laRegione
26.07.21 - 13:03
Aggiornamento: 15:42

Soldi dal Ticino all'Italia: condanna definitiva per spallone

Sentenza della Corte di Cassazione italiana. Reclusione confermata per 61enne comasco

di Marco Marelli
soldi-dal-ticino-all-italia-condanna-definitiva-per-spallone
Ti–Press

È passata in giudicato, dopo la sentenza della Corte di Cassazione italiana, la condanna a quattro anni di reclusione, inflitta sia in primo che in secondo grado, a Como e a Milano, di un 61enne spallone comasco, che nell'ambito di un'operazione condotta tra il 2013 e il 2015 dalla Procura lariana, era stato trovato in possesso di 500mila euro, somma che stava portando dal Ticino a due clienti italiani.

“Capitali provenienti da evasione fiscale e illegalmente detenuti in Ticino”, scrivono nelle motivazioni che hanno portato alla condanna dello spallone di valuta da parte dei giudici della Suprema Corte. Insomma, capitali di illecita provenienza, sufficiente quindi a configurare il reato di riciclaggio di soldi sporchi. Un reato fin qui poche volte riconosciuto in Italia. Contro questa ipotesi accusatoria che ha fatto lievitare l'entità della pena si erano opposti i difensori del comasco. Opposizione respinta dalla Corte di Cassazione la cui sentenza è destinata a fare giurisprudenza. Annotano i giudici romani: “Integra il reato di riciclaggio il compimento di operazioni volte non solo a impedire in modo definitivo, ma anche a rendere difficile l'accertamento della provenienza del denaro” e inoltre “si configura il dolo” nel momento in cui anche solo l'imputato “accetta il rischio della provenienza delittuosa del denaro investito”.

Insomma, come nella fattispecie, se ti consegnano un trolley con mezzo milione di euro in contanti da portare di nascosto dalla Svizzera, non dovresti far molta fatica a capire che si tratta di soldi sporchi. Soprattutto ora che è intervenuta una sentenza della Suprema Corte a chiarire, una volta per tutte, che il traffico illegale di valuta (che continua) non è più possibile considerarlo un reato amministrativo, come è stato sino agli ultimissimi anni. Sino a quando Procura e Guardia di finanza di Como hanno fatto emergere che i soldi portati in Svizzera era frutto di reati.

Per lo spallone comasco a breve si apriranno le porti del Bassone, carcere di Como. Pesanti condanne anche per i due imprenditori italiani che clienti di fiduciarie ticinesi hanno aspettato invano di tornare in possesso dei 500mila euro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
40 min
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
3 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
3 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
6 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
6 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
6 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
12 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
13 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
17 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
Ticino
18 ore
Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati
Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
© Regiopress, All rights reserved