laRegione
24.09.21 - 18:14
Aggiornamento: 19:03

Vaccino, in Ticino non cresce il numero di dosi somministrate

Il Cantone è in controtendenza rispetto alla media svizzera, ma Zanini spiega il motivo: ‘Abbiamo già un alto tasso di persone immunizzate’

vaccino-in-ticino-non-cresce-il-numero-di-dosi-somministrate
Ti–Press
Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini

In Svizzera il numero di vaccinazioni giornaliere è cresciuto rispetto all’estate, si legge nel comunicato della Confederazione. In Ticino invece no. Meno interesse per il farmaco a sud delle Alpi? Secondo il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini la differenza si spiega in un altro modo: «Noi, rispetto ad altri cantoni, abbiamo una parte importante della popolazione che si è già vaccinata». L’incremento che si registra in Svizzera è dunque dovuto alle grandi richieste in regioni con un tasso di adesione molto inferiore. Per esempio, in Appenzello Interno la percentuale di popolazione che ha ricevuto almeno una dose è inferiore di circa 13 punti rispetto al Ticino.

«In alcuni cantoni, come l’Obvaldo, sono stati presi d’assalto». Cosa che non è successa alle nostre latitudini. O quasi. A seguito dell’annuncio del Consiglio federale dell’estensione dell’obbligo del Covid pass, «abbiamo avuto una fiammata – ricorda Zanini –, ma è durata solo quattro giorni. Tra l’8 e l’11 settembre le intenzioni di vaccinarsi (tenendo conto delle iscrizioni online, il walk-in a Giubiasco e l’affluenza nel bus itinerante) sono triplicate. Poi sono scese, per tornare ora ai livelli precedenti la decisione federale». Quest’ultima ha avuto un effetto sui test di depistaggio? «Sì, nelle ultime settimane ne sono stati effettuati circa il 50 per cento in più», indica il farmacista cantonale che snocciola i dati: durante l’ultima settimana di luglio le farmacie hanno effettuato circa 16mila test rapidi, la settimana scorsa 22mila.

Cantoni impreparati

«Alcuni cantoni, come l’Obvaldo, hanno avuto un vero e proprio boom di richieste. Non erano preparati a una tale affluenza», dice Zanini. «Anche noi abbiamo avuto qualche problema di gestione a Giubiasco, ma solo l’8 settembre. Molte persone quel giorno hanno usufruito della possibilità di presentarsi senza appuntamento».

In arrivo Johnson&Johnson

Per coloro che non possono vaccinarsi con Pfizer o Moderna l’attesa per l’immunizzazione si fa più corta. Il farmacista cantonale, ai microfoni della Rsi, stima che in poco tempo saranno disponibili in Ticino cinque o seimila dosi del preparato Johnson&Johnson. La priorità sarà data proprio a chi non tollera i farmaci già disponibili in Svizzera e alle persone che, costrette al domicilio, non ne hanno potuto beneficiare a causa dei problemi di conservazione.

Leggi anche:

Test gratuiti per tutti fino al 10 ottobre

Certificato Covid per i luoghi al chiuso dal 13 settembre

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
1 ora
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
1 ora
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
3 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
3 ore
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
3 ore
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
4 ore
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
4 ore
In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
Luganese
5 ore
Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl
Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
5 ore
Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento
Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
© Regiopress, All rights reserved