laRegione
sisma-al-dipartimento-del-territorio-lascia-paolo-poggiati
Paolo Poggiati (Ti-Press)
29.07.21 - 16:41
Aggiornamento : 22:18

Sisma al Dipartimento del territorio: lascia Paolo Poggiati

Dimissiona il capo della Sezione dello sviluppo territoriale. Non avrebbe condiviso la recente riorganizzazione con la nascita della sezione 'Natura e biodiversità'

Terremoto al Dipartimento del territorio diretto da Claudio Zali. Si è dimesso il capo della Sezione dello sviluppo territoriale Paolo Poggiati. Stando a quanto appreso dalla ’Regione’, l’alto funzionario del Cantone ha rassegnato le dimissioni per la fine del prossimo febbraio. E le avrebbe rassegnate non condividendo la recentissima riorganizzazione decisa dal consigliere di Stato leghista che ha portato all’istituzione di una Sezione: una nuova sezione, attribuita alla Divisione dell’ambiente, denominata ’Natura e biodiversità’, nella quale è stato inserito anche l’Ufficio della natura e del paesaggio, finora sotto la Sezione dello sviluppo territoriale appartenente alla Divisione dello sviluppo territoriale e della mobilità. Un ’trasloco’ che Poggiati non avrebbe digerito.

Nell'Amministrazione cantonale da oltre trent'anni

Originario della Leventina ma residente da tempo nel Mendrisiotto, nel Comune di Breggia, Poggiati, 62 anni, architetto paesaggista, è alle dipendenze dell’Amninistrazione cantonale dal 1990, dopo aver lavorato in proprio per alcuni anni come consulente nella pianificazione locale. Nel maggio del 2011 è stato nominato dal Consiglio di Stato alla testa della Sezione dello sviluppo territoriale, dopo aver diretto l’Ufficio della natura e del paesaggio.

La decisione dei vertici del Dipartimento del territorio di dar vita alla Sezione natura e biodiversità, decisione di cui è si è saputo dal 'Bollettino ufficiale delle leggi' del 16 luglio, ha sollevato interrogativi dentro e fuori i palazzi dell'Amministrazione. Alcuni li pone l’Udc con un’interrogazione inoltrata il 20 luglio da Daniele Pinoja per il gruppo parlamentare. Fra i quesiti posti al Consiglio di Stato: "Era veramente necessaria un'operazione di questo genere?" 

'Natura e biodiversità', chi la dirigerà? Concorso interno, concorso lampo

E chi dirigerà la nuova Sezione? Il concorso è uscito il 16 luglio, lo stesso giorno nel quale sul Bollettino delle leggi è apparsa la novità: la Sezione natura e biodiversità. Un concorso interno all’Amministrazione. Un concorso lampo: è infatti scaduto lunedì 26. Rumors indicano in Luca Veronese, oggi capo dell’Ufficio del coordinamento e dell’informazione nonché collaboratore personale di Zali, il futuro responsabile della nuova Sezione. Secondo nostre informazioni, per le posizioni dirigenziali Zali avrebbe comunque sempre optato per concorsi interni, puntando così sulle risorse umane presenti in seno al Dipartimento. Tornando alla neonata Sezione, il concorso si è sì chiuso, ma il governo non ha ancora proceduto alla designazione del suo capo. Si vedrà.   

Sempre secondo nostre informazioni, qualche anno fa Poggiati avrebbe manifestato al direttore del Dipartimento l'intenzione di far capo al prepensionamento. Probabilmente la recente riorganizzazione ha indotto l'alto funzionario a rompere gli indugi, ovvero a rassegnare le dimissioni. Contattato dalla 'Regione', Poggiati preferisce non rilasciare dichiarazioni, non ora. Insomma, non è questo il momento delle esternazioni.

Molti gli incarti che lo hanno impegnato in questi trent'anni e passa al Dipartimento del territorio. Incarti che hanno scritto la storia del territorio cantonale e ne hanno rivelato i cambiamenti. Balza all’occhio un’annotazione ‘storica’ che accomuna gli esordi alla fine di carriera di Poggiati. Entrambi i momenti sono stati accompagnati, suo malgrado, dalla polemica. Scelto per le sue competenze - nasce come detto architetto paesaggista - dall’allora direttore del Dt Marco Borradori per guidare la Sezione dello sviluppo territoriale, Poggiati era con altri funzionari pubblici iscritto nella famigerata lista di proscrizione del ‘Mattino della Domenica’ e figurava tra i nomi da epurare. Oggi è lui ad andarsene chiudendosi la porta alle spalle.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
concorso paolo poggiati sezione sviluppo territoriale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo
Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Ticino
3 ore
Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero
Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
4 ore
È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc
Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Luganese
5 ore
Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno
Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Locarnese
5 ore
Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’
Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
6 ore
Molestie all’Unitas, assemblea tesa
Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
8 ore
San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico
Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior
Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti
L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior
Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga
L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior
Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto
Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
© Regiopress, All rights reserved