laRegione
07.08.21 - 05:30
Aggiornamento: 26.03.22 - 15:14

La vaccinazione per ora non fa l’unanimità in governo

Gobbi: ‘Non la escludo’. De Rosa: ‘L’ho fatto per me stesso e per gli altri’

la-vaccinazione-per-ora-non-fa-l-unanimita-in-governo
Ti–Press

Vaccinazione sì, vaccinazione no. L’eterno dilemma per parte della popolazione si rivede anche nel governo ticinese. Non tutti i Consiglieri di Stato hanno infatti ancora scelto l’immunizzazione. «Pur avendo una vita sociale molto intensa, con contatti frequenti, non mi sono mai ammalato, così come non mi sono mai ammalato nei periodi di normale influenza», dice alla ‘Regione’ il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. «Tuttavia non escludo di farmi vaccinare, quando riterrò che sarà opportuno e necessario farlo. Comunque – tiene a puntualizzare – attualmente mi faccio tamponare per partecipare ai vari eventi istituzionali o pubblici, come ad esempio il Festival».

Abbiamo chiesto anche al direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta se ha deciso di immunizzarsi: «Sì, sono vaccinato. Si è trattato di una scelta condivisa con la mia famiglia, perché crediamo nella scienza e crediamo che questo sia il modo migliore per proteggere se stessi e il prossimo. Va precisato però che si tratta di una scelta personale, che resta tale anche per chi ricopre cariche pubbliche e di governo. Si deve quindi rispettare anche chi decide di non vaccinarsi o di attendere. Certo, un Consigliere di Stato o un’altra figura investita di una certa visibilità può contribuire con l’esempio a veicolare un messaggio utile alla salute pubblica, ma resta anzitutto una persona. Per questo io ho comunque scelto di non pubblicare immagini o messaggi al momento della vaccinazione, sui social o altrove». Per Vitta il discorso cambia quando si tratta di personale sanitario o persone a contatto con malati e categorie vulnerabili: «In quel caso probabilmente sarebbe opportuna una scelta di responsabilità vaccinandosi per non esporre il prossimo a rischi eccessivi».

Anche direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa dice di essersi vaccinato se stesso e gli altri, «per me stesso e per gli altri, soprattutto per proteggere le persone più fragili. Mi auguro che la campagna vaccinale possa ottenere i migliori risultati, perché sono fermamente convinto del fatto che proprio da essa dipenda la possibilità di una svolta nella lotta alla pandemia. Si tratta comunque di un risultato al quale puntiamo attraverso l’informazione e la sensibilizzazione, perché deve comunque trattarsi di una scelta libera e personale, per cui non pretendo certo di poter fungere da modello».

Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio, preferisce invece non esprimersi al riguardo: «È un tema sul quale non mi piace prendere posizione».

Il direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport Manuele Bertoli si era al contrario esposto pubblicamente con un post sui social in occasione della prima dose di vaccino: "Questa è la strada da percorrere per uscire dallo stallo in cui ci troviamo e ritrovare progressivamente una nuova normalità. Invito anche voi, quando potrete, a farvi vaccinare: è un gesto semplice, utile a chi lo fa e utile al Ticino", aveva scritto il presidente del Consiglio di Stato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
7 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
7 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
8 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
9 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
9 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
9 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
9 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
10 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
10 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
© Regiopress, All rights reserved