laRegione
il-governo-riconoscere-ufficialmente-la-lingua-dei-segni
Ti-Press
27.08.21 - 17:32
Aggiornamento : 17:56

Il governo: 'Riconoscere ufficialmente la lingua dei segni'

Il Consiglio di Stato, su proposta del Dss, chiede un passo avanti verso l'inclusione e la solidarietà. De Rosa: 'Valori che devono diventare quotidiani'

La lingua dei segni e i diritti di informazione dei disabili devono essere riconosciuti ufficialmente. Lo chiede il Consiglio di Stato con un messaggio che, aderendo a due atti parlamentari del Partito socialista, “vuole fare un ulteriore passo per favorire una comunicazione adeguata, rapida e chiara, nel rispetto del principio della parità di trattamento” si legge nella nota governativa. E «di questo passo nella giusta direzione» è orgoglioso il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa. Interpellato dalla 'Regione' sottolinea che «già nel programma di legislatura avevamo indicato la necessità e l’importanza di una migliore comunicazione verso il cittadino, e da subito abbiamo iniziato a usare ancora di più la lingua facile, come in occasione della distribuzione del materiale elettorale per le votazioni».

Poi, prosegue De Rosa, «è arrivata la pandemia, che ha accelerato il processo di maggior accessibilità e il bisogno di informare tutti della criticità della situazione. Quindi sono arrivate le conferenze stampa con l’interprete e i sottotitoli con nuovi metodi di comunicazione, perché era estremamente importante che tutti fossero a conoscenza del momento e capissero come comportarsi, quanto era importante adottare certe misure di salute pubblica». La pandemia ha accelerato questo processo e «ha permesso di cambiare paradigma: in questo senso è importante la decisione presa dal Consiglio di Stato, su proposta del Dss, di procedere a una modifica della Costituzione cantonale, proprio come chiara volontà politica di rafforzare tre elementi: l’inclusione sociale, economica, culturale e professionale; la partecipazione di tutti alla vita sociale; migliorare l’autonomia di tutte le persone, in particolare quelle con disabilità, per garantire parità di trattamento e combattendo l’esclusione sociale».

Con un doppio binario, rileva il direttore del Dss: «Ci sono da un lato solidarietà, inclusione e partecipazione che devono diventare valori quotidiani, non solo in occasione di situazioni di crisi. E dall'altro c'è il diritto all’informazione, al dialogo, a comunicare».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lingua dei segni raffaele de rosa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 min
Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola
L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Bellinzonese
3 ore
‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio
Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Ticino
3 ore
Maggio va agli archivi, ma non... i controlli della velocità
Da Airolo a Ligornetto, attenzione a non premere troppo sull’acceleratore sulle strade ticinesi: ce n’è per tutti
Bellinzonese
4 ore
Alta Leventina: Prato e Quinto vogliono unirsi
Nei prossimi giorni sarà inviata una lettera al Consiglio di Stato per avviare la procedura di aggregazione. Airolo, Bedretto e Dalpe hanno rifiutato
Ticino
5 ore
In piazza contro l’aumento delle spese militari
Il comitato di solidarietà Ucraina Ticino è contrario all’aumento del bilancio per la difesa e alla politica di avvicinamento alla Nato
Bellinzonese
5 ore
‘Carnevaa iunaited’: a Lumino Gabry Ponte e Davide Van de Sfroos
La festa estiva organizzata da Rabadan Bellinzona, Lingera Roveredo (Gr), Or Penagin Tesserete e Stranociada Locarno avrà luogo il 24, 25 e 26 giugno
Grigioni
5 ore
Ferite per un giovane motociclista a Lostallo
Incidente della circolazione per un 21enne allievo conducente ieri pomeriggio sulla H13 che da Bellinzona porta a San Bernardino
Locarnese
8 ore
Pretorio di Locarno, scelto il progetto di ristrutturazione
Il via ai lavori, che dureranno quasi tre anni, è previsto all’inizio del 2025. Investimento complessivo: 35 milioni di franchi
Mendrisiotto
10 ore
Auto in fiamme sulla A2 direzione sud, disagi al traffico
Secondo quanto riporta il Tcs, la corsia di destra dell’autostrada è chiusa fra la galleria San Nicolao e l’uscita di Mendrisio
Locarnese
15 ore
Analisi della violenza giovanile, tra malessere ed emulazione
Diversi episodi nel Locarnese. Le chiavi di lettura in un’intervista con Loredana Guscetti, operatrice sociale che lavora sul territorio
© Regiopress, All rights reserved