laRegione
eitan-e-il-nonno-controllati-a-lugano-la-polizia-nega
Ticino
18.09.21 - 13:210
Aggiornamento : 19.09.21 - 18:16

Eitan e il nonno controllati a Lugano? La polizia nega

Shmuel Peleg e il nipote, accompagnati da un misterioso autista, non sarebbero stati fermati prima di giungere all’aeroporto

Una rete di complicità. Grazie a quella Shmuel Peleg, nonno paterno di Eitan, il bambino sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, sarebbe riuscito a portare il piccolo in Israele dopo averlo prelevato dalla casa della zia per una delle visite autorizzate dal giudice. Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, la procura starebbe infatti lavorando su possibili coperture e complicità.

Emergono però ulteriori dettagli riguardo la vicenda. Sempre il Corriere della Sera parla infatti di un controllo di polizia effettuato in Svizzera che Peleg avrebbe superato senza ostacoli. La Golf sulla quale viaggiavano nonno e nipote, guidata da un autista israeliano, sarebbe infatti stata fermata nelle vicinanze dell’aeroporto di Agno per un controllo di routine, nel corso del quale sarebbero state identificate tutte e tre le persone a bordo dell’auto (Shmuel aveva con sé il passaporto di Eitan, che avrebbe dovuto riconsegnare tempo prima). Giunti successivamente all’aeroporto, nonno e nipote sono saliti sul velivolo diretto in Israele, e sono atterrati a Tel Aviv alle 18.25.

Ma la Polizia cantonale smentisce la circostanza

Da noi interpellato, il Servizio stampa della Polcantonale afferma che «dalle verifiche esperite al nostro interno non risulta che la Polizia cantonale abbia mai controllato le persone oggetto dell’articolo» del quotidiano italiano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
‘Al Palacinema è necessario un cambiamento di rotta’
Il direttore Roberto Pomari pensa all’evoluzione della struttura e auspica investimenti. Uno è per la ridefinizione degli spazi al terzo piano
Ticino
3 ore
Molestie sessuali, audit o Cpi? Il dilemma resta
La sottocommissione finanze della Gestione ieri è tornata a discuterne. La soluzione è ancora lontana, ma i partiti cominciano a prendere posizione
Luganese
3 ore
Lugano, la nuova piscina a otto corsie entro il 2028
La struttura sorgerà a Trevano, al posto di quelle (più piccole) attualmente in usa al Liceo 1 e proprio al Centro professionale.
Bellinzonese
10 ore
Tornata la luce nelle strade e nei castelli di Bellinzona
Il direttore Amb, Mauro Suà, parla di un guasto nel frattempo risolto al comando dell’illuminazione pubblica di vecchia generazione
Mendrisiotto
11 ore
Cure a domicilio, sempre più vicini al territorio
L’Associazione del servizio regionale sta pensando a un centro di prevenzione a Morbio Inferiore. Trattative in corso per Casa Cereghetti
Luganese
11 ore
Lugano, Comitato commercianti scettico sul Polo sportivo
I vertici sottoscrivono l‘Appello per il no, a causa dei ‘comunali’ spostati a Cornaredo, ma il presidente precisa: ’Ci sono anche i favorevoli’
Mendrisiotto
12 ore
Tutti i treni del mondo fermano alla Galleria Baumgartner
Il centro espositivo taglia il traguardo dei 20 anni. Apertura speciale dall’1 al 7 novembre. La storia del convoglio racchiusa nel collezionismo
Bellinzonese
12 ore
Disastro del Palasio, ‘non è arrivata alcuna allerta meteo’
Bellinzona: il municipale Bang ha anche spiegato che la camera di ritenuta crollata il 7 agosto non aveva in precedenza mai dato segni di cedimento
Bellinzonese
13 ore
Chiesto più impegno al Teatro Sociale di Bellinzona
Dal Consiglio comunale diverse sollecitazioni per una migliore promozione e raccolta sponsorizzazioni. Citato l’esempio della Humabs Biomed
Mendrisiotto
14 ore
L’aula nel bosco a Stabio ora è realtà
Conclusi i lavori per la realizzazione dello spazio didattico immerso nella natura. Prenotazioni possibili annunciandosi al Dicastero ambiente
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile