laRegione
29.09.21 - 12:42
Aggiornamento: 14:07

I prossimi permessi di soggiorno in formato carta di credito

Il documento nel nuovo formato verrà utilizzato per i cittadini Ue/Aels e i permessi G e C in caso di nuovo rilascio, rinnovo o aggiornamento

i-prossimi-permessi-di-soggiorno-in-formato-carta-di-credito
(foto: admin.ch)

A partire dal 1° ottobre 2021 anche in Ticino i cittadini UE/AELS che otterranno un nuovo permesso di soggiorno o un permesso G o C, oppure rinnoveranno o aggiorneranno quello di cui sono attualmente in possesso, riceveranno la nuova carta di soggiorno AA19 in formato carta di credito. Per i cittadini di Stati terzi titolari di permessi L, B e C la situazione rimarrà invariata poiché essi sono già ora in possesso di una carta biometrica. Lo comunica il Dipartimento delle Istituzioni.

La conversione al nuovo formato, nel quale saranno integrate la fotografia e la firma - ma non i dati biometrici - concretizza un progetto del Dipartimento federale di giustizia e polizia denominato PA19, per il quale è stata prevista un’introduzione scaglionata nei diversi Cantoni, ed è stato previsto per garantire una maggior sicurezza e per rispondere meglio alle esigenze di una società moderna.

Questo cambiamento, che comporterà un aumento del rilevamento dei dati personali, fino a circa 250 registrazioni aggiuntive giornaliere, porta con se una ridefinizione e un potenziamento dell’organizzazione della Sezione della popolazione. Dal 1° ottobre 2021, i rilevamenti saranno effettuati dal Servizio documenti d’identità con sede a Bellinzona che già si occupa della registrazione dei dati relativi a cittadini di Stati terzi oltre all’elaborazione dei documenti d’identità svizzeri. Sarà possibile spostare gli appuntamenti “in modo semplice e rapido” tramite un’agenda online.

Il nuovo formato è previsto al momento della prima richiesta, in caso di rinnovo, come pure in occasione di modifiche che rendono necessario un aggiornamento del permesso. I permessi di soggiorno rilasciati in forma cartacea rimangono dunque validi fino alla data della loro scadenza e saranno sostituiti unicamente in caso di modifiche.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
13 min
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
19 min
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
55 min
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
2 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
2 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
2 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Ticino
3 ore
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
3 ore
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
3 ore
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
4 ore
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
© Regiopress, All rights reserved