di chi è interessato a mettere a posto i conti, si può raggiungere l’obiettivo senza danneggiare le fasce deboli o farlo generalmente pagare alla popolazione».

Durisch: ‘La ricetta non è il blocco delle spese’

Il capogruppo socialista Ivo Durisch annota dal canto suo che «la nostra ricetta non è sicuramente un blocco delle spese, perché inciderebbe soprattutto su quella sociosanitaria e non lo accetteremmo». Ciò detto, per Durisch «bisogna smettere di rincorrere l’attrattività fiscale e cominciare a diventare attrattivi per famiglie e giovani, con servizi e prestazioni adeguati, una politica familiare seria e creare posti di lavoro per i giovani ben retribuiti e con opportunità di crescita». In questo modo, «a medio termine possiamo anche risanare le finanze del Cantone, abbandonando il miraggio che i nuovi contribuenti facoltosi ci risolvano problemi che la politica della maggioranza del Gran Consiglio ha creato da sola».

Leggi anche:

135,3 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2022

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
53 min
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
1 ora
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
1 ora
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
1 ora
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
1 ora
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
1 ora
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
6 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
7 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
8 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
9 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
© Regiopress, All rights reserved