laRegione
Salernitana
0
Atalanta
1
2. tempo
(0-0)
Zugo
2
Friborgo
1
fine
(1-1 : 0-0 : 0-0 : 1-0)
Lakers
5
Losanna
1
fine
(2-0 : 2-0 : 1-1)
Ginevra
3
Lugano
5
fine
(1-1 : 1-2 : 1-2)
Ajoie
4
Ambrì
0
3. tempo
(3-0 : 0-0 : 1-0)
Bienne
3
Davos
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Langnau
2
Zurigo
6
3. tempo
(0-1 : 1-4 : 1-1)
vaccini-test-cartelle-cliniche-online-la-svolta-sanitaria
Depositphotos
Ticino
 
24.07.21 - 05:100

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza

La sanità digitale è già una realtà in Israele, dove tutto ha potuto funzionare molto velocemente col vaccino Covid, perché i dati sanitari della popolazione erano informatizzati, tutto a disposizione in un clic, dalle vaccinazioni alle allergie, dalla terapia per il diabete all’operazione al menisco di dieci anni fa. Addirittura in Estonia c’è la cartella informatizzata del paziente, così in Danimarca e in alcune regioni dell’Austria.

Doveva partire dal 2020 

In Svizzera se ne parla da quattro anni, la legge impone a ospedali, cliniche e case per anziani di aderire al sistema di cartella informatizzata. Doveva essere disponibile dal 2020, siamo nel 2021 e solo un centinaio di pazienti svizzeri ha avuto accesso al sistema e non tutti i cantoni hanno trovato una soluzione. Non è un sistema gestito centralmente da Berna (che sembrerebbe più semplice!) ma organizzato da singoli cantoni o regioni, che si appoggiano a chi (i provider sono di regola Posta o Swisscom) crea le piattaforme informatiche. Una volta fatte, serve una certificazione che ne attesti sicurezza e validità. Un iter insomma piuttosto complesso e nuove competenze tutte da costruire.

‘Non c'era il know how in Svizzera’

Perché la Svizzera è così in ritardo e a che punto è il Ticino, ce lo spiega Carlos Garcia, presidente dell’associazione e-Health Ticino che, costituita nel luglio 2016, raggruppa tutti i partner pubblici e privati e gestisce la realizzazione della cartella informatizzata del paziente. «Il passaggio dalla teoria (legge federale LCIP) alla pratica è risultato piuttosto difficile soprattutto per implementare le soluzioni a livello cantonale e intercantonale. I tempi tecnici sono stati lunghi sia per creare le entità che gestiscono il progetto (alcuni cantoni hanno scelto l’associazione, altri la SA, altri ancora formule miste pubblico-privato) sia per ottenere la certificazione. Non c’era il know how, che è stato costruito in questi anni». 


Carlos Garcia, presidente dell’associazione e-Health Ticino

Otto gruppi già certificati

Attualmente in Svizzera ci sono 8 comunità di riferimento, di cui quattro hanno ottenuto la certificazione: Emedo per il canton Argovia, Dossier Santé per Neuchâtel, Cara per 5 cantoni romandi (Friburgo, Ginevra, Giura, Vaud e Vallese) ed eSanità per Grigioni, San Gallo, Glarona, Appenzello esterno e interno. «In Ticino il processo di certificazione è in corso ed è atteso per l’autunno, poi la macchina sarà autorizzata a essere usata. Dovremo promuovere la cartella informatizzata del paziente e convincere i cittadini a usarla».

Certo vien da chiedersi se non era meglio avere una comunità unica a livello nazionale. Una sola soluzione tecnica per tutti non era più semplice? «Effettivamente sì, penso che 8 milioni di cartelle cliniche andavano gestite da un sistema centrale, come in altre nazioni», precisa.

I medici tiepidi sulla rivoluzione digitale

Come sarà accolta la novità in Ticino è tutto da scoprire, soprattutto da parte dei medici. «Loro non sono obbligati ad affiliarsi alla rete, comunque sarebbe un progetto monco senza i medici di famiglia, che hanno tutta la storia clinica dei pazienti». L’associazione di categoria FMH è tiepida. «Alcuni medici lavorano ancora con cartelle cartacee, implementare un sistema informatico ha dei costi, altri forse non credono in una rete sanitaria; dove tutto diventa più trasparente».

Per chi sarà obbligatoria 

Per ospedali, cliniche, case anziani e case per partorienti la cartella informatizzata sarà obbligatoria. «Stiamo fotografando la situazione delle case anziani con l’associazione ADiCasi, alcune sono già informatizzate altre no. I grossi ospedali e le cliniche private hanno già tutti un sistema informatizzato». Alla fine a decidere sarà il paziente, sarà lui a dover fare il passo, a richiedere la nuova cartella sanitaria digitale. «Stiamo definendo con l’autorità cantonale come e dove organizzare il tutto», precisa. Alcuni cantoni lo fanno nelle farmacie, altri negli ospedali, altri ancora alla Posta.

La mia salute a portata di mano

L’obiettivo della cartella informatizzata è quello di raccogliere tutti i dati che raccontano la storia clinica del paziente – ossia malattie attuali e passate, esami clinici, terapie farmacologiche, lista delle allergie, vaccinazioni e test vari… – in un fascicolo personale in rete, a disposizione immediata di quegli operatori sanitari, che sono autorizzati ad accedervi. A decidere chi entra, chi può visionare quali documenti sanitari, è solo il paziente. Infatti saranno disponibili tre gradi di confidenzialità per i dati. Il titolare della cartella informatizzata può anche delegarne la gestione a una persona di fiducia (ad esempio un familiare, un amico o un medico di fiducia).

La cartella del medico, quella del farmacista con i dati dei pazienti continueranno a essere fatte come ora. Si tratta del cosiddetto ‘sistema primario’. Quello che cambierà, sarà il ‘sistema secondario’: tutte le informazioni sanitarie del paziente saranno caricate su una sorta di ‘nuvola digitale’, che connetterà tutte le cartelle, sarà così possibile condividere tutte le informazioni per le cure. Ad esempio, l’infermiere che cura un anziano a domicilio, potrà leggere i referti caricati dal medico, che l’ha operato qualche giorno prima. Oppure chi ha un malore in vacanza può permettere al medico del Pronto soccorso di avere una panoramica sulla sua situazione sanitaria, sapere quali terapie prende ecc. «I vantaggi sono numerosi, prima di tutto il paziente può appropriarsi dei suoi dati sanitari, gestirli in modo consapevole», precisa Garcia.

Ci saranno cosi meno errori medici

Dunque sarà più facile per il paziente avere le sue informazioni sanitarie sotto mano e saranno sempre disponibili anche quando è in viaggio. «Grazie alla condivisione delle informazioni che saranno accessibili velocemente e scambiate facilmente tra i vari operatori sanitari ci saranno anche meno errori medici». Infatti l’innovazione digitale della sanità permette di migliorare la qualità delle cure mediche, ospedaliere, con processi più efficienti e interazioni più immediate tra paziente, medici, farmacisti, terapeuti, strutture ospedaliere e laboratori. «La gestione del paziente sarà più efficace. Oltre al miglioramento della qualità delle cure ci aspettiamo anche una migliore efficienza del sistema sanitario, infatti sarà possibile contenere i costi sanitari evitando ad esempio di ripetere esami già eseguiti e fare cure inefficaci», commenta.

Quanto è sicuro avere i dati sanitari online

Ma allora perché fatica a decollare? Si temono hacker? «Gli standard di sicurezza sono molto elevati, il sistema in Ticino è implementato dalla Posta», dice. Più precisamente, aggiunge il nostro interlocutore, «la protezione delle informazioni sanitarie è garantita attraverso costanti verifiche e l’implementazione di misure che ne attestano sicurezza e protezione dei dati, ad esempio audit di certificazione, la cifratura dei dati, la tracciabilità e la verbalizzazione del trattamento», conclude.

Che cosa dice la legge

La legge federale sulla cartella informatizzata del paziente (LCIP), entrata in vigore il 15 aprile 2017, disciplina le condizioni quadro per l’introduzione e la diffusione della cartella informatizzata in Svizzera. L’adesione è obbligatoria per ospedali e cliniche (entro aprile 2020), per case di cura, istituti per invalidi e case per partorienti (entro aprile 2022), mentre l’adesione è facoltativa ma fortemente raccomandata per il settore ambulatoriale (studi medici, farmacie).

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
‘Imponimento’, chieste condanne per 630 anni complessivi
La proposta è stata avanzata dal procuratore aggiunto e dai due sostituti della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro
Luganese
7 ore
Party illegale al Parco Saroli: interviene la polizia
Oltre un centinaio di giovani si è riunito stanotte per fare festa. Secondo uno di loro, gli agenti avrebbero fatto uso di pallottole di gomma e spray al pepe
Ticino
9 ore
Eitan e il nonno controllati a Lugano? La polizia nega
Shmuel Peleg e il nipote, accompagnati da un misterioso autista, non sarebbero stati fermati prima di giungere all’aeroporto
Locarnese
17 ore
Cannabis, ‘la Svizzera guarda avanti ma il Ticino è fermo’
Il punto con Sergio Regazzoni, coordinatore dell’Associazione cannabis ricreativa. Intanto a Cugnasco-Gerra arrivano 206 firme ‘anti-puzza’ da coltivazione outdoor
Mendrisiotto
17 ore
Salta l’accordo fra Chiasso e Balerna sulle case anziani
Balerna abbandona il progetto di creare un ente autonomo con i vicini. Ma Chiasso è deciso a centrare l’obiettivo, ma in solitaria
Luganese
17 ore
Piscina di Savosa, scatti sott’acqua a caccia della luce
Quattro ballerine, una macchina fotografica e, sullo sfondo, luoghi della cultura: sono gli ingredienti di ’Fluttuazioni Divine’ di Franco Taranto
Ticino
1 gior
La destinazione Ticino è piaciuta anche con la pandemia
Uno studio dell’Università di San Gallo ha fatto emergere il valore turistico del territorio. Attività all’aperto e aree verdi, gli atout su cui puntare
Mendrisiotto
1 gior
Masseria di Vigino, il Cantone assicura la tutela del bene
L’interesse c’è. E anche la disponibilità a cedere il complesso a potenziali promotori (con tanto di sussidi). Purché il progetto sia rispettoso
Luganese
1 gior
Lugano, un pic-nic per sensibilizzare contro il Covid Pass
Si è svolta nella calma l’azione spontanea di protesta in centro città contro le discriminanti disposizioni decise dal Consiglio federale.
Bellinzonese
1 gior
Lumino, il prezzo del nubifragio ammonta a oltre un milione
Il Municipio chiede due crediti per coprire gli interventi già sostenuti e preventivati. Con i sussidi cantonali, l’onere netto per il Comune sarà di 360mila franchi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile