laRegione
l-aiti-dobbiamo-evitare-un-nuovo-lockdown
laR
 
10.09.21 - 05:30
Aggiornamento: 13:53

L'Aiti: dobbiamo evitare un nuovo lockdown

Dopo le decisioni dI Berna, l'Associazione industrie scrive alle aziende e raccomanda: mantenete i piani di protezione, la pandemia non è alle spalle

“Raccomandiamo a tutte le aziende di mantenere in vigore i piani di protezione e di verificare regolarmente la loro applicazione. Il fatto che una parte importante o molto importante del personale sia vaccinato, non deve indurre a credere che la pandemia sia oramai alle spalle. Anzi! L’obiettivo nostro e delle autorità deve restare quello di evitare chiusure totali o parziali di attività, pertanto l’applicazione regolare e completa dei piani di protezione della salute in azienda resta indispensabile”. Lo sottolinea l’Associazione industrie ticinesi in una mail inviata alle ditte affiliate (attualmente circa duecentoventi) nel primo pomeriggio di ieri, all’indomani della decisione del Consiglio federale di estendere, da lunedì, l’obbligo del certificato Covid per accedere all'interno dei ristoranti e a manifestazioni al chiuso. E di accordare, sempre da lunedì, la possibilità ai datori di lavoro di chiedere il pass ai propri dipendenti. Ed è su quest'ultimo aspetto che si sofferma l'Associazione industrie. “Data la genericità delle decisioni comunicate ieri (mercoledì ndr) dal Consiglio federale, è per noi difficile dare delle risposte completamente esaustive su tutte le disposizioni che le aziende possono mettere in atto. Per questo - scrive l'Aiti - restiamo a disposizione per un contatto personale“. Aggiunge: "Appare ad esempio sostenibile introdurre un obbligo dell’utilizzo della mascherina per il personale non vaccinato o comunque non in possesso del Covid-Pass, mentre all’inverso non obbligare a utilizzare la mascherina chi è vaccinato, sul posto di lavoro. Tutto però dipende molto anche dalle attività specifiche delle imprese”.

Dal 13 settembre, ricorda l'Associazione industrie ticinesi, è quindi "data facoltà ai datori di lavoro di verificare se il personale è in possesso o meno di un certificato Covid, se ciò è necessario all’attuazione di misure di protezione adeguate o di strategie di test". Se chiedono ai loro dipendenti di sottoporsi al test, i datori di lavoro "dovranno coprirne i costi". Soltanto i test ripetuti "saranno assunti dalla Confederazione". Nella mail si richiama poi un aspetto importante: "L’impiego del certificato e le misure che le aziende intendono adottare andranno discusse con il personale e dovranno essere documentate per iscritto".

La Confederazione "non prevede l’obbligo di certificato nei luoghi di lavoro e nei centri di formazione (comprese le mense). L’ordinanza (...) indica che le mense aziendali possono (ma non sono obbligate) rinunciare a limitare l’accesso delle persone a partire dai 16 anni alle persone con un certificato vaccinale. Se utilizzano tale possibilità devono prevedere misure di protezione adeguate, segnatamente il rispetto della distanza obbligatoria fra gli ospiti o gruppi di ospiti e l’obbligo di stare seduti durante la consumazione. La limitazione di accesso alle mense aziendali è dunque consentita".

Modenini: un blocco totale o parziale della produzione sarebbe drammatico per tante attività

Nella comunicazione alle aziende associate, spiega da noi interpellato il direttore dell'Aiti Stefano Modenini, «abbiamo pure evidenziato la necessità di non allentare i piani di protezione interni. Anche le industrie devono fare la loro parte per scongiurare un nuovo lockdown. Ci sono ordinazioni da rispettare. Un blocco totale o parziale della produzione imposto dall'autorità sarebbe drammatico per tante aziende, in particolare per quelle piccole. Che potrebbero non risollevarsi più».  

Leggi anche:

Certificato Covid per i luoghi al chiuso dal 13 settembre

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiti certificato lockdown
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
16 ore
Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud
Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
20 ore
Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti
Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
22 ore
È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio
L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior
A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’
Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior
InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’
Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
© Regiopress, All rights reserved